News

Cara tv digitale e a pagamento

01 maggio 2011

01 maggio 2011

Gli italiani si cofnermano un popolo di teledipendenti. Amano lo sport della poltrona e per questo in tanti hanno scelto la pay-tv. Ma quanto ne sono soddisfatti? Per qualità, varietà e assistenza tecnica, chi ha scelto Sky è più contento rispetto agli utenti Mediaset.

Vecchi e bambini davanti al tubo
Sport, cinema, telefilm, programmi di intrattenimento e di informazione, documentari, news, approfondimenti. Quattro italiani su cinque (più precisamente il 78%) hanno l’abitudine di porsi almeno una volta al giorno di fronte al teleschermo.  In media nel nostro paese la tv viene guardata per 5,2 ore al giorno, quasi un’ora in più che in Belgio e circa mezz’ora in più che in Spagna.

Una tv sempre più on-demand
La tecnologia ha cambiato la forma dei televisori, sempre più sottili e di grandi dimensioni. E ha anche migliorato la qualità delle immagini. Probabilmente però la rivoluzione più significativa è stata quella dell’introduzione dei canali a pagamento. In Italia, negli ultimi anni, circa un terzo delle famiglie ha sottoscritto un abbonamento Sky o Mediaset Premium.  La ragione di questa decisione è legata alla varietà della programmazione proposta. Il 40% dei clienti italiani delle pay-tv ha infatti dichiarato di aver sottoscritto l’abbonamento proprio per vedere le competizioni sportive.

Digitale terrestre a passo lento
In attesa che la vera rivoluzione della televisione via internet diventi una realtà per tutti, in Italia il cambiamento più significativo degli ultimi cinquant’anni è stato sicuramente il passaggio dalle trasmissioni in analogico al digitale terrestre. Tutti soddisfatti del cambiamento? Non proprio, sembrerebbe. A non piacere è soprattutto la lentezza con cui si passa da un canale all’altro, nonché le frequenti interruzioni di segnale e le interferenze dell’immagine. Problematiche sufficienti, per molti, a far rimpiangere la vecchia tv analogica.

Stampa Invia