Prime impressioni

Lavatrici LG con TurboWash: consumano davvero meno acqua e corrente?

15 marzo 2016
lg

15 marzo 2016

Modifica il programma nelle fasi di lavaggio e risciacquo e garantisce di aiutare a ridurre i consumi di acqua ed energia, dimezzando la durata del ciclo. Abbiamo provato TurboWash, la funzione speciale presente nelle ultime lavatrici di casa LG. Le promesse vengono mantenute? Non sempre, a dirla tutta.

Si chiama TurboWash ed è una speciale funzione di lavaggio presente in alcune delle ultime lavatrici progettate da LG. Stando a quanto dichiarato dall'azienda, questa nuova tecnologia dovrebbe ridurre i consumi di acqua e di energia e, in più, dovrebbe ridurre il tempo complessivo del ciclo e mantenere alte le prestazioni di lavaggio. Mossi dalla curiosità abbiamo deciso di metterla alla prova.

Come agisce la funzione TurboWash

Questa funzione, attivabile manualmente, consente di modificare alcuni programmi nelle fasi di lavaggio e risciacquo e aiutando, così, a ridurre i consumi di acqua, di energia la durata totale del programma. In che modo agisce? In pratica, in queste due fasi finali del ciclo di lavaggio, ha un ruolo cruciale il sistema Shower Spray: un ugello posto nella parte alta del cestello spruzza l'acqua pulita direttamente sul bucato. Uno dei due cicli di risciacquo, perciò, viene sostituito da una fase aggiuntiva più breve di lavaggio, durante il quale questo getto di acqua pulita agisce anche come un pre risciaquo.

L'ugello posizionato nella parte alta dell'apertura del cestello spruzza acqua pulita direttamente sul bucato.
L'ugello posizionato nella parte alta dell'apertura del cestello spruzza acqua pulita direttamente sul bucato.

Le prove di LG effettuate sul mezzo carico

Stando a quanto dichiarato da LG, utilizzando questa funzione le prestazioni di lavaggio e di risciacquo rimangono le stesse, ma con un consumo minore di acqua, di energia e con una riduzione globale del tempo del programma. Quello che è opportuno precisare, però, è che i dati forniti da LG si riferiscono a prove eseguite in un laboratorio e su un ciclo di lavaggio a mezzo carico. Quindi, per un modello di capacità di 10 kg, i valori di risparmio per consumi e tempo sono riferiti a un carico di soli 5 kg. Condizioni, perciò, che sono sicuramente più favorevoli a una migliore pulizia dei capi da lavare.

Com'è andato il nostro test

Abbiamo eseguito un test più severo con un carico di cotone pari a 8 kg (quindi l'80% del carico massimo dichiarato), prima con il normale programma cotone a 40° e poi attivando TurboWash per lo stesso programma. Con la funzione attivata i consumi di energia elettrica e acqua sono diminuiti, rispettivamente, del 12 e del 32%. Per quanto riguarda la durata, invece, con TurboWash il ciclo è durato praticamente la metà: 89 minuti contro i 178 minuti del programma senza la funzione attivata. Non si può dire che lo stesso sia andato per le prestazioni di lavaggio e di risciacquo. L'efficacia nella rimozione di macchie e sporco, infatti, con TurboWash è peggiorata del 19% e anche il risciacquo è peggiorato di circa il 15%.

Macchie difficili? Meglio senza TurboWash 

Se dobbiamo avviare una lavatrice con un carico mediamente sporco e dai volumi ridotti rispetto alla reale capacità massima della macchina, quella di TurboWash è una funzione interessante. L'opportunità di avere una funzione speciale che permetta di lavare in minor tempo e con una riduzione dei consumi ci sembra buona. Nel caso di bucato abbondante e con macchie difficili come vino rosso, cioccolata o inchiostro, invece, è sicuramente preferibile utilizzare il normale programma cotone (senza TurboWash), che garantisce risultati decisamente migliori.


Stampa Invia