News

Meningite: è davvero allarme? Le risposte ai dubbi più comuni

12 gennaio 2017
meningite

12 gennaio 2017

Tv e giornali continuano a parlare di casi di meningite in aumento, contribuendo a creare non poco panico. Ma quali sono davvero i rischi? Come si contrae? Quali probabilità si ha di ammalarsi? Bisogna correre a vaccinarsi? In realtà la situazione è meno allarmante di quanto sembri: facciamo chiarezza e rispondiamo alle domande che si stanno facendo in molti in queste ore.

I dubbi sulla meningite

Stando alla cronaca, i casi di meningite continuano ad aumentare e i mezzi di informazione spesso sembrano dipingere una situazione non troppo rosea. Ma gli esperti epidemiologi ci rassicurano: non siamo di fronte a un’epidemia. Da un paio di anni, tuttavia, in diverse zone della Toscana si è registrato un aumento, seppur contenuto, di casi di meningite, purtroppo anche fatali: da qui l'aumento della preoccupazione della gente, con centri vaccini presi d'assalto e liste d'attesa lunghe settimane. Ma come stanno davvero le cose? È una situazione allarmante come descrivono certi media? Qual è il rischio di contagio? Bisogna correre a vaccinarsi? Ecco tutte le risposte a queste e ad altre domande frequenti. 

  1. Quali sono i sintomi della meningite?
  2. Che rischi ho di contrarla?
  3. Quali sono i vaccini?
  4. Cosa fare se sono un adulto non sono vaccinato? Servono richiami?
  5. Cosa fare con bimbi e anziani?
  6. Quali sono i batteri responsabili della meningite?
  7. Cosa devo fare se qualcuno che conosco ha la meningite?
  8. Qual è la causa della meningite?
  9. Come viene trasmessa?
  10. Bisogna disinfettare o chiudere i luoghi in cui c'è stato un malato?

E se hai dubbi anche sugli altri vaccini (non solo quello per la meningite) di seguito puoi trovare tutte le risposte che stai cercando.


Stampa Invia