Attenzione a

PeopleFly: a volare sono solo le segnalazioni

PeopleFly ha venduto biglietti per voli fantasma e a rimanere a terra non sono stati in pochi. E se da un lato l'ENAC ha avviato alcuni accertamenti, dall'altro noi abbiamo inviato una segnalazione all'Antitrust per pratiche commerciali scorrette. A distanza di qualche giorno, l'Autorità ha comunicato l'avvio di un procedimento.

09 luglio 2018
PeopleFly

I passeggeri hanno comprato alcuni biglietti aerei con PeopleFly, ma dei voli (da nord a sud Italia) nemmeno l'ombra. Anzi: la società che dovrebbe fornire gli aerei smentisce alcun tipo di accordo. L'ENAC (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile) ha avviato alcuni accertamenti, ma ci siamo mossi anche noi (dopo aver ricevuto diverse segnalazioni sul nostro servizio gratuito Reclama Facile), inviando una segnalazione all'Antitrust per pratiche commerciali scorrette. A distanza di qualche giorno, ora l'Autorità garante della concorrenza e del mercato ha comunicato l'avvio di un provvedimento nei confronti di PeopleFly. Se stai pensando di acquistare un biglietto con loro, ti consigliamo di stare attento e ti informarti il più possibile.

Cosa fare se il volo non c'è

Se hai già acquistato biglietti con PeopleFly, ricorda che in caso di cancellazione/non effettuazione del volo il Regolamento comunitario n.261/04 prevede la scelta tra il rimborso del prezzo del biglietto e l’imbarco su un volo alternativo il prima possibile o in una data successiva a  scelta del passeggero. Inoltre hai diritto a un indennizzo monetario che può essere compreso tra 250 euro e 600 euro a seconda della tratta.

Quando non ti spetta l'indennizzo 

Questo indennizzo, però, non è dovuto se la compagnia aerea:

  • può provare che la cancellazione del volo sia stata causata da circostanze eccezionali (per esempio avverse condizioni meteorologiche o calamità naturali):
  • se il passeggero è stato informato della cancellazione con almeno due settimane di preavviso (prima della data di partenza);
  • se il passeggero è stato informato della cancellazione nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni (prima della data di partenza) e se gli viene offerto un volo alternativo con partenza non più di due ore prima rispetto all'orario originariamente previsto e con arrivo al massimo quattro ore dopo l'orario originariamente previsto;
  • se il passeggero è stato informato della cancellazione meno di sette giorni prima e se gli viene offerto un volo alternativo con partenza non più di un'ora prima dell'orario originariamente previsto e con arrivo al massimo due ore dopo l'orario originariamente previsto.

Stampa Invia