Consigli

Quali sono i prodotti utili per l’infanzia?

23 luglio 2018
Prodotti per l’infanzia

23 luglio 2018

La pelle dei neonati è molto sensibile. L'assorbimento cutaneo è elevato e i sistemi di protezione del corpo non sono ancora sviluppati. Ecco perché è meglio limitare al minimo le sostanze chimiche con cui entrano in contatto ed evitare alcuni ingredienti.

Come scegliere i prodotti per i neonati

L’arrivo di un neonato comporta sempre molti cambiamenti e nuove necessità. Lo sanno bene le aziende dei prodotti per bambini, che fanno a gara per lanciare novità sfruttando le mode. Si va dai prodotti ipertecnologici per i genitori 2.0, ma anche a quelli meno moderni come il termometro per il bagnetto. Così nei negozi spuntano prodotti nuovi ogni giorno. Tutto questo è davvero necessario? Ecco quali sono i prodotti utili per l'infanzia.

Il cambio del pannolino

Al cambio di pannolino, lavalo con acqua tiepida e se necessario un sapone delicato, a base di tensioattivi poco aggressivi (no a sodium lauryl o laureth sulphate, sì betaine, disodium lauroamphodiacetate, decylglucoside). Meglio un sapone liquido, più facile da usare e più igienico (anche se potrebbe avere più conservanti), diluito sul palmo della mano con l'acqua, non direttamente sulla sua pelle. È utile una crema all'ossido di zinco in caso di arrossamenti (zinc oxide dovrebbe essere il primo o secondo ingrediente della lista), evita quelle che invece usano petrolati (no petrolatum e paraffinum liquidum). Ricordati di rimuovere la crema vecchia prima di applicarne di nuova e usala solo quando serve.

Le salviette umide solo fuori casa

Le salviettine umide sono da usare solo fuori casa, nonostante le pubblicità le propongano per ogni cambio pannolino. Le sostanze contenute nelle salviette rimangono in contatto a lungo con la pelle del bambino con rischi di allergie e sensibilizzazione, soprattutto a causa dei profumi. Quelle ideali sono senza profumazione e con sostanze emollienti (si aloe, camomilla), evita gli allergeni (no limonene, linalol, citronellol, eugenol) e non gettarle nel wc, sono inquinanti.

Olio di mandorle per il bagnetto

Per il bagnetto basta l'acqua (per i neonati fino al primo anno di età), eventualmente si può aggiungere qualche goccia di olio di mandorle o un cucchiaio di amido. L'olio di mandorle è idratante, si usa anche per massaggiare il bimbo, perchè inodore e commestibile. Scegli un olio puro (che contenga un solo ingrediente, prunus amygdalus dulcis oil), senza profumazione aggiunta. L'amido è emolliente, utile per la pelle arrossata, soprattutto d'estate. Meglio puro (con un solo ingrediente), senza profumi e conservanti. Quello più comune è di riso (oryza sativa starch).

Al sole solo dopo i 6 mesi

La crema solare dovrebbe essere usata solo dopo i 6 mesi, prima i bambini non dovrebbero essere esposti al sole. Scegli una protezione molto alta (50+), anche se non ha la pelle chiara, e a base di filtri fisici (sì zinc oxide).

A ottobre 2017 abbiamo chiesto a 554 mamme distribuite su tutto il territorio nazionale di raccontarci la loro esperienza con il corredo dei loro figli di età da 0 a 6 anni.

Cosa evitare nei prodotti per neonati

Salviettine, bagnoschiuma, docciaschiuma, crema per il cambio del pannolino, colonie, latte detergente, olio per massaggi… Molti di questi prodotti (alcuni destinati anche a neonati) contengono ingredienti che interferiscono con il sistema ormonale, allergizzanti, sensibilizzanti e irritanti. Come fare a capire quali prodotti è meglio usare e quali invece sono quelli da evitare? C'è un arma segreta: prima di acquistare un prodotto leggi la lista degli ingredienti. Anche se piccola e nascosta deve essere scritta per legge su tutte le confezioni e riporta tutti gli ingredienti presenti in ordine decrescente di concentrazione.

Un piccolo aiuto te lo diamo anche noi. Ecco i 5 peggiori ingredienti da evitare:

  • bagnoschiuma e shampoo: possono disidratare la pelle del bambino a causa delle sostanze lavanti aggressive e la schiuma potrebbe irritare gli occhi;
  • profumi e acque di colonia: l'alcol che contengono può disidratare la pelle e provocare allergie;
  • creme idratanti: la pelle del bambino potrebbe assorbire sostanze indesiderate, come interferenti endocrini (no paraben, bha) o impurezze (no petrolatum, paraffinum liquidum);
  • borotalco e polveri: le particelle molto piccole possono essere inalate con rischi per le vie respiratorie e i piccoli polmoni (no talc);
  • prodotti disinfettanti: il sistema immunitario del bambino non si “allena” e danneggiano l'ambiente (no triclosan nei saponi o alcol nei gel mani o benzalkonium chloride nei detersivi).
Qualche consiglio per le neomamme

Evita deodoranti e profumi: gli odori potrebbero disturbare il neonato. Puoi usare l'allume di rocca, un deodorante che non contiene profumi. Se stai allattando, non utilizzare la crema idratante sul seno: contiene sostanze che il piccolo potrebbe ingerire o che potrebbero infastidirlo. Meglio usare l'olio di mandorle, inodore e commestibile, utile anche per le smagliature della pancia.

Tinte per capelli e smalti

Attenzione alle tinte per capelli. In gravidanza e durante l'allattamento il corpo potrebbe reagire in modo diverso, potresti avere delle reazioni indesiderate. Preferisci quelle meno aggressive, cioè tono su tono o non permanenti o a base naturale, non permettono grandi cambi di colore e durano solo qualche settimana, ma coprono abbastanza bene i capelli grigi e contengono sostanze meno rischiose. Da evitare anche gli smalti per le unghie: le tue mani sono a contatto con la sua pelle e la sua bocca. Gli smalti contengono solventi, sostanze irritanti e pericolose per ingestione e inalazione.