News

Garanzia Apple di due anni: l'Antitrust chiude il procedimento con 200 mila euro di sanzione.

21 dicembre 2012

21 dicembre 2012

Chi decide di acquistare un prodotto Apple sul sito italiano o in uno degli Apple store in italia potrà ora usufruire dei due anni di garanzia. L'azienda di Cupertino ha modificato le informazioni ingannevoli presenti sul suo sito italiano. Per il ritardo, l'Antitrust chiude il procedimento con una sanzione di 200 mila euro.

Dopo oltre un anno di battaglie legali, finalmente Apple ha deciso di rispettare la garanzia biennale di conformità sui propri prodotti. Sul sito italiano di Apple, infatti, sono state modificate le informazioni ingannevoli relative alla garanzia. Adesso viene detto chiaramente che la garanzia commerciale AppleCare Protection Plan si aggiunge ai due anni garantiti dal venditore, come previsto dal Codice del consumo, e non viceversa. Per il ritardo con cui Apple si è adeguata a un precedente provvedimento, l'Antitrust ha chiuso il procedimento con una sanzione di 200 mila euro. 

Le nostre prime verifiche sull'assistenza
Consideriamo questa una vittoria di Altroconsumo e dell'Antitrust, per la quale ci siamo intensamente impegnati da oltre un anno. Accogliamo in maniera favorevole le modifiche apportate da Apple. Il numero verde per l'assistenza (800 915 904), segnalato sul sito della Apple nella parte relativa alla garanzia, ora è attivo. Ne verifichiamo al più presto il funzionamento.

Chiediamo un adeguamento anche nel resto d'Europa
Riteniamo ci sia ancora tanto da fare, soprattutto in ambito europeo. Assieme al Beuc, l'organismo che riunisce le associazioni dei consumatori europee, e altre 11 associazioni di consumatori che, insieme ad Altroconsumo, hanno lanciato già da diversi mesi un’azione coordinata con diffide preliminari ad azioni inibitorie in molti Stati membri e segnalazioni alle Autorità competenti, chiediamo che ora l'azienda di Cupertino modifichi la propria politica sulla garanzia legale anche nel resto d'Europa dove, al momento, le condizioni non sembrano aver subito modifiche.

Stampa Invia