Ritardo della surroga? Calcola il risarcimento

Come funziona la surroga?

Con la surroga puoi trasferire il tuo mutuo ad un’altra banca senza spese e così facendo puoi ridurre la tua rata periodica.
Verifica le offerte del mercato con il nostro comparatore di mutui e se trovi un’offerta interessante chiedi un preventivo alla nuova banca. Dopo dovrai firmare un documento perché la nuova banca chieda alla vecchia i conteggi estintivi del tuo mutuo (cioè quanto ti resta ancora da pagare). Unico requisito richiesto per fare la surroga è che si chieda alla nuova banca un capitale esattamente uguale al capitale residuo del mutuo che si va a trasferire. Non si può chiedere un capitale aggiuntivo.

Ma che cos’è la surroga e come si fa?
Ogni mutuatario ha per legge la possibilità di spostare/trasferire il suo mutuo da una banca ad un’altra usando la surrogazione dell’ipoteca, un’operazione grazie alla quale l’ipoteca originariamente iscritta sulla casa a favore della prima banca passa alla nuova banca con iscrizione sui registri immobiliari. 
Non comporta alcune spesa a carico del mutuatario. 

Essendo un trasferimento e non un’estinzione, non possono essere chieste penali di estinzione anticipata da parte della banca con cui si era concluso inizialmente il mutuo.
Inoltre non possono essere imposte al cliente, dalla nuova banca, spese per la concessione del nuovo mutuo, per l’istruttoria e per gli accertamenti catastali. 
Ciò vuol dire che il cliente che trasferisce il suo mutuo deve farlo a costo zero; non possono essergli chieste spese di perizia, spese di istruttoria (il cliente è affidabile perché pagava il mutuo), spese legate agli accertamenti catastali. Anche il passaggio dal notaio è a spese della nuova banca.
Non sarebbe neppure necessario accendere una nuova polizza assicurativa sull'immobile, basta cambiare il beneficiario nella polizza fatta a suo tempo con la prima banca. 

Non si pagano nuove imposte sul finanziamento e rimangono valide le detrazioni sugli interessi passivi. 
Unico costo è la tassa di iscrizione della surrogazione nei registri immobiliari, pari a 35 euro.

Tempi certi per il trasferimento
La legge prevede anche che l’operazione debba concludersi in 30 giorni lavorativi. L’articolo 120 quater comma 7 del dlgs 385 del 1993 (TUB) stabilisce il diritto al risarcimento per tutti coloro che hanno subito ritardi.
La data a partire dalla quale si conteggiano i 30 giorni lavorativi di ritardo è la data di richiesta dei conteggi estintivi della nuova banca alla banca originaria. Bisogna poi recuperare la data di effettiva realizzazione della surroga (stipula dal notaio o altro documento che prova la data di surroga) o di mancata realizzazione (come risulta da documenti in tuo possesso).
Il risarcimento è pari all'1% del capitale residuo del mutuo per ciascun mese o frazione di mese di ritardo.
Puoi usare la lettera tipo che trovi sul nostro sito per chiedere il risarcimento alla vecchia banca. 
Deve essere inviata con raccomandata a/r alla banca iniziale con cui hai stipulato il mutuo da trasferire. Se il mutuo è cointestato la richiesta va fatta da tutti gli intestatari del mutuo. 
La banca ha 30 giorni di tempo dal suo ricevimento per darvi risposta; se non arriva o arriva una risposta non soddisfacente si può fare ricorso all’Arbitro bancario finanziario