News

Avaria al traghetto: passeggeri per ore fermi in mare. Ecco a cosa hanno diritto

Assistenza, rimborso del biglietto e compensazione del 50% rispetto al costo del viaggio. Questo hanno diritto i 250 passeggeri del traghetto Salerno-Catania fermo in mare per ore a causa di un'avaria. Ecco la lettera per inoltrare reclamo e chiedere il rimborso. 

  • di
  • Luca Cartapatti
02 luglio 2019
  • di
  • Luca Cartapatti
Traghetto Grimaldi Egnazia

Odissea in mare per i 250 passeggeri del traghetto "Egnazia" della compagnia Grimaldi. Era partito nella notte (con 3 ore di ritardo) da Salerno ed era destinato al porto di Catania, ma un'avaria ha bloccato l'imbarcazione al largo delle coste della Calabria per ore. 

Stando al racconto di alcuni passeggeri, un disagio in mare aperto, senza aria condizionata, cabine roventi e assenza di informazioni da parte di comandante ed equipaggio. Ma a fronte di questo pesante disservizio, che cosa hanno diritto i 250 passeggeri a bordo?

Cosa prevede la normativa

Secondo il regolamento (UE) n. 1177/2010 prevede: passeggeri in questi casi hanno diritto all’attenzione e all’assistenza. In caso di ritardo in partenza oltre i 90 minuti o di cancellazione di un servizio passeggeri o di una crociera, ai passeggeri devono essere offerti gratuitamente spuntini, pasti o bevande in relazione alla durata dell’attesa. Per il ritardo rispetto all'orario di partenza superiore ai 90 minuti i passeggeri possono inoltre scegliere tra:

  • il trasporto alternativo verso la destinazione finale a condizioni simili, non appena possibile e senza alcun supplemento;
  • il rimborso del prezzo del biglietto e, ove opportuno, il ritorno gratuito al primo punto di partenza indicato nel contratto di trasporto, non appena possibile.

Ritardo rispetto all'orario di arrivo

I passeggeri hanno anche il diritto di chiedere una compensazione economica parziale del prezzo del biglietto in caso di ritardo all’arrivo alla destinazione finale. In particolare possono chiedere una compensazione economica pari al 25% del prezzo del biglietto se il ritardo all’arrivo alla destinazione finale supera:

  • un’ora in un servizio regolare fino a quattro ore;
  • due ore in un servizio regolare di più di quattro ore ma non superiore a otto ore;
  • tre ore in un servizio regolare di più di otto ore ma non superiore a ventiquattro ore;
  • sei ore in un servizio regolare superiore a ventiquattro ore.

I passeggeri possono chiedere una compensazione economica pari al 50% del prezzo del biglietto se il ritardo all’arrivo alla destinazione finale supera:

  • due ore in un servizio regolare fino a quattro ore;
  • quattro ore in un servizio regolare di più di quattro ore ma non superiore a otto ore;
  • sei ore in un servizio regolare di più di otto ore ma non superiore a ventiquattro ore;
  • dodici ore in un servizio regolare superiore a ventiquattro ore.

Diffidata la Grimaldi

Abbiamo diffidato la compagnia Grimaldi. Nel frattempo se sei tra i passeggeri del Traghetto Grimaldi coinvolti in questa disavventura puoi scaricare gratuitamente la lettera di reclamo alla compagnia per chiedere il risarcimento danni: ricordati che la compagnia deve risponderti entro 30 giorni dall'invio del reclamo. Se questo non succede contattaci al nostro servizio di consulenza giuridica allo 02.6961550 per avere assistenza e far valere i tuoi diritti.