Guida all'acquisto

Come scegliere l'epilatore domestico a luce pulsata più efficace

15 aprile 2020
epilatori a luce pulsata

Utilizzata oggi sia dagli uomini che dalle donne la tecnologia a luce pulsata è tra i metodi più efficaci per eliminare i peli superflui. Ma non è un metodo che tutti possono utilizzare: molto dipende dal fototipo. I migliori risultati si ottengono su pelle chiara e peli scuri.

Epilatori domestici a luce pulsata

Per eliminare i peli superflui, oggi, si ricorre all'uso di diverse tecniche. Uno dei metodi più efficaci, soprattutto in termini di diminuzione della densità e della velocità di ricrescita, è quello a luce pulsata. La pelle liscia non è solo per le donne. L'uomo a torso nudo senza peli compare accanto alla donna su diverse confezioni degli epilatori a luce pulsata. Il messaggio è chiaro, questi apparecchi sono unisex.

Tecnologia a luce pulsata

La luce pulsata rientra nei sistemi di epilazione che consentono di strappare i peli fino alla radice. Diversamente dalla depilazione che elimina solo la perte visibile delpelo. L'epilazione dura molto di più della depilazione, ma è anche più dolorosa. La tecnologia a luce pulsata agisce secondo il principio di fototermolisi selettiva. Foto significa "luce" mentre termolisi sta per "distruggere con il calore". Selettiva perché mira solo ai peli e non alla pelle. L'energia viene assorbita dalla melanina dei peli, dalla punta fino al follicolo. In pratica, un fascio di luce colpisce il pelo scuro fino a penetrare nel bulbo e lo surriscalda, indebolendolo fino a farlo morire ed estirpandolo alla radice in modo duraturo. Così i peli crescono più lentamente, in quantità molto minore e meno spessi di prima.

Numero di flash totali

Quante volte può essere utilizzata la sonda prima di dover essere sostituita? Dipende dal numero di flash. Più è alto, più il dispositivo potrà essere usato prima di cambiare lampadina. Gli epilatori a luce pulsata sono ancora piuttosto cari, ma bisogna dire che il numero di impulsi luminosi (flash) che la lampada può emettere prima di esaurirsi è altissimo e garantisce il funzionamento per moltissimi trattamenti.

Fototipi

La luce pulsata non può essere utilizzata da chiunque. Le variabili da tenere in considerazione sono molte, prime fra tutte il tipo di pelle e il colore dei peli. I migliori risultati si ottengono su pelle chiara e peli scuri. Il motivo è che l'energia sprigionata dalla luce deve essere assorbita dalla melanina presente nei peli (e non da quella nella pelle). Quindi, più i peli sono scuri maggiore sarà la luce assorbita che disintegra il bulbo e la radice e inibisce la ricrescita. La maggior parte dei dispositivi testati è compatibile con i primi cinque fototipi. Questi ultimi (sei in totale) sono classificati in base alla maggiore (primo fototipo) o minore (sesto fototipo) sensibilità ai raggi UV: elevate per i primi due; media per il terzo; scarsa per il quarto; minima per il quinto; nulla per il sesto.

Cautele da adottare

Ci sono una serie di cautele da adottare per ottenere la massima efficacia del trattamento in tutta sicurezza: non bisogna usare questi dispositivi su tatuaggi, nei e macchie scure, vene varicose, cicatrici o sulla pelle abbronzata, perché il rischio di ustioni è molto alto. Infatti, la luce è selettiva ed emette calore più intenso dove trova una zona più scura. sconsigliati anche a ragazzi e adolescenti.

Quando e quanto dura il trattamento

Per arrivare alla prova costume con la pelle liscia, meglio fare i trattamenti con la luce pulsata d'inverno, bisogna considerare almeno un paio di mesi di trattamento prima di ottenere risultati visibili. Uno schema di trattamento indicativo è: un trattamento ogni 2 settimane per 2 mesi, poi un trattamento ogni mese per 3-4 mesi.
E' meglio non esporre la zona trattata alla luce del sole durante il trattamento. Così come è bene non depilarsi con la ceretta, per non intaccare il bulbo nel periodo che intercorre tra le varie sedute consigliate dai produttori. Si può, però, usare il rasoio.