News

Halloween: come scegliere e usare bene i trucchi

30 ottobre 2018
Trucchi di carnevale, a cosa stare attenti

30 ottobre 2018

I trucchi che usiamo (e facciamo usare ai più piccoli) per Halloween non sono tutti uguali. Per questo motivo non è così semplice sceglierli e soprattutto individuare quelli più adatti per i bambini. Ecco qualche cosiglio per aiutarti a trovare i trucchi giusti e per usarli nella maniera corretta. 

Come scegliere i trucchi

I trucchi non sono tutti uguali, per legge devono riportare l’elenco completo degli ingredienti (tra parentesi il nome chimico con cui sono riportati in etichetta). Ecco alcuni consigli per la scelta:

  • usa colori ad acqua: simili agli acquarelli, sono comodi da applicare (con pennello o spugnetta bagnata), si rimuovono facilmente e sono meno rischiosi;
  • le diciture “ipoallergenico” o “testato dermatologicamente” sono autodichiarazioni del produttore: non si può escludere in ogni caso una reazione allergica;
  • evita i trucchi che contengono conservanti sotto osservazione come propylparaben, butylparaben e ovviamente methylisothiazolinone, vietato da un anno nei prodotti cosmetici non a risciacquo e quindi anche nei trucchi (ma non è improbabile trovarlo ancora soprattutto se si acquista in canali di vendita meno soggetti a controlli) e allergeni (ad es. limonene, linalool, citronellol);
  • per quanto riguarda gli allergeni, è bene prestare attenzione in particolar modo ad un ingreidente, il butylphenyl methylpropional, il cui utilizzo nei prodotti cosmetici è stato recentemente indicato come non sicuro dal comitato scientifico europeo per la sicurezza dei consumatori, ma attualmente è ancora ammesso e ampiamente presente sul mercato;
  • evita gli smalti, contengono solventi che potrebbero essere pericolosi soprattutto per i bambini che mettono spesso le mani in bocca;
  • acquista prodotti in canali di vendita sicuri e sceglili in base alla lista degli ingredienti (che deve essere in vista).
Consigli per un buon uso

I trucchi per bambini sono cosmetici o giocattoli? In effetti, sono  entrambe le cose. La direttiva è chiara: i giocattoli cosmetici devono essere conformi anche alla direttiva sui prodotti cosmetici. In poche parole,  oltre al marchio di conformità CE (presente nelle confezioni dei comuni giocattoli), sulle confezioni dei trucchi deve essere riportato l’elenco INCI, al cui interno non possono esserci ingredienti vietati dalla normativa sui prodotti cosmetici.

Alcune indicazioni utili

I trucchi contengono sostanze chimiche che potrebbero causare reazioni allergiche e sensibilizzazione, in particolare alle pelli sensibili dei bambini. Ricorda:

  • evita i trucchi nei bambini con meno di 3 anni (salvo indicazioni più severe da parte del produttore, per esempio “Età minima 6 anni”);
  • meglio non esagerare: vanno usati solo in qualche sporadica occasione, non abitualmente;
  • rimuovi accuratamente il trucco a fine giornata (con acqua e sapone o latte detergente);
  • in caso di reazione (rossore, pizzicore…) togli subito i prodotti e sciacqua abbondantemente con acqua;
  • evita di truccare il contorno occhi e le labbra: la pelle in queste zone è particolarmente delicata e sensibile;
  • I prodotti devono essere maneggiati sempre sotto la supervisione di un adulto: non devono essere lasciati a disposizione del bambino;
  • prima di applicarli sul viso, prova i trucchi sulla parte interna dell’avambraccio o dietro l’orecchio. Aspetta almeno un’ora e controlla che non si sia verificata una reazione allergica.

Posso usare i trucchi dell’anno scorso?

I trucchi vanno conservati ben chiusi, al fresco e all'asciutto. Prima di usarli, controlla la data di scadenza, se presente. A maggior ragione se la data di scadenza non è indicata, in etichetta troverai un barattolo aperto, è il simbolo PAO (period after opening) che indica la durata del prodotto dopo l’apertura (espressa in mesi). In ogni caso, non utilizzarli, se emanano un odore di cattivo o se noti che le parti oleose si separano da quelle acquose: il trucco è deteriorato e va buttato.

Costumi: a cosa prestare attenzione

I costumi e le maschere devono rispettare le stesse regole di sicurezza dei giocattoli. Sulle confezioni dunque deve essere presente il marchio CE. Ricorda però che il pericolo maggiore legato ai costumi è quello dell’infiammabilità. I vestiti, infatti, sono spesso in materiale sintetico e possono prendere fuoco facilmente. Molte segnalazioni di prodotti pericolosi riguardano la presenza di bottoni facilmente staccabili con il rischio di soffocamento da parte dei bambini piccoli o laccetti e cordoncini intorno al collo con pericolo di strangolamento. In generale per bambini piccoli, scegliete il velcro al posto dei laccetti e senza bottoni (nel caso rimuoveteli voi). Meglio lasciare i costumi un paio di giorni all’aria aperta prima di indossarli per liberare le sostanze volatili eventualmente presenti. Se il tipo di tessuto lo permette, anche un lavaggio in lavatrice può essere d'aiuto per rimuovere eventuali tracce di trattamenti chimici.

Maschere: il rischio per i bambini c'è

I rischi maggiori invece legati alle maschere riguardano il soffocamento e il rischio chimico per la presenza di ftalati, sostanze tossiche per la riproduzione, tenute sotto controllo dalla normativa europea. Le maschere di plastica morbida che coprono tutto il viso sono quelle più pericolose per entrambi questi aspetti, consigliamo di evitarle sotto i 7 anni. Per quelli più grandi, verificate la presenza di almeno 2 ampie aperture. Altro problema delle maschere sono i glitter e brillantini che potrebbero staccarsi e finire accidentalmente negli occhi, per bambini con meno di 3 anni meglio senza decorazioni.