News

K2 di Banco Popolare la carta che fa da conto corrente

29 luglio 2010

29 luglio 2010

Banco Popolare lancia sul mercato la sua prepagata "potenziata", Carta K2, che non consente solo di pagare nei negozi e di prelevare dagli sportelli automatici, ma funziona come conto corrente su cui è possibile accreditare lo stipendio e fare le altre operazioni classiche (bonifici, utenze, bollettini...). Non è la più conveniente sul mercato.

Banco Popolare lancia sul mercato la sua prepagata "potenziata", Carta K2, che non consente solo di pagare nei negozi e di prelevare dagli sportelli automatici, ma funziona come conto corrente su cui è possibile accreditare lo stipendio e fare le altre operazioni classiche (bonifici, utenze, bollettini...). Non è la più conveniente sul mercato.

La "tua pocket banca"?
Lanciata con lo slogan "la tua pocket banca", Carta K2 è una prepagata ricaricabile utilizzabile sul circuito Mastercard o Paypass per pagare le spese o per prelevare dagli ATM contante, ovviamente nei limiti del denaro caricato sulla tessera.

Può essere usata per inviare e ricevere bonifici in Italia e nell'area Sepa (31 Paesi europei), accreditare lo stipendio, domiciliare le utenze, pagare bollettini di società convenzionate e il canone Rai. La carta possa essere utilizzata nei Pos abilitati per pagare senza digitare Pin o firmare scontrino ma solo per spese di massimo 25 euro. Al di sopra di questo importo si segue l'iter normale: Pin o firma.

Non si ricarica gratis
Per fare ricariche e trasferire denaro online bisogna sottoscrivere il servizio "By Web" che prevede un canone mensile di 2 euro che si azzera se si fanno due operazioni online al mese. Per accedere ai servizi serve la card di sicurezza che si attiva con 15 euro (o un certificato gratuito da installare sul computer, ma ci sembra una soluzione meno sicura rispetto ai codici usa e getta). All'emissione si pagano 6 euro e il canone mensile è di 1 euro al mese: costi che si azzerano se ogni mese si fa una ricarica di almeno 500 euro (vale anche l'accredito dello stipendio).

La ricarica in filiale costa 2,50 euro (una al mese è gratuita), mentre è gratis la ricarica via web. I prelievi ATM sono gratuiti dagli sportelli automatici del gruppo Banco Popolare, da altre banche in Italia e nell'area euro costano 2 euro che diventano 5 euro fuori dal Belpaese. In caso di operazioni in valuta estera si paga una commissione aggiuntiva sul tasso di cambio dell'1%. La domiciliazione delle utenze è gratuita.

Non è il nostro Miglior Acquisto
Sarà "cool" come recita la pubblicità, ma la carta K2 non è la più conveniente sul mercato e comunque, come per gli altri prodotti di questo tipo, serve solo per chi non ha già un conto corrente e una carta di credito. Solo per questo profilo le carte potenziate sono una buona soluzione perché consentono di fare via internet o per telefono alcune operazioni come bonifici e pagamenti.

Abbiamo preso in considerazione questo profilo di utilizzo per individuare la carta più conveniente sul mercato: 13 accrediti di stipendio, 12 bonifici online su altra banca per pagare la rata del mutuo, 12 ricariche della carta online, 12 pagamenti benzina, 6 prelievi dagli sportelli automatici della banca emittente.

Il Miglior Acquisto per questo profilo è Conto Tascabile di CheBanca!: 12 euro l'anno. Segue a ruota Servizio Spider di Monte dei Paschi di Siena che costa 16 euro (13 euro se la richiesta è fatta online). Subito dopo si colloca Sella Money Ricarica No Cost che costa 18 euro l'anno (a questa cifra occorre aggiungere anche il costo di 3 euro del token @apritisella necessario per fare operazioni online). Carta K2 costa, invece, ben 33 euro l'anno (che diventano 45 euro senza accredito stipendio o ricariche mensili di almeno 500 euro). La nuova carta del gruppo Banco Popolare è interessante dal secondo anno di possesso in avanti perché costa solo 12 euro (sarebbero 24 senza accredito stipendio o ricariche mensili di almeno 500 euro).


Stampa Invia