ultimo aggiornamento: 21/12/2019

Blocco amministrativo Vodafone

Salve, ero (sono?) un cliente Vodafone di vecchia data poiché non ho mai avuto alcun problema con loro tuttavia qualche mese fa è iniziata la mia Odissea.

Verso metà agosto la vodafone mi combinò un pasticcio addebitandomi un'offerta di 50€/mese, poi prontamente sistemato il giorno dopo. Fu così che mi decisi di sottoscrivere una delle offerte con minuti, sms, e giga inclusi poiché la mia offerta precedente non esisteva più e quindi doveva farmene una nuova più costosa di "poco" della precedente.. (1a furbata) La settimana dopo mi arrivò un'offerta per l'acquisto a rate di un Samsung A50 e mi decisi di cogliere l'occasione recandomi ad un centro Vodafone. Il giorno stesso mi fecero firmare il contratto di 7€ .ca al mese per 36 mesi ed ecco che la prima sorpresa me la ritrovai con la fattura del Telefono fisso, anch'esso Vodafone, in cui mi unirono rate cellulare con bolletta fisso che pagavo tramite bollettino. La seconda sorpresa fu quando controllai l'estratto conto bancario nella quale addebitavano anche l'offerta della mia ricaricabile.Ero cosciente che mi  avrebbero addebitato le rate del Cellulare al conto bancario, poiché detto esplicitamente dal commesso, ma non tutto il resto. (2a furbata)

Ho chiamato più volte gli operatori vodafone chiedendo perché l'avessero fatto senza avermelo detto chiaramente, poiché altrimenti avrei rifiutato il contratto, e mi risposero che io firmai acconsentendo per vincolare il cellulare alla offerta che avevo e siccome già cliente vodafone sul fisso univano tutto in una sola fattura. Amareggiata per la poca onestà iniziai a contattare gli operatori del settore amministrativo e mi risposero che ormai era impossibile separare il conto cellulare dal fisso e l'unico modo per farlo era annullare il contratto, pagando penale ed il rimanente delle rate.

Preferì lasciar perdere e continuare così poiché in data 2/10/2019 cambiai il fisso a Fastweb inviando in seguito la raccomandata di disdetta per la linea Vodafone. A novembre mi arrivò l'avviso che che l'offerta avrebbe cambiato nome e rinnovata in anticipo il 1/11/2019 invece del 11/11/2019.. In questa situazione poco chiara continuai a tenere sott'occhio i movimenti bancari finché a dicembre mi ritrovai in poco meno di 2 settimane (dal 1/12/'19 ad oggi) 40 euro prelevati in data 1/12/'19 e 14/12/'19. Presa dalla furia del momento chiesi alla banca di bloccare il pagamento alla Vodafone. Da quel momento in poi la mia scheda è rimasta in "Blocco Amministrativo". Tutte le ultime fatture risultano pagate ed nella scheda Sim sono stati presi più di 40 euro  dal credito residuo per il costo di rinnovo dell'offerta nonostante quelli già prelevati dalla banca. Controllando in dettaglio i costi sembra che la Vodafone abbia fatto uno storno nei miei confronti ma ciò non risulta nei movimenti bancari.

Ricapitolando mi ritrovo con una sim avente ancora 65€ di credito residuo INUTILIZZABILE per blocco amministrativo. Volevo solo finire di pagare il cellulare e mi sono ritrovata presa in giro con costi poco chiari e vincoli contrattuali assurdi.

Immagino che adesso debba pagare qualche penale e le rate rimanenti, ma pretendo chiarezza sui costi poco chiari addebitati prima sul conto corrente e poi dal credito residuo.

Spero che qualcuno possa aiutarmi ad uscire da questo incubo e magari anche far valere i miei diritti perché sento quella spiacevole sensazione di essere truffata.

Grazie

User name

Commenta il post

Risposte

Nessun utente ha ancora risposto