News

Attestato di rischio digitale: diventa dinamico

26 aprile 2018
assicurazione

26 aprile 2018

Dal 1° giugno l'attestato di rischio digitale diventerà dinamico per poter tenere sotto controllo il numero di sinistri dichiarati dall'assicurato e per evitare in questo modo frodi. Un cambiamento che porterà benefici a tutti gli assicurati onesti.

Dopo aver abbandonato il formato cartaceo nel 2015 per diventare digitale, ora l'attestato di rischio diventerà anche dinamico. In questo modo si può valutare correttamente la sinistrosità dell’assicurato, ovvero il numero di sinistri denunciato in un dato periodo di tempo. Fino ad oggi, infatti, i sinistri pagati fuori dal periodo di osservazione o dopo la scadenza del contratto, non venivano utilizzati per valorizzare correttamente la sinistrosità dell’assicurato, nel caso quest’ultimo avesse cambiato compagnia di assicurazione alla scadenza della polizza (i cosiddetti sinistri tardivi). Ma cosa cambia? Vediamo insieme i dettagli.

Cosa cambia per gli assicurati

Con l'attestato digitale dinamico è possibile valorizzare i sinistri relativi a polizze di durata temporanea ed è previsto il rilascio dell’attestato per tutte le tipologie di contratto (bonus/malus, franchigia e tariffa fissa). Inoltre, la tabella di sinistrosità pregressa verrà progressivamente estesa fino ad avere l’indicazione sui sinistri negli ultimi 10 anni anche se il periodo di validità dell’attestato, ai fini dell’attribuzione della classe di merito, resta fermo a 5 anni. Come sempre, l’attestato di rischio si riceve almeno 30 giorni prima della scadenza della tua polizza: puoi trovare il documento nell’area dedicata sul sito internet della compagnia (la cosiddetta “home insurance”),  e in ogni caso puoi richiedere una consegna telematica aggiuntiva tra quelle previste dall’impresa (ad esempio posta elettronica, app per smartphone o tablet/dispositivi multimediali). In caso di polizza stipulata presso un intermediario (agente, broker), è possibile richiedere la stampa dell’attestato di rischio senza l’applicazione di costi.

Quando l'attestato diventerà dinamico

Le nuove disposizioni in materia di attestato dinamico entreranno in vigore dall’1 giugno 2018 per i contratti in scadenza dal 1 agosto 2018, ad eccezione delle disposizioni relative alle polizze di durata temporanea e all’estensione a 10 anni della “Tabella di sinistrosità pregressa”, che entreranno in vigore dal 1 gennaio 2019. Non dimentichiamo che queste norme porteranno benefici a tutti gli assicurati onesti perché verranno smascherate le frodi.

Vuoi cambiare assicurazione?

Se stai cercando una nuova polizza, con il nostro calcolatore puoi risparmiare fino a 200 euro. Confronta le tariffe rc auto per capire qual è quella più conveniente sul mercato, in base alle tue esigenze: trova l'assicurazione auto più conveniente. Ricordiamo che la legge sulla concorrenza ha sancito il divieto di tacito rinnovo per i contratti rc auto e tutte le garanzie correlate se comprese nello stesso contratto della polizza rc auto o se stipulate in altro contratto, ma contestuale alla propria rc auto. Attenzione però: la norma vale dall’entrata in vigore della polizza (29 agosto 2017) quindi prima di tale data valgono ancora le vecchie regole. Inoltre un’eccezione potrebbe riguardare quei pochissimi casi di polizze di garanzie accessorie per cui non è stata inviata la disdetta in caso si sia già cambiata compagnia per la rc auto: in questo caso a nostro avviso i contratti sono ormai separati e quindi è un onere dell’assicurato inviare la disdetta (in questo caso quindi valgono le norme per le polizze danni). 


Stampa Invia