News

Caschi bici alla prova: il prezzo non fa la differenza

Abbiamo giudicato in modo molto severo 11 caschi bici per bambini su sei tipi di impatto. Ci vogliono norme più stringenti per ottenere l’omologazione e quelli più cari non sono sempre i più sicuri.

  • di
  • Manuela Cervilli
23 settembre 2020
  • di
  • Manuela Cervilli
caschi bici

Molte delle nostre città, purtroppo, non sono fatte per le biciclette: le piste ciclabili sono spesso insufficienti, automobili e moto congestionano il traffico, le zone con il limite di velocità a 30 km/h sono troppo poche. Il casco è senza dubbio una valida protezione.

Il nostro test rivela che la probabilità di scongiurare danni cerebrali indossando uno dei caschi da noi messi alla prova, varia dal 50 a poco più del 70%, a seconda dei modelli. 

Il test sui caschi per bimbi

Indossare il casco in bici deve essere una scelta consapevole. Il casco che fate mettere ai vostri bambini deve essere di buona qualità, della misura giusta e soprattutto deve essere allacciato e indossato correttamente. Altrimenti è inutile. È proprio la valutazione della qualità del casco in termini di sicurezza al centro del nostro test (svolto in collaborazione con il laboratorio Certimoov, che usa un nuovo metodo di valutazione del rischio messo a punto dall’Università di Strasburgo). Gli undici caschi bici per bambini che abbiamo testato sono prodotti omologati secondo la norma EN1078. In laboratorio non abbiamo ripetuto le prove previste per l’omologazione: per noi le prove della norma sono la base di partenza e, dunque, andiamo oltre, sottoponendo i modelli a prove più severe, perché pensiamo che siano necessari test più realistici per valutare il livello di sicurezza offerto dai caschi in caso di impatto. Sicurezza che non è sempre proporzionata al prezzo. I caschi del test ottengono i risultati peggiori nella prova di impatto laterale: nessun modello raggiunge le cinque stelle (il voto migliore) e solo due raggiungono le quattro stelle. È un risultato preoccupante: significa che, in generale, i caschi in commercio non proteggono in modo sufficiente per quel genere di caduta (invece piuttosto frequente).

Produttori caschi: siate più attenti

È indubbio che qualsiasi casco (purché della misura giusta e ben indossato) protegga meglio rispetto a non indossarlo. Noi di Altroconsumo, dunque, ne raccomandiamo l’uso. Da tempo chiediamo che diventi obbligatorio per i ciclisti di età inferiore ai 14 anni. E lo consigliamo anche agli adulti, sperando che il buon esempio si diffonda, come è avvenuto per i caschi da sci.

Per avere caschi sicuri però i produttori devono fare di più: basterebbe rendere più severi e articolati i protocolli da superare per ottenere l’omologazione, per esempio testando anche gli impatti su superfici inclinate e non solo piane.