News

Supermercati: quanto sono soddisfatti i consumatori? Le classifiche

Oltre 9.800 soci hanno espresso il loro giudizio sulle catene di cui sono clienti, tra super, iper, superette (punti vendita più piccoli e con meno prodotti), discount e catene locali. E ne hanno giudicato vari aspetti: dal comfort del punto vendita ai prezzi, dalla disponibilità di sconti alla qualità dei prodotti acquistati fino all’assortimento garantito.

  • contributo tecnico di
  • Lorenzo Zucchi
16 gennaio 2023
  • contributo tecnico di
  • Lorenzo Zucchi
spesa al supermercato

Quanto sei soddisfatto del tuo supermercato? È questa la do­manda principale a cui hanno risposto i 9.834 soci intervistati nell’edizione 2022 di questa inchiesta, grazie ai quali abbiamo potuto stilare le classifiche delle catene preferite dai clienti.

Sulla base dei giudizi degli intervistati abbiamo realizzato una classifica di soddisfazione globale per supermercati, ipermercati e superette (punti vendita di prossimità, più piccoli e con meno prodotti), una per i discount e una per le catene locali.

Sono tanti gli aspetti che possono ren­dere più o meno soddisfatti dell’esperien­za d’acquisto presso la propria catena abituale: dal comfort del punto vendita (inteso come spaziosità, pulizia, illumi­nazione...) ai prezzi e alla disponibilità di sconti e promozioni, dalla qualità dei prodotti acquistati, freschi e non, del marchio del distributore o meno, fino all’assortimento garantito. Anche per questi singoli aspetti specifici, nell’inchiesta completa scaricabile in alto puoi trovare quali sono le catene più apprezzate dai clienti.

Le insegne più soddisfacenti

Quanto a iper e super  in te­sta alla classifica abbiamo Esselunga, e Ipercoop: anche nell’inchiesta in cui abbiamo rilevato i prezzi, pubblicata lo scorso settembre, queste catene erano nella parte alta delle classifiche. Questo vuol dire che, oltre a risultare competitive nel­la nostra precedente indagine, rendono anche molto soddisfatti i loro clienti per altri aspetti. Ma sono anche altre le insegne che soddisfano molto i loro clienti (le puoi scoprire nell’inchiesta completa in alto).

Passando ai discount, invece, a conquistare il podio sono Eurospin e Aldi: anche queste due catenenell’inchiesta sui prezzi, erano risultate le migliori per la spesa con i prodotti più economici in assoluto a scaffale.

Infine, per quanto riguarda le insegne locali, la vetta è stata conquistata da Visotto, insegna veneta. Seguono a un un solo punto di differenza Pewex (Roma e provincia), CTS (Roma e provincia), Lando (Veneto).

Contenti dei discount

Tra carovita e miglioramenti nell’offerta, i discount prendono sempre più piede tra i consumatori e, in generale, soddisfa­no come super, iper e superette e in alcu­ni casi di più: tutte le insegne frequentate e valutate dai nostri soci hanno ottenuto una valutazione almeno buona, con an­che diversi giudizi ottimi.  

I discount soddisfano molto per i prezzi: nove insegne su dieci hanno una valu­tazione ottima. Ma la convenienza non è l’unico elemen­to. Piacciono anche per i pro­dotti acquistati: solo due catene hanno una valutazione buona su questo fronte, tutte le altre ottima. Tre catene hanno un ottimo anche per il comfort dei punti vendita, che storica­mente non è mai stato un punto di forza per questo canale distributivo; oggi, inve­ce, si assiste a una maggiore cura anche da questo punto di vista, confermata dal giudizio dei clienti.

Per i discount, tra gli aspetti per cui si è meno soddisfatti, c’è la qualità del pesce: la soddisfazione non va oltre il giudizio medio, con una catena in fascia bas­sa. Così così anche il parere dei clienti rispetto alla disponibili­tà dei prodotti biologici e all’assortimento che, in effetti, è uno dei punti deboli di questo canale distributivo; negli ultimi anni ci sono stati passi avanti, ma l’offer­ta non può essere ancora paragonata a quella di iper e super (proprio per questo abbiamo realizzato classifiche separate per i due canali). Anche per le attese alla cassa i discount non brillano: sei insegne su dieci hanno giudizi solo medi.

Le private label piacciono

In generale i clienti si sono detti abbastan­za soddisfatti della qualità dei prodotti con il marchio del discount: giudizio ottimo da uesto punto di vista per due catene, buono per sei, medio per due. Buoni i giudizi anche per i prodotti con il marchio del supermercato. Una percezione, quella dei consumatori, che non possiamo che confermare anche con i nostri test, che da sempre ci dicono che i marchi commerciali, oltre a essere ten­denzialmente meno cari dei prodotti di marca, hanno spesso anche una qualità buona o ottima. 

Il metodo dell’inchiesta

L’indagine si è svolta attraverso un questionario online. I soci avevano la possibilità di valutare fino a due catene di cui sono clienti abituali. I dati di soddisfazione si basano su 37.064 differenti esperienze d’acquisto raccolte tra giugno 2021 (9.799 soci) e giugno 2022 (9.834 soci), dando un peso doppio alle risposte più recenti.

Per elaborare le classifiche generali abbiamo chiesto qual è la soddisfazione complessiva per le catene di cui si è clienti: si poteva dare un giudizio da 1 (pessimo) a 10 (eccellente). I giudizi dei clienti sono stati poi elaborati per ottenere un indice su base 100, con cui sono state realizzate le classifiche. Per approfondimento abbiamo chiesto anche qual è la soddisfazione su aspetti specifici (alcuni riassunti all’interno dell’articolo completo scaricabile in alto). 

Leggi anche il nostro speciale sul caro-vita e l’inflazione.