News

Acqua alcalinizzata? Ecco perché è una bufala

19 aprile 2016
La bufala dell

19 aprile 2016

Se dai retta alla pubblicità, sembra che possa curare e prevenire le patologie più disparate: dall'osteoporosi al cancro. Peccato che manchino le evidenze scientifiche che l'acqua alcalinizzata abbia effetti miracolosi sulla salute. E attenzione a chi tenta di vendere apparecchi domestici con documentazioni pseudo-scientifiche.

Stando a quanto dicono le pubblicità, favorirebbe diversi effetti benefici sull'organismo: preverrebbe malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione, osteoporosi, cancro e ulcera. Insomma, l'acqua alcalina ionizzata sarebbe la soluzione a tutti i mali, una vera e propria panacea. Ma, in realtà, non è così miracolosa come vogliono farci credere. E l'ennesima multa per pratica commerciale scorretta imposta recentemente dall'Antitrust a Meglioinsalute e AlkaSystem, due società che vendono apparecchi per la produzione domestica di acqua alcalinizzata, è solo la conferma.

Perché non ha effetti benefici sulla salute?

L'alcalinizzazione dell'acqua, operata da questi apparecchi, non è un processo definitivo e irreversibile. Questo significa che, nel momento in cui l'acqua entra a contatto con il nostro stomaco, questa viene neutralizzata dal PH acido contenuto al suo interno. In pochi secondi, perciò, l'acqua perde i suoi tanto decantati benefici. Inoltre non esiste documentazione riconosciuta in ambito scientifico che sostenga le doti salutistiche dell'acqua alcalina e mancano le evidenze che un consumo regolare migliori lo stato di salute o prevenga malattie. Gli aspetti su cui si è mossa l'Autorità, però, sono altri. Secondo il regolamento europeo su claim alimentari, infatti, le indicazioni salutistiche riferite all'acqua alcalinizzata sono ingannevoli, perché riconoscono all'acqua proprietà e caratteristiche che la stessa non può vantare.

Quali caratteristiche deve avere l'acqua da bere

Come abbiamo precisato più volte nelle nostre inchieste sulla qualità dell'acqua e sui depuratori domestici, siamo fortemente scettici riguardo questi apparecchi che vantano i benefici dell'acqua alcalinizzata. Attenzione quindi a chi cerca di vendere questi prodotti utilizzando informazioni e documentazioni pseudo-scientifiche e facendo leva sulle preoccupazioni che riguardano la salute. L'acqua da bere deve avere un PH neutro che, per legge, deve essere compreso tra 6,5 e 9,5, deve avere una composizione chimica equilibrata e deve essere microbiologicamente pura. A garantire che questi parametri siano rispettati ci pensano gli acquedotti e le ASL, che controllano quotidianamente l'acqua che sgorga dai nostri rubinetti. 

Dal rubinetto? Sì, analizziamola insieme

La nostra ultima inchiesta ha confermato che l'acqua nelle nostre città è mediamente buona e non c'è motivo di essere scettici. Per arrivare anche nelle zone non raggiunte dalla nostra inchiesta, è nata We test water, la piattaforma di crowdfunding nata per analizzare in maniera condivisa l'acqua di condomini, palestre, scuole e fontanelle pubbliche. È possibile partecipare finanziando analisi già avviate, oppure puoi farti promotore di un nuovo test. Inizia subito!


Fai analizzare l'acqua


Stampa Invia