Come testiamo

Fazzoletti di carta: come testiamo


Ecco cosa abbiamo testato in un laboratorio specializzato.

Il test collaborativo

Abbiamo selezionato un centinaio di soci e non soci per provare i fazzoletti del nostro test. Chi meglio degli utilizzatori infatti può giudicarli? Ogni volontario ha ricevuto direttamente a casa sua un kit composto da 3 pacchetti di fazzoletti e, dopo averli utilizzati, ha compilato un questionario online su diversi aspetti:

  • Facilità di apertura della confezione;
  • Comodità di estrazione del fazzoletto;
  • Facilità di allargare il fazzoletto;
  • Dimensioni del fazzoletto aperto;
  • Morbidezza del tessuto del fazzoletto;
  • Resistenza del tessuto allo strappo;
  • Resistenza della chiusura della confezione.

Impatto ambientale

I giudizi migliori li ottengono i prodotti che utilizzano cellulosa riciclata, ma abbiamo valutato anche la presenza di certificazioni ambientali che denotano l’utilizzo di una materia prima sostenibile (Ecolabel, FSC, PEFC). I prodotti che non le hanno, ottengono le valutazioni peggiori. La maggior parte dei prodotti ha almeno un 70% di materia prima che proviene da foreste sostenibili. 
Anche l’imballaggio ha la sua importanza. Alcuni produttori scelgono imballaggi compostabili, meno diffusa la plastica riciclata, quelli più attenti ne indicano anche il corretto smaltimento.
La scelta in assoluto più ecologica, ed economica, resta il fazzoletto in stoffa, ma in tempi di Coronavirus il suo uso è sconsigliato in quanto meno igienico dell’usa e getta.

Etichetta

Completezza e chiarezza delle informazioni riportate sulla confezione sono un requisito essenziale. Giudizi negativi chi non riporta il numero di fazzoletti per pacchetto o il numero di veli.