News

Treni e distanziamento: migliaia i passeggeri rimasti a piedi. Che fare se hai subito disagi

Dietrofront del Governo sulla possibilità di occupare il 100% dei posti a bordo dei treni: nessuna revoca alle regole sul distanziamento sociale. L'ordinanza del Ministero della Salute ha comportato la cancellazione di migliaia di biglietti sulle tratte Trenitalia e Italo e la riorganizzazione dei viaggi per le prossime settimane. Ecco cosa puoi fare se hai subito disagi e quali sono le regole per partire in tutta sicurezza in aereo, treno o traghetto.

03 agosto 2020
regole covid viaggi

È stato un fine settimana di caos per i viaggi in treno. Dopo il dietrofront del Governo sulla decisione di ripristinare tutti i posti a bordo, infatti, domenica 2 agosto Trenitalia e Italo hanno lasciato a piedi migliaia di passeggeri, causando non pochi disagi durante quello che doveva essere il primo weekend di vacanza di agosto

Trenitalia

Nella notte di domenica 2 agosto Trenitalia ha comunicato tramite email ai propri passeggeri di aver ripristinato il limite del 50% dei posti da occupare a scacchiera, dopo l'ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza: nessuna deroga, quindi, al distanziamento sociale. La procedura si applica a tutti i treni le Frecce e gli Intercity mentre sui treni regionali si è aperto un nuovo fronte. In seguito alle disposizioni emanate dalle Regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia, Province autonome di Trento e Bolzano, Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna, è possibile utilizzare tutti i posti a sedere disponibili, senza considerare la presenza di eventuali marker rossi. Esclusivamente in Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Liguria, e Sicilia è possibile inoltre utilizzare anche tutti i posti in piedi, mentre esclusivamente in Lombardia è possibile utilizzare il 25% dei posti in piedi. Il servizio clienti Trenitalia ha contattato telefonicamente i passeggeri per far scegliere il rimborso di quanto pagato in caso di cancellazione oppure per proporre alternative di viaggio. 

Italo

La compagnia ha adottato misure eccezionali per rispettare l'ordinanza emessa dal Ministro della Salute, revocando di fatto la possibilità di occupare il 100% dei posti a bordo. Domenica 2 agosto sono rimasti a piedi circa 8.000 passeggeri: sono infatti state soppresse e cancellate alcune tratte sulla linea Italo, in particolare i treni 9919/9921, 9975, 9927/9929, 8111/8113, 8143, 8126, 8131, 8135. La compagnia ha già comunicato che i passeggeri verranno rimborsati di tutti i titoli di viaggio non utilizzati a causa delle restrizioni. 

Cosa fare se il tuo treno è stato cancellato

  • Come prima cosa inoltra la richiesta di rimborso direttamente alla compagnia seguendo le procedure indicate sui rispettivi siti;
  • Conserva i documenti del tuo viaggio;
  • Se non sei soddisfatto di quanto proposto dalla compagnia puoi contare sulla consulenza giuridica riservata ai soci Altroconsumo allo 02 69 61 550, i nostri consulenti rispondono dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. 

Trasporti: le regole da rispettare

L’emergenza, come conferma anche l'ultima ordinanza del Ministero della Salute, non è del tutto passata. Per questo, chi prende aerei, navi o treni per i propri viaggi deve rispettare determinate regole di prevenzione del contagio. Ma quali sono? Abbiamo cercato di fare un po’ di chiarezza per aiutarvi a partire in tutta sicurezza.

In aereo

Ecco le regole da rispettare se si viaggia in aereo.

  • Rilevazione della temperatura. In alcuni aeroporti viene misurata la temperatura corporea prima della partenza. In presenza di un valore superiore a quello stabilito dalla normativa (per l'Italia superiore ai 37,5° C) può essere vietata la partenza o richiesta una specifica certificazione medica. Durante l’imbarco è necessario non indossare cappelli e copricapo tali da impedire di rilevare la temperatura corporea.
  • Check-in. Alcune compagnie, al fine di rispettare il distanziamento sociale, invitano i passeggeri, dove possibile, a effettuare il check-in online o a utilizzare, dove presenti, i chioschi del fast check-in aeroporto.
  • Distanziamento e mascherina. Durante tutte le operazioni effettuate in aeroporto (check-in, transito, imbarco, sbarco, ritiro dei bagagli, controlli di sicurezza) è necessario mantenere sempre la distanza di sicurezza di almeno un metro. È necessario indossare una mascherina protettiva.
  • Sanificazione. Le aree aeroportuali vengono sanificate e igienizzate più volte al giorno. Alcune compagnie specificano che tutti gli aerei vengono sanificati con prodotti ad alto potere igienizzante ogni giorno e che l’aria a bordo è rinnovata ogni 3-4 minuti.
  • Navetta. In caso di utilizzo della navetta, è previsto un limite massimo di passeggeri. In ogni caso è necessario indossare sempre la mascherina e mantenere la distanza interpersonale di un metro.
  • A bordo. Alcune compagnie specificano che è obbligatorio indossare sempre una mascherina di protezione che va cambiata con una nuova ogni 4 ore di volo. Va, quindi, portato un adeguato numero di mascherine protettive in relazione alla durata del volo. È consentito portare a bordo un solo bagaglio a mano delle dimensioni consentite. Gli effetti personali di dimensioni ridotte (per esempio borse da donna, zaini, porta computer) devono essere posizionati sotto il sedile. È vietato mettere in cappelliera qualsiasi indumento (per esempio giacche, maglie) che dovrà essere riposto nel bagaglio a mano prima dell’imbarco. Il servizio di bordo è effettuato in formato ridotto per ridurre al minimo il passaggio e lo stazionamento in cabina del personale di volo. Le fasi di imbarco e sbarco dall’aeromobile dovranno avvenire in modo ordinato, per file.
In nave

Queste le regole da seguire per chi si imbarca con le compagnie Moby, Tirrenia e Toremar.

  • Mascherina e distanza di sicurezza. La mascherina deve essere indossata durante l’imbarco e tenuta per tutto il tempo del viaggio. Allo stesso modo deve essere mantenuta la distanza di sicurezza di un metro tra le persone durante le procedure di imbarco e sbarco nelle aree pubbliche oltre che nei corridoi, ascensori, scale mobili e locali garage. Vengono limitati i contatti tra personale e passeggeri.
  • Accesso ai locali. L’accesso al locale ristorazione è controllato da personale addetto con fila nel rispetto della distanza di sicurezza di un metro. Le sedute saranno alternate. La stessa cosa vale per gli ingressi nella sala poltrone a pagamento: accesso controllato dal personale con contingentamento delle assegnazioni in rapporto a capienza/distanza di sicurezza.
  • Piscina. Accesso contingentato nel rispetto delle norme di sicurezza.
  • Cinema e sala gioco bambini chiusi.
  • Ascensori: sono vietati gli assembramenti all’interno degli ascensori.
  • Bagni: accesso regolamentato per quelli pubblici.
  • Cabine: l’assegnazione delle cabine agli ospiti viene fatta seguendo una rotazione numerica così da poter approfondirne al meglio la pulizia e la sanificazione il giorno dopo l’occupazione.

In generale, sulle navi è presente tutta una serie di cartellonistica dedicata che indica le modalità di comportamento da seguire mentre si viaggia. In più, per tutti i viaggi con destinazione Sardegna è obbligatorio compilare il modulo relativo allo stato di salute e agli spostamenti in Sardegna. Chi sbarcherà in Sicilia, invece, potrà scaricare l'app “Sicilia SiCura” nata per gestire il turismo durante la fase 3 della lotta al Covid-19. La registrazione è facoltativa.

In treno

Se scegli di viaggiare in treno, queste sono le indicazioni date da Trenitalia.

  • Dispenser igienizzanti. Per igienizzare le mani a bordo dei treni sono stati installati dei dispenser con gel disinfettante.
  • Guanti e mascherina. È obbligatorio indossare la mascherina a bordo dei treni. Bisogna anche dotarsi di guanti monouso.
  • Distanza sociale. A bordo dei treni bisogna rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
  • Posti disponibili. Le sedute all’interno dei vagoni sono state ridimensionate. Bisogna sedersi lasciando libero il posto immediatamente di fianco e quello di fronte. Nelle file a due posti, ci si può sedere esclusivamente lato finestrino, lasciando libero il sedile corridoio. Sulle Frecce e sugli Intercity bisogna sedersi sul posto assegnato in fase di prenotazione.
  • Personale. Anche l’equipaggio Trenitalia utilizza sistemi di protezione per la sicurezza di tutti a bordo.
  • Controllo del biglietto a distanza. La verifica del titolo di viaggio viene fatta in modalità contactless.
  • Sanificazione dei treni. Trenitalia assicura che i treni vengono sanificati quotidianamente in conformità ai protocolli previsti dal Ministero della Salute.
  • Uscita. Per scendere dal treno bisogna usare le porte dedicate alla discesa. Non si può sostare in prossimità delle porte, ma bisogna disporsi lungo il corridoio rispettando la distanza sociale.
  • In caso di sintomi. Se qualcuno sul treno mostra sintomi influenzali, bisogna informare il Capotreno.