News

Integratori per l'artrosi al ginocchio: cari e inutili

13 dicembre 2012
Integratori per l

13 dicembre 2012

Gli integratori a base di glucosamina e condroitina proposti per il benessere delle articolazioni sono inutili. Tradotto in parole povere, non possono né prevenire né curare l’artrosi del ginocchio.

Allora perché vengono spesso consigliati da medici e farmacisti e sono molto usati dai pazienti? Perché un marketing sul filo della legalità e il passaparola riesce a convincere la gente. E a svuotare il portafoglio dei malati.

L’osteoartrite: un dolore costante
Chi soffre di artrosi al ginocchio convive con una malattia degenerativa e progressiva. In altre parole, che peggiora nel tempo e non guarisce. Spesso prende farmaci antinfiammatori per sopportare il dolore: ma questi possono causare molti effetti indesiderati. È a questo punto che fanno la loro comparsa gli integratori a base di glucosamina e condroitina: magari qualche amico li ha menzionati oppure ce li ha consigliati il farmacista. E così li proviamo, convinti soprattutto dai messaggi riportati sulle confezioni: questi prodotti , infatti, richiamano - in modo più o meno velato - a un effetto protettivo sulle articolazioni.

Integratori inutili
Per legge si chiamano integratori i prodotti che sono una fonte concentrata di sostanze nutritive. E non possono vantare alcun effetto curativo. Quelli a base di condroitina e glucosamina (due sostanze naturalmente presenti nella cartilagine) non fanno eccezione: non possono  né curare né prevenire l’artrosi al ginocchio. Un tempo si sperava funzionassero, oggi si sa con certezza che sono inutili. Ne abbiamo analizzati 11 (acquistati in farmacia e al supermercato): i nomi sono molto evocativi, le immagini anche. Non avendo gli effetti collaterali dei farmaci, sembrano la soluzione ideale. Ma è solo un miraggio.

Cosa funziona davvero
Che cosa si può fare per convivere  con l’artrosi senza dover ricorrere costantemente ai farmaci? Una terapia sicura e con prove scientifiche di efficacia c’è: richiede impegno e costanza. Una strada che costa fatica, ma non soldi.


Stampa Invia