ultimo aggiornamento: 03/05/2019

PANNELLI FOTOVOLTAICI A CONCENTRAZIONE

Buongiorno, sono interessato all'installazione sul mio tetto di pannelli fotovoltaici ma sul nostro Altroconsumo non ci sono prove su questa variante di pannello fotovoltaico. Da informazioni sulla rete il pannello fotovoltaico a concentrazione usa pochissimo silicio, come conseguenza un costo industriale dimezzato e una resa energetica per pannello doppia rispetto ai classici pannelli in silicio.Quindi me ne servono la metà rispetto ai pannelli classici e comunque ad un costo unitario inferiore. Spero che Altroconsumo faccia al più presto una prova di questi pannelli che sulla carta sono favolosi.

Partecipa alla community!

  • Cerca chi ha avuto la tua stessa esperienza
  • Confrontati con chi ha il tuo stesso problema
  • Consiglia gli utenti che hanno bisogno di te
  • Condividi le soluzioni che hai adottato

Registrati gratuitamente al sito per partecipare

Entra o Registrati

Risposte

User name
MONICA CRISTINA WILD
12/03/2019

Produciamo acqua calda dai pannelli sopra il tetto di casa. Ho ancora spazio per installare fotovoltaici ma cerco una soluzione migliore di quelle esistenti in commercio, meno spazio piu' produzione. Ho visto in un programma televisivo dei concentratori di pannelli fotovoltaici ma purtroppo non ho trovato niente per piccoli spazi.

User name
Tantinets
14/03/2019

Non si possono testare insieme agli altri presenti sul sito perché si parla di un'altra tecnologia, sarebbe come confrontare pere e mandarini.
Il fotovoltaico a concentrazione usa si celle superefficienti e piccole ma ha bisogno di un concentratore (come dice il nome appunto) tipo una parabola o un sistema di specchi mobile che insegua il sole e concentri il fascio di luce sulla cella, quindi occupano spazio verticalmente e sono mobili.
Che io sappia ce ne sono pochi in giro sulle case, servono tetti piatti e comunque costano molto.

User name Moderator
Vittoria | Moderatore
03/05/2019

Ciao Paolo!
I pannelli fotovoltaici tradizionali, quelli considerati nei nostri test www.altroconsumo.it/.../fotovoltaico, producono elettricità direttamente dalla luce solare che li colpisce tramite l’effetto fotovoltaico appunto e, a tralasciando per il momento la questione del rendimento, maggiore è la luce che ricevono, maggiore energia elettrica essi produrranno.
Gli impianto fotovoltaici a concentrazione sfruttano questa caratteristica, ovvero si basano sull’idea che concentrando la luce per mezzo di sistemi di lenti e/o specchi, a parità di elettricità prodotta serve meno superficie del pannello; inoltre, dato che il costo principale degli impianti a tecnologia è legato ai materiali rari di cui sono fatti i pannelli, riducendo la superficie utile dei pannelli, si può puntare anche su materiali ancora più efficienti (e costosi), realizzando così piccole celle molto performanti.
A livello residenziale e commerciale, vista la possibilità di sfruttare la superficie libera dei tetti, possibilmente già inclinati e orientati più o meno convenientemente con il percorso del sole nel cielo, i pannelli fotovoltaici tradizionali sono stati la scelta principale su cui si è orientato il mercato, soprattutto grazie al loro ristrettissimo ingombro, la pochissima manutenzione necessaria e anche grazie alla loro modularità (si possono affiancare pannelli identici per ottenere impianti della potenza totale desiderata).
I sistemi a concentrazione richiedono un ingombro che in termini di superficie occupata è minore, ma prevedono un ingombro verticale decisamente non trascurabile (parabole per la concentrazione della luce sulla cella) e per sfruttare al meglio l’efficienza del sistema vengono installati anche dei sistemi di orientamento per seguire il sole durante il giorno e garantire la massima produzione possibile: in questo modo però si aumenta la complessità del sistema e di conseguenza i costi di manutenzione e di controllo.
Queste caratteristiche aggiuntive finora non hanno permesso una grande distribuzione di questi sistemi a livello residenziale e commerciale nonostante in quanto ad efficienza e utilizzo di materiali rari siano sicuramente migliori dei loro cugini tradizionali.
Buona giornata

comunità europea
Questo progetto ha ricevuto finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea nell’ambito della convenzione di sovvenzione n. 749402