News

Non hai pagato il bollo? Equitalia ti blocca l’auto. Ecco cosa c’è di vero

21 settembre 2016
fermo amministrativo

21 settembre 2016

Sul web gira la notizia che, se hai debiti con Equitalia e hai scelto di rateizzare, scatta il fermo amministrativo sulla tua auto fino a un massimo di 6 anni. Non si tratta di una bufala vera e propria, ma non c'è bisogno di allarmarsi: scatta solo in alcuni particolari casi e comunque esiste un modo per evitarlo.

Da diverso tempo gira sul web la notizia che in caso di mancato pagamento del bollo auto si riceve da parte di Equitalia il cosiddetto “fermo amministrativo”, ovvero il blocco temporaneo dell’auto, rischiando di non poterla utilizzare per 6 anni. Non si tratta di una vera e propria bufala, ma le cose non stanno proprio come vengono raccontate sul web, ecco perché: 

  • per debiti inferiori a 1000 euro il fermo amministrativo da Equitalia scatta dopo circa 7 mesi dall’invio della prima comunicazione, durante i quali altri arrivano altri solleciti;
  • il debito può essere di qualunque tipo e non riguarda solo il mancato pagamento del bollo auto
  • si può evitare il blocco del veicolo presentando un’istanza di sospensione del fermo, senza dover aspettare di finire di saldare il proprio debito. 

Prima di capire come evitare il blocco dell'auto, è utile fare un po' di chiarezza su quando scatta davvero il fermo amministrativo.

Fermo amministrativo: facciamo chiarezza

Quando si hanno dei debiti Equitalia invia al contribuente (debitore) una cartella esattoriale, ovvero una cartella di pagamento che contiene la descrizione delle somme dovute. Da quel momento in poi si hanno a disposizione 60 giorni per saldare il debito o chiedere di poter pagare a rate.  In caso di debiti fino a 1000 euro, prima ancora di avviare il blocco del veicolo, Equitalia attende ulteriori 120 giorni. Scaduto questo eventuale ulteriore lasso di tempo e non avendo ricevuta alcuna risposta, solo allora avvia la procedura di blocco di uno o più veicoli intestati al debitore, tramite l’invio di una comunicazione di preavviso di fermo amministrativo con cui avverte che, in caso di mancato pagamento del debito o di richiesta di rateazione nei successivi 30 giorni, verrà iscritto al PRA il blocco del veicolo corrispondente alla targa indicata. In poche parole, si hanno a disposizione circa 210 giorni per saldare il debito o richiedere la rateizzazione prima di ricevere il blocco dell’auto.

Auto bloccata? Che fare?

Se si sceglie di pagare a rate il proprio debito perché non si ha la possibilità di saldarlo non appena si riceve la comunicazione di Equitalia, la cancellazione del blocco dell’auto avverrà solo dopo che il debitore avrà pagato integralmente l’ultima rata, con il rischio di non poter utilizzare la propria auto per 6 anni. C’è però un modo per evitare di rimanere senza auto per tutto questo tempo: e cioé che il debitore, dopo aver pagato regolarmente la prima delle rate, può richiedere a Equitalia la sospensione del  fermo, tramite un apposito modulo, ottenendo così la possibilità di poter circolare liberamente con la propria auto. Equitalia rilascerà un documento contenente il consenso all’annotazione della sospensione del fermo che il contribuente dovrà presentare autonomamente al PRA.  

Alcune condizioni

Nel caso in cui il debitore non dovesse procedere al saldo integrale del debito, il veicolo potrà essere pignorato e venduto all’asta. Inoltre il fermo dell’auto non può operare se il contribuente dimostra che il veicolo in questione è strumentale all’attività d’impresa o della sua professione.

Non lasciamoci ingannare

In conclusione:

  • non è vero che per evitare di rimanere senza auto per 6 anni l’unica soluzione è quella di procedere immediatamente al pagamento dell’intero debito, perché è possibile invece richiedere la sospensione del fermo tramite apposito modulo dopo aver saldato la prima rata, e non per forza integralmente l’intero debito;
  • questa inoltre non è una procedura che riguarda solo il bollo auto, ma qualsiasi mancato pagamento di cartella esattoriale.

Sull’Agenda del Consumatore 2017 trovi tutte le scadenze fiscali così potrai averle sempre sotto controllo. Richiedila subito con il Codice VA16090.


Stampa Invia