News

Carte SisalPay bloccate: ecco come tutelarsi dopo il default di Wirecard

Pagamenti elettronici respinti e conti bloccati. A pagare le conseguenze della crisi finanziaria di Wirecard, società tedesca di tecnologie e servizi finanziari, sono soprattutto i consumatori possessori di carte prepagate SisalPay. Ecco come tutelarsi.

  • contributo tecnico di
  • Anna Vizzari
  • di
  • Michela Di Mario
29 giugno 2020
  • contributo tecnico di
  • Anna Vizzari
  • di
  • Michela Di Mario
sisalpay

Da qualche giorno i possessori di carte prepagate SisalPay non possono effettuare pagamenti elettronici, prelevare contanti agli sportelli automatici o gestire i propri conti di pagamento. Il motivo? Le carte SisalPay (utilizzabili sul circuito Mastercard e dotate di codice Iban) sono state emesse dalla società tedesca Wirecard che nei giorni scorsi è di fatto fallita.

Un crac finanziario miliardario

Il 25 giugno scorso, infatti, Wirecard società tedesca che si occupa di pagamenti digitali, ha avviato la procedura di insolvenza dopo che la società di revisione Ernest&Young si è rifiutata di certificare il bilancio 2019. Un crac finanziario miliardario: si parla di un buco da 20 miliardi di euro e di conti fantasma nelle Filippine.

In seguito a queste vicende, l’Autorità di vigilanza inglese (FCA) ha deciso di bloccare preventivamente tutte le carte Wirecard a livello mondiale (si tratta di circa 7000 clienti operatori del settore in tutto il mondo) comprese le prepagate SisalPay distribuite in Italia. È per questo motivo che i consumatori italiani da qualche giorno non riescono più a utilizzare le proprie carte.

Cosa succede adesso

In Italia le carte prepagate SisalPay sono circa 325.000 e in media hanno un importo precaricato di 65 euro. SisalPay, società con la quale i possessori delle carte hanno firmato il proprio contratto, ha annunciato che nei prossimi giorni contatterà tutti i propri clienti per rimborsare il saldo o per trasferire gli importi dalle carte non più utilizzabili ad una prepagata Banca5.

Altroconsumo si impegna a monitorare la situazione e a verificare che, quanto promesso da Sisalpay, venga davvero fatto. Nel frattempo, se sei nostro socio, puoi contattare la nostra consulenza giuridica al numero 02 6961550 dal lunedì al venerdì (9.00-13.00 e 14.00-18.00).