Guida all'acquisto

Come scegliere il gelato in vaschetta

28 giugno 2017
gelati

28 giugno 2017
Fior di latte e panna non sono esattamente la stessa cosa. Così come il ghiacciolo: tra quello "alla fragola" e quello "al gusto di fragola" la differenza c'è ed è piuttosto rilevante. Abbiamo fatto il punto sulle principali denominazioni dei gelati in commercio, per imparare a distinguerli e a sceglierli meglio.

Con l'arrivo dell'estate, il gelato ritorna a fare gola. Che sia artigianale o confezionato, in cono o coppetta, poco importa: il gelato mette d'accordo tutti. Per i più intraprendenti (ed esigenti) acquistare una gelatiera permette di avere un prodotto genuino e fresco, perché fatto in casa. Per tutti gli altri, invece, le gelaterie rappresentano un porto sicuro dove approdare in cerca di ristoro. 

Preferisci i gelati alla panna e fior di latte? Scopri qual è il migliore.

gelati in vaschetta: chi ha vinto il test

Vediamo le differenze tra i prodotti 

In realtà non esiste una legge che definisca il gelato come prodotto o le sue tipologie, questo vale sia per gli artigianali che per quelli industriali. Per agevolare i consumatori nelle scelte, però, esiste un Codice di Autodisciplina (volontario) che regola i prodotti della gelateria industriale e la loro classificazione. Vediamo quali sono le principali differenze tra i gelati:

  • Fior di latte o alla panna
    Contrariamente a quanto si possa credere, non si tratta dello stesso prodotto. Nel primo caso, infatti, il gelato deve contenere almeno il 2% di proteine del latte e almeno il 2,5% di grassi del latte, che sono poi gli unici ammessi (sono quindi banditi i grassi idrogenati o altri grassi non provenienti dal latte). Per chiamarsi gelato alla panna, invece, deve contenere almeno l'8% di grassi del latte.
  • Allo yogurt o con yogurt
    Anche in questo caso la proposizione può fare la differenza. Nel caso del gelato allo yogurt, infatti, lo yogurt deve essere presente per almeno il 40% della miscela. Se, invece, parliamo di gelato con yogurt, la quantità minima di yogurt prevista scende al 20%.
  • Gelato o sorbetto alla frutta
    Il gelato alla frutta, per definirsi tale, deve contenere almeno il 15% di frutta, fanno eccezione i gelati agli agrumi o alla frutta esotica, per i quali la percentuale scende al 10%. Se parliamo di sorbetto, invece, la frutta deve rappresentare almeno il 25% del totale (15% nel caso di agrumi o frutta esotica) e, in questo caso, non è prevista l'aggiunta di grassi.
  • Ghiacciolo alla frutta, al gusto o all'aroma di frutta
    Anche in questo caso, è la percentuale di frutta a fare la differenza. Per definirsi "alla frutta", infatti, un ghiacciolo deve contenere almeno il 10% di frutta (tra succo e polpa), la percentuale può arrivare al 5% solo nel caso di prodotti agli agrumi, alla frutta esotica o a guscio. L'aggiunta di aromi è consentita, ma se la quantità di frutta è inferiore alle percentuali indicate è obbligatoria la denominazione "ghiacciolo al gusto di..." o "ghiacciolo all'aroma di...".
  • Ricoperto di cioccolato o ricoperto al cacao
    Se l'indicazione riportata sul gelato è ricoperto di cioccolato, questo deve costituire almeno il 50% della copertura. Diverso, invece, è il caso del gelato ricoperto al cacao, qui il cacao deve essere almeno il 5% della copertura.

E dal punto di vista nutrizionale?

Qualcuno lo preferisce a fine pasto, altri per merenda e per qualuno può essere un sostitutivo di un pranzo. Diciamo subito che dal punto di vista nutrizionale il gelato non è un alimento equilibrato e bilanciato: ha poche proteine, non fornisce alcun apporto di fibre e vitamine. È invece un vero carico di zuccheri e, a seconda della tipologia, è ricco di grassi. Per questo motivo, noi sconsigliamo di sceglierlo come sostituto del pasto, se non occasionalmente. L'apporto calorico dipende molto dal gusto (in genere le creme sono più caloriche dei gusti alla frutta), dalla tipologia (un ghiacciolo contiene circa 45 calorie, un biscotto in media 250) e dalla porzione (le versioni mini consentono di "risparmiare" parecchie calorie).