Prime impressioni

Detergenti, per tessuti, a base di microrganismi effettivi: meglio il normale detersivo

07 settembre 2015
detergenti

07 settembre 2015

I detergenti a base di microrganismi effettivi allettano sempre di più un considerevole numero di consumatori perché sono ecologici e promettono di pulire meglio e con un notevole risparmio economico. Ma è davvero così? Il nostro confronto tra uno di questi prodotti e il miglior detersivo del nostro ultimo test ha dato risultati deludenti.

Stanno diventando sempre più noti, soprattutto in rete, perché promettono di lavare meglio, risparmiando e rispettando l’ambiente. Ma che cosa sono i microrganismi effettivi contenuti in questi prodotti? E sono davvero così ecologici e utili per risparmiare? Per saperlo abbiamo acquistato su internet  uno dei prodotti più comuni in commercio, il detergente eMC probiotico per tessuti Multikraft. Lo abbiamo testato e messo a confronto con il miglior detersivo dell’ultimo test effettuato (febbraio 2015). Il risultato? I microrganismi effettivi non mantengono quello che promettono e il detersivo tradizionale offre prestazioni di lavaggio di gran lunga migliori.

Cosa sono i microrganismi effettivi?

Si tratta di una miscela di microorganismi probiotici (lieviti e batteri) che sono naturalmente presenti nel terreno e nell'intestino umano. I microrganismi effettivi dovrebbero (il condizionale è d’obbligo) rielaborare lo sporco e quindi esercitare un’azione di pulizia profonda e duratura su tutte le superfici e i materiali. Promettono così anche un notevole risparmio economico visto che, essendo molto concentrati, vanno diluiti in acqua. Il prodotto che abbiamo testato, essendo formulato con microrganismi effettivi e altri organismi per la separazione di grassi e oli, prometteva pertanto di ridurre della metà il consumo di detersivo in lavatrice e, se lasciato agire a lungo, di rimuovere con efficacia anche le macchie più ostinate.

Non lavano meglio di un normale detersivo

Va detto subito che nelle istruzioni viene infatti riportato che il prodotto non sostituisce il detersivo tradizionale ma che sono sufficienti 10 ml in aggiunta a metà dose di normale detersivo o poche gocce da versare direttamente sulle macchie. Il prodotto si usa quindi in abbinamento al detersivo tradizionale.

Per testarlo, abbiamo utilizzato macchie di te, caffè, vino rosso, succo di frutta, salsa di pomodoro, omogeneizzato alla carota, senape, cioccolata, erba, erba e fango, sangue, olio per motori, grasso fritto e make-up (insomma le 14 macchie standard del protocollo AISE che usiamo per i test). I risultati non lasciano dubbi: lavare con metà dose di detersivo e probiotici equivale a lavare con metà dose di detersivo e basta. Anzi, la situazione peggiora per le macchie di grasso, cioccolato e olio. La dose intera di detersivo invece, ha dato una prestazione di lavaggio nettamente superiore.

Perché allora piacciono tanto? 

Come altri strumenti che promettono molto, come per esempio Biowashball la palla che promette di fare il bucato senza usare il sapone, l’efficacia rispetto al tradizionale detersivo è dimezzata: l’illusione che il prodotto funzioni deriva dal fatto che nel lavaggio di indumenti non molto sporchi (che un semplice bucato con sola acqua già rende puliti) la differenza tra microrganismi effettivi e detersivo tradizionale non si percepisce. Ma quando (come abbiamo fatto in laboratorio) si è in presenza di macchie forti, la differenza si vede eccome: il detersivo elimina le macchie, i microorganismi no.

Nessun risparmio economico: anzi

Ma il promesso risparmio economico, almeno, è reale? Abbiamo acquistato un flacone da 500 ml di eMC - che corrisponde a 50 lavaggi secondo le indicazioni del produttore - a 15,56 euro (più spese di spedizione): quindi 0,31 euro a lavaggio a cui bisogna aggiungere mezza dose di detersivo. Come riferimento, per calcolare se davvero si risparmia abbiamo utilizzato i costi dei detersivi per lavatrice del nostro ultimo test (febbraio 2015); ebbene, confronto al prodotto Migliore del Test, lavare con i Microrganismi Effettivi costa quasi il doppio (0,44 euro contro 0,26 euro), e ben 3 volte di più (0,36 euro contro 0,11 euro) rispetto a un lavaggio con il prodotto Miglior Acquisto. Insomma, una famiglia, con una media di 4 lavatrici alla settimana, spenderebbe inutilmente in un anno dai 40 ai 50 euro in più.

Stiamo svolgendo in questi giorni un nuovo test sui detersivi per il bucato: presto potrai scoprire quali sono i prodotti che lavano meglio e quelli che ti fanno risparmiare. Continua a seguirci.


Stampa Invia