News

Primi dentini: servono davvero le collane di ambra?

20 maggio 2016

20 maggio 2016

Per alleviare il dolore dei primi dentini, sempre più spesso i genitori ricorrono alle collanine di ambra. Questa pietra avrebbe infatti delle proprietà analgesiche. Ma, di questo, non c’è alcuna evidenza scientifica. Inoltre possono essere pericolose: i piccoli potrebbero strozzarsi o soffocarsi

L’arrivo dei primi dentini può essere accompagnato da febbre, diarrea e malessere generale. Sono tanti i rimedi ai quali i genitori ricorrono per cercare di alleviare un po’ le “sofferenze” dei loro figli. Non ultimo quello delle collanine di ambra. Queste collanine si possono trovare in farmacia, ma anche nei supermercati e costano tra i 15 e i 20 euro. Sono davvero efficaci?

Efficacia: non c’è nessun riscontro scientifico

Secondo alcuni, la pietra d’ambra avrebbe diverse proprietà (analgesiche, disinfiammanti e stimolanti del sistema immunitario). La sostanza contenuta nella pietra che, al contatto con la pelle, sarebbe in grado di apportare questi benefici sarebbe l’acido succinico. Iniziamo col dire che sui presunti benefici dell’acido succinico non esistono riscontri scientifici. In secondo luogo, se anche si volesse credere a queste proprietà benefiche, va detto che l’acido succinico viene rilasciato dalla pietra d’ambra solo a temperature molto elevate. Nel caso delle collanine d’ambra, quindi, non basterebbe il solo calore del corpo umano a far rilasciare questa sostanza.

Il rischio è che i bimbi rimangano soffocati

Anche quello che i bimbi possano rischiare di soffocarsi è un elemento da tenere in considerazione. Certo, non parliamo di certezza, ma di un rischio elevato. Il bambino potrebbe rimanere impigliato con la collana ad esempio in un mobile o nel letto. C’è anche il rischio che il bimbo, proprio perché ha fastidio alla bocca, si metta a mangiare la collana rompendola e in questo modo ingerisca le piccole parti.   

I nostri consigli

La dentizione non è una malattia, ma può essere fastidiosa. Per alleviare il dolore si può ricorrere ad alcuni metodi.

  • Gli anelli per la dentizione (quelli da mettere nel freezer) alleviano il dolore. Inoltre, mordendo in continuazione l’anello il bimbo si “sfoga”.
  • Un’alternativa agli anelli possono essere gli asciugamani di cotone. Prendine uno bianco, bagnalo e mettilo in freezer. Poi dallo al bambino da succhiare.
  • Un massaggio con le dita (ben lavate) sulle gengive può dare sollievo.

In caso di dolore forte puoi ricorrere al paracetamolo e all’ibuprofene: due principi attivi utili contro il dolore e suggeriti dai pediatri anche in altri contesti. È sempre bene, comunque consultare il proprio pediatra.


Stampa Invia