News

Dieta Dukan, squilibrata e pericolosa

07 giugno 2016

07 giugno 2016

Nonostante il suo successo, il regime alimentare ideato da monsieur Dukan non convince, anzi spaventa: troppe proteine, mentre l’organismo ha bisogno di tutti i nutrienti. Intanto il dottore francese, con il suo libro e i prodotti che consiglia, fa soldi a palate.

È la dieta all’ultima moda, con cui sempre più persone sperano di perdere tanti chili in poco tempo. È la dieta Dukan, famosa per essere seguita dai vip del jet set internazionale, ma ormai sempre più diffusa anche in Italia. Quanto fa bene all’organismo una dieta iperproteica come questa? Noi ve lo assicuriamo: è pericolosa.

Il successo di Dukan

Il medico francese 71enne Pierre Dukan lancia il libro “La dieta Dukan” nel 2000, ma dovrà attendere il 2009 per vedere il successo, grazie a un’aggressiva campagna di marketing e a un consistente investimento sul web. Si tratta di una dieta iperproteica (a base di carne, pesce, uova), ipocalorica (a basso regime calorico come tutte le diete), senza carboidrati (pane, pasta, riso, ecc.).

Dalla fase di attacco al consolidamento

La dieta è composta da quattro fasi principali:
  • Attacco (3-7 giorni): solo proteine pure (uova, pesce, carne e latticini a basso contenuto di grassi), bandite frutta e verdura.
  • Crociera (una settimana per ogni chilo da perdere) : oltre alle solite proteine si possono mangiare verdure a basso tenore di zuccheri; in questa fase l’organismo non assume ancora abbastanza fibre e carboidrati.

  • Consolidamento (10 giorni per ogni chilo di peso perso): riappaiono i carboidrati, ma il regime non è ancora ottimale per il fisico

  • Stabilizzazione: durante la stabilizzazione si devono seguire tre regole: un giovedì proteico; tre cucchiai di crusca Dukan al dì; l’abbandono dell’ascensore.

Il business delle proteine. Quanto fa bene?

Secondo molti medici è una dieta sbilanciata nei nutrienti e dunque pericolosa, soprattutto per ipertesi, cardiopatici e persone che bevono poco. È inoltre dimostrata la correlazione tra un’eccessiva assunzione di carne e l’aumento di rischio del cancro al colon retto, senza contare l’appesantimento che si arreca a fegato e reni assumendo tutte queste proteine. L’Ordine dei medici francesi ha accusato Dukan di usare la medicina a scopi puramente commerciali: nella sua dieta e sul suo sito, infatti, vengono consigliati prodotti che, guarda caso, lui stesso mette in commercio (crusca, integratori e bacche “miracolose”). Le diete iperproteiche in generale (e questa non è la prima) fanno perdere chili molto rapidamente, è vero, ma quanto sono duraturi, poi, i risultati? Secondo una ricerca francese l’80% delle persone recupera i chili persi entro un anno.


Stampa Invia