News

Naufragio Concordia risarcimento ai passeggeri

16 gennaio 2012

16 gennaio 2012

I passeggeri coinvolti nel naufragio della Concordia hanno diritto a una serie di risarcimenti. Altroconsumo aderisce al Comitato naufraghi e mette a disposizione informazioni per i consumatori.

Per il naufragio della Concordia, Costa Crociere è responsabile nei confronti dei passeggeri di tutti i danni causati. La Costa è obbligata per legge a essere assicurata e i danni dovranno essere risarciti dalla compagnia assicurativa.

Risarcimento danni
I passeggeri hanno diritto al risarcimento dei danni alla salute (morte o lesioni), dei danni ai bagagli e alle cose trasportate, degli altri danni patrimoniali (per esempio, il costo della crociera, le spese a terra dopo il naufragio...), dei danni da vacanza rovinata, dei danni morali qualora siano accertate responsabilità penali, quali disastro o lesioni colpose.

I limiti previsti dalla legge - il Codice del Turismo d.lgs.79/2011 e le Convenzioni internazionali applicabili - e dallo stesso contratto di viaggio della Costa Crociere, sono:

  • 500.000 euro per danni alla persona;
  • 20.000 euro per danni alle cose;
  • 50.000 euro per altri danni.

La documentazione necessaria
I passeggerei devono provare l'entità del danno, in particolare alla persona e alle cose. Oltre a conservare il contratto di viaggio, bisogna raccogliere tutta la documentazione possibile relativa alle eventuali lesioni subite (certificati medici) e ai beni persi o danneggiati (scontrini fiscali, fotografie, testimonianze).

Il diritto al risarcimento dei danni alla persona si prescrive in 3 anni, per i danni a cose in un anno. Meglio comunque inviare il più presto possibile alla Costa una raccomandata AR con la richiesta di risarcimento dei danni, allegando tutta la documentazione disponibile e riservandosi la quantificazione definitiva.

Inviare copia della raccomandata AR anche ad Altrocosnumo, che valuterà iniziative di tutela collettiva a favore dei passeggeri. Scarica qui a fianco il modello di lettera.

E chi ha già prenotato un viaggio sulla Costa Concordia?
Si pone poi il problema di cosa possa fare chi ha già prenotato un viaggio sulla Costa Concordia. Se le nuove proposte di Costa differiranno negli elementi essenziali (rotta, tipo di nave) e, quindi, la compagnia non garantirà un pacchetto effettivamente equivalente, il passeggero potrà recedere senza pagare penali.


Stampa Invia