News

Bonifici e addebiti diretti: cosa cambia con il sistema Sepa

03 febbraio 2014
Bonifici e addebiti diretti: cosa cambia con il sistema Sepa

03 febbraio 2014

Dal primo febbraio scorso non ci sarà più distinzione tra pagamenti nazionali ed esteri effettuati con bonifici, carte di pagamento e addebiti diretti su conto corrente. Avrai sicuramente già ricevuto una lettera della tua banca che ti annuncia il passaggio al Sepa, ma come funziona questo sistema e cosa cambia nel rapporto con la banca? 

Un nuovo sistema di pagamenti

Avrai sicuramente già ricevuto una lettera della tua banca in cui ti viene comunicato che dal 1° febbraio 2014 verrà effettuato il passaggio dall’attuale sistema di pagamento tramite bonifici e Rid (rapporto bancario diretto) al sistema Sepa (area unica dei pagamenti in euro). Ma che cos’è il Sepa e soprattutto cosa cambia nel sistema bancario e nel rapporto tra banche e utenti? Ecco i principali cambiamenti.

Nessuna distinzione tra pagamenti nazionali ed esteri

In pratica non ci sarà più distinzione tra pagamenti nazionali ed esteri effettuati tramite bonifici, carte di pagamento e addebiti diretti su conto corrente. Ma in concreto cosa cambia?
I bonifici saranno tutti gestiti su un’unica piattaforma secondo caratteristiche tecniche comuni, uniformando i tempi di esecuzione e i costi. Le carte di credito non subiranno alcuna variazione, mentre per quelle di debito si è deciso di far coesistere sulla stessa tessera un circuito nazionale e uno internazionale.
L’addebito diretto domestico (Rid) sarà sostituito dall’addebito diretto Sepa (Sdd). In pratica nel vecchio Rid il cliente dava mandato alla propria banca di pagare un certo importo a un determinato soggetto. Ora, invece, con l'addebito diretto Sepa, l'utente darà mandato non più alla sua banca, ma direttamente al beneficiario della somma il quale potrà chiedere alla banca il pagamento.
Per quanto riguarda i conti correnti le cose non cambiano. Unico obbligo l'utilizzo del codice Iban sia per i bonifici nazionali che esteri.

Puoi approfittare di questi piccoli cambiamenti generali per riguardare le condizioni contrattuali del tuo conto corrente attuale e magari capire se estive un'alternativa più conveniente.

Trova il conto meno caro


Stampa Invia