News

Acquisto sim telefonica: i negozi non danno informazioni

01 febbraio 2011

01 febbraio 2011

Nei negozi di mezza Italia (anche con telecamera nascosta) per vedere cosa accade quando si acquista una sim telefonica. Poche informazioni sulle tariffe, documenti incompleti e scarsa trasparenza. Denuncia all'Antitrust.

La nostra inchiesta
Abbiamo simulato il comportamento di un comune utente che vuole acquistare una sim telefonica nuova e che vuole cambiare operatore mantenendo lo stesso numero. Siamo entrati nei punti vendita esclusivi dei vari operatori (Centri Tim, Vodafone One...) e abbiamo verificato la correttezza dell’attivazione della sim, della procedura di portabilità del numero e abbiamo rilevato eventuali problemi nella restituzione del credito. Abbiamo acquistato in tutto 16 sim in 9 città diverse: 4 sim per ciascun operatore proprietario di rete (Tim, Vodafone, Wind e Tre). Abbiamo poi provato a passare ad altro operatore. In tutto abbiamo coinvolto anche 7 operatori virtuali.

Qualche consiglio
Prima di firmare chiedete al negoziante le condizioni di utilizzo della sim. Se non è in grado di mostrarvele, pretendete di ricevere la sim nella sua confezione originale: proprio all’interno della confezione, infatti, è contenuto un estratto di tali condizioni. Quando si attiva una nuova sim si stipula di fatto un contratto con l’operatore telefonico. Pertanto, non uscite mai dal negozio senza una copia del contratto di attivazione che avete firmato; e controllate che sia controfirmato dal negoziante. Fatevi sempre dare anche un pezzo di carta che attesti quali opzioni, offerte e piani tariffari sono stati attivati sulla vostra nuova sim.

Gli operatori del test:

  1. A-Mobile
  2. Coop Voce
  3. Erg Mobile
  4. Mtv Mobile
  5. Nòverca
  6. Poste Mobile
  7. Tim
  8. Tre
  9. Uno Mobile
  10. Vodafone

Stampa Invia