ultimo aggiornamento: 18/03/2021

Pompa di calore e Fotovoltaico

Due anni fa' ho istallato una pompa di calore in casa, cosi' eliminando la caldaia a gas.Ho un notevole risparmio economico,rispetto i costi del gas,e gia' per questo sono contento.Pero' ora ho deciso di istallare un impianto fotovoltaico che mi dovrebbe fornire 3 KW di corrente elettrica tranquillamente durante il giorno,riducendomi i costi della bolletta di circa il 70 % dai calcoli forniti dalla ditta istallatrice.Qualcuno mi puo' dire se questo e' vero?, Se e' conveniente fare questa spesa ? Con i nuovi contributi statali ed europei invece di pagare la bolletta luce per dieci anni, questi soldi andrebbero ad ammortizzare il costo dei pannelli solari.Che avranno una durata di 30 anni riducendo i costi bolletta di circa il 70%.

User name

Commenta il post

Condividi la tua opinione o fai la tua domanda nel gruppo Efficienza e sostenibilità della comunità Energia rinnovabile!

16 Risposte

Ordina per :

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

18/03/2021

Buonasera sono un elettrotecnico/consulente energetico. E' risaputo che l'energia immessa in rete viene pagata una miseria, il vero benefico lo si ha dall'autoconsumo, più corrente consuma più non la paga la fortuna che costa in Italia... inoltre consideri che nei prossimi anni il prezzo dell'energia salirà ed anche i consumi tra auto elettriche e caldaie a pompa di calore andranno alle stelle. La convenienza del fotovoltaico è palese. Noi ad oggi siamo in grado di installare chiavi in mano un impianto da 5kwp di SunPower + con ottimizzatori ed inverter SolarEdge (cioè il meglio del meglio) a 5850 con cessione del credito 50%.
(solo toscana 3285623502)

La miglior cosa che potrebbe fare in questo momento è usufruire del 110%,se non ha abusi edilizi e se ha una caldaia a gas da sostituire collegata. Passare in trifase mettere 12 kwp e due batterie Tesla. Anche a costo di installare i pannelli a nord. A quel punto potrà usare la corrente anche per le sue necessità di climatizzazione estiva ed invernale comprendo interamente i consumi, noi ad esempio installiamo soluzioni ibride e non Daikin.

saluti
Alessio Granchi

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

18/06/2020

No, purtroppo non c'è la convenienza tanto meno l'abbattimento dei costi energetici. Ho un impianto da 3 kw installato da 5 anni.

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

04/12/2019

Ciao a tutti! In questo periodo sto collazionando preventivi per il fotovoltaico e vorrei condividere con voi le conclusioni cui sono arrivata.
Primo step: quanti kWh installare?
Ho deciso di installare un impianto da 6kWh: anche se adesso ho un contatore da 3kWh, perché in un futuro (molto prossimo spero) vorrei evitare completamente il gas naturale, che pesa persino più della bolletta elettrica. Questo significa che cambierò ad esempio la cucina a gas con una piastra ad induzione, installerò una pompa di calore e, perchè no, comprerò un'auto elettrica.
Secondo step: Gruppo d'acquisto o affidarsi a qualcuno che ti fornisca un impianto chiavi in mano?
Impianto chiavi in mano, decisamente. La gestione della pratica GSE va affidata ad esperti, quantomeno per avere sicurezze, garanzie, tempi più o meno certi. Inoltre devono essere installatori autorizzati per far sì che la garanzia decennale, venticinquennale o come sia, sia attivata con la ditta produttrice dei pannelli. E poi chi installa il fotovoltaico deve garantirmi una produzione annuale di elettricità.
Terzo step: il costo.
Mi occorrono 20 pannelli PV da circa 30kWh. Dalle stime di "casa rinnovabile", riportata anche qui, su altro consumo, so che il costo medio di questi 20 pannelli - con rating di "ottima qualità" - dovrebbe aggirarsi intorno ai 200 euro/pannello, quindi 4000 euro.
ammettiamo che la pratica, l'installazione, il collaudo e l'allaccio incidano per altri 4000 euro. Ottengo un impianto da 8000 euro.... per fare cifra tonda direi 10.000 euro. Con la cessione del credito posso averlo al 50% perciò a 5000 euro. E' una cifra ragionevole, tenendo conto che solo per comprare i pannelli avrei speso qualcosa di simile.
Quarto step: i preventivi
Vanno da 9400 euro a 28000! La differenza sta nei servizi, nei trent'anni (promessi!) di manutenzioni, monitoraggi ecc.ecc. ma credo che dover aspettare 25 anni per un ritorno dell'investimento sia assurdo! con una spesa di 1400 euro all'anno per l'energia posso ammortizzare l'investimento in 3 anni.
Ragiono male?

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

09/01/2020
, ha risposto:

Il GSE ha messo a disposizione un simulatore molto ben fatto e semplificato:

www.autoconsumo.gse.it/.../input-base

Provi a fare qualche prova di conto tecnico-economico

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

09/01/2020
, ha risposto:

Buongiorno Anita. Vorremmo aiutarti a fare un po' di chiarezza grazie alla collaborazione dei nostri esperti:
quando si parla della grandezza di un impianto fotovoltaico, si ragiona in termini di potenza massima, che si misura in kW (chilowatt).
L'impianto su cui si è orientata è da 6kW (con contatore da 3kW che andrà successivamente portato ad una potenza superiore etc etc)
Come giustamente dice nel seguito, un impianto da 6kW sarà composto da 20 pannelli, ma da 300 Watt:
20 x 300W = 6000W = 6kW
Oppure da 17 pannelli da 350W cadauno, perché anche così si raggiunge una potenza di circa 6kW, dipende quindi dalla potenza dei singoli pannelli.

Il dimensionamento dell'impianto va però fatto molto attentamente, perché il rischio è quello di sovradimensionarlo, pagare per qualcosa che non utilizzeremo completamente e quindi allontanare il rientro dell'investimento.

Ad ogni modo, un impianto da 6kW chiavi in mano nel nostro gruppo di acquisto dell'anno scorso costava dai circa 9000€ per l'offerta base fino ai 12000€ per l'offerta premium,
e ci si può aspettare questo ordine di grandezza per i costi medi del mercato italiano.
Tasto dolente è però che dal 2020 non si può più usufruire della cessione del credito per questo tipo di impianti, la norma è stata modificata e non è più valida per questo tipo di impianti.
Quindi rimane aperta la canonica detrazione fiscale del 50% in quote uguali per 10 anni (450€ - 600€ all’anno nel caso degli estremi del nostro gruppo d’acquisto).

Infine, attenzione al ragionamento sulle bollette!
installando un impianto fotovoltaico non si coprono completamente i costi delle bollette, anzi!
Il risparmio si ottiene solo sull'energia autoconsumata e dipende molto sia dalle abitudini di consumo che dalla quantità di sole che riceve l'impianto:
riuscire a spostare i consumi principali (lavatrici, lavastoviglie etc) nelle ore di sole consente risparmi superiori.

Per maggiori informazioni può leggersi anche l’articolo che trova su questa discussione, dove oltre ai consumi si parla anche di fotovoltaico: www.altroconsumo.it/.../monitoraggio-dei-consumi-elettrici-in-casa

Spero di esserti stato utile.
Buona giornata

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

11/11/2019

La registrazione e collegamento dell'impianto alla rete e-distribuzione non è una pratica semplice se non hai alle spalle una organizzazione tecnica. Per cui si può andare incontro a assiemare l'impianto e non vederselo collegare in rete, quindi non poterlo utilizzare.
Il mio impianto da 6 kwp produce poco meno di 8mila kwh annui. Nei mesi invernali cioè da novembre a febbraio ho una produzione media 330 kwh al mese. Quindi non mi sembra economicamente conveniente.

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

04/12/2019
, ha risposto:

A me non sembra così male, veramente: ho un consumo di 500/600 kWh al mese, quindi un risparmio del 50%.

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

08/01/2020
, ha risposto:

Il risparmio del 50% si otterrebbe se tutta l'energia prodotta dall'impianto venisse autoconsumata nello stesso istante che viene prodotta, così da non immetterla nella rete nazionale, ma questa situazione non si verifica praticamente mai.
Secondo i rapporti annuali del GSE, gli impianti domestici (quindi non industriali o commerciali) presentano una media di autoconsumo annua intorno al 30/35%, quindi di quegli 8000 kWh annui, solo 2500/3000 kWh vanno ad alleggerire le bollette.

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

08/05/2019

Ciao Mirco!
L’elettrificazione dei consumi domestici (il passaggio cioè dall’uso del gas naturale a quello dell’elettricità nei consumi delle abitazioni) è uno degli obiettivi nazionali e comunitari, in quanto consente di sfruttare al meglio la produzione rinnovabile, diminuire la dipendenza dal gas naturale ed assicurare così una maggiore indipendenza energetica e un minor impatto ambientale.
I sistemi elettrici di riscaldamento a pompa di calore, in virtù della loro alta efficienza permettono già di risparmiare rispetto alle caldaie tradizionali, ma abbinati a un impianto solare fotovoltaico consentono risparmi ancora più elevati perché a quel punto l’energia elettrica necessaria al loro funzionamento verrebbe prodotta e consumata direttamente sul posto senza ulteriori spese.
Però, è necessario avere un dimensionamento accurato che tenga conto dei consumi della tua caldaia distribuiti nel tempo (durante il giorno e durante l’anno) e della tua abitazione in generale, per calcolare in maniera accurata quali sarebbero i risparmi e di conseguenza il tempo necessario per ripagare l’impianto fotovoltaico anche a fronte degli incentivi: superato questo periodo, il risparmio sarà netto.
Per quanto riguarda la vita utile dell’impianto, generalmente si aggira tra i 20 e i 30 anni, considerando però che, col passare degli anni, la manutenzione e magari la sostituzione di qualche componente diventi necessaria e vada quindi messa da conto.
Buona giornata!

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

23/01/2019

Ciao, io sto pensando di installare una sonda geotermica con pompa di calore, da usare per riscaldare l'acqua nei termosifoni in ghisa, che ho in casa ed anche per la produzione di acqua calda sanitaria (ACS). Dal momento che, da quello che ho letto, la pompa di calore con sonda geotermica consuma circa 1.5 kW, pensavo di installare anche dei pannelli fotovoltaici sul tetto, almeno 4.5-5 kW. Il costo di un pannello, oggi, acquistato direttamente dal produttore, è di € 0,22/W, il che significa che 1 kW di pannelli costerebbe 220 €. Questi prezzi sono franco porto di Rotterdam, cui bisogna aggiungere il trasporto, eventuale sdoganamento, IVA. Ad ogni modo sono prezzi molto competitivi per pannelli molto buoni. Durata media di tali pannelli: 25 anni. Al 25o anno si può avere una diminuzione dell'efficienza max 10%.Da quello che so, bisognerebbe acquistare almeno una cinquantina di pallets, per cui bisognerebbe creare un gruppo d'acquisto. Massima disponibilità da parte mia.

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

06/05/2019
, ha risposto:

Comprarli direttamente dal produttore è sicuramente più economico, però poi chi li monta? e l'inverter il cablaggio, l'allaccio alla rete e tutte le altre voci dell'impianto? Anche quelle contribuiscono a fare il costo totale dell'impianto, non è mica un frigorifero che lo compri e attacchi la spina.

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

02/11/2019
, ha risposto:

Scusate il ritardo nella risposta, la quale desidera coprire tutte le domande.
No, al momento non esiste un gruppo d'acquisto per i pannelli fotovoltaici da acquistare in Olanda o in Germania. Dovremmo crearlo noi stessi e preoccuparci di organizzare il pagamento, il trasporto, lo smistamento dei pannelli ai componenti dell'eventuale gruppo d'acquisto, etc.
Potremmo pensare anche a creare un gruppo d'acquisto per l'inverter.
Sì, concordo, acquistare dei pannelli fotovoltaici non è come acquistare un frigorifero, però, insieme, con un po' di buona volontà e coraggio, potremmo creare energia pulita per le nostre case, risparmiando parecchio, a mio avviso. In fondo, concettualmente, installare dei pannelli fotovoltaici è abbastanza semplice. Facciamo un esempio. Ammettiamo che abbiamo bisogno di produrre, diciamo, 6 kW di energia elettrica. Per facilitare il calcolo, assumiamo di acquistare dei pannelli da 300 W ciascuno, quindi avremmo bisogno di 20 pannelli. Se uno volesse fare un impianto da 3 kW, ne acquisterà 10, per un impianto da 4.5 kW ne acquisterà 15 e così via. Questi pannelli, in genere, hanno le seguenti dimensioni 100 cm x 190 cm, quelli più grandi. I pannelli fotovoltaici producono energia in corrente continua, funzionano come le pile o le batterie delle nostre automobili, per intenderci. Quindi, per far funzionare i nostri elettrodomestici e quant'altro, tutti dispositivi che funzionano con corrente alternata, dobbiamo trasformare questa corrente continua in corrente alternata. Come? Con in inverter, il quale fa proprio questo, trasforma la corrente continua in alternata. E quali caratteristiche dovrà avere questo inverter? Semplice. Se creiamo un impianto da 6 kW, avremo bisogno di un inverter da 6 kW o un po' di più. Lo stesso dicasi per 3 kW o per 4.5 kW. E che cosa servirebbe poi? Qualche cavo elettrico adatto per resistere alle intemperie ed ai raggi UV ed un po' di ferramenta. Per un impianto base, non servirebbe altro. Poi, ovviamente, bisognerebbe contattare il fornitore attuale di energia ed il GSE (Gestore Servizi Energetici) con sede a Roma, per fare installare un contatore bidirezionale, nel caso volessimo cedere in rete l'energia che non consumiamo. Tutto qui.
Io personalmente mi sono occupato di elettronica da più di 50 anni e, pur non essendo questo il mio campo, non mi spaventerebbe cimentarmi in questa impresa. Da parte mia sono pronto a mettere a disposizione di tutti ed assolutamente gratis quel poco che ho imparato. D'altra parte, se pensiamo di creare un gruppo, altre persone dovrebbero occuparsi delle normative, di preparare la documentazione, ove questa venga richiesta, etc. Non è che uno si accolli tutto il peso di fare tutto e gli altri stanno a guardare. Assolutamente no.
Si accettano proposte, critiche consigli e quant'altro.
Saluti a tutti!

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

19/11/2019
, ha risposto:

bene, ha descritto a grandi linee tutte le procedure che vengono eseguite dalle ditte installatrici di impianti fotovoltaici.
Insomma, più che un gruppo d'acquisto, sta proponendo di mettere su un'impresa! o una cooperativa credo.

Ad ogni modo le do ragione, per chi ha tempo e iniziativa, le possibilità ci sono e sono alla portata.
Non mi rimane che augurarle buona fortuna

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

06/03/2019
, ha risposto:

Salve, vorrei sapere dove si possono acquistare questi pannelli, e, se lo avete fatto, come vi trovate. Grazie

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

23/03/2019
, ha risposto:

Pure io vorrei saperlo. Potrei essere disponibile a far parte di un gruppo d'acquisto

Accedi con il tuo account per vedere il contenuto.

30/06/2018

ciao... 3kw mi sembrano pochi se hai una pompa di calore... devi considerare che a seconda di dove ti trovi potresti produrre circa 3500 4000 kw annui... quindi se sei sotto questi consumi ok... altrimenti devi aumentare la potenza..
ps. ora vorrei info io sulla pompa di calore! cosa hai montato?

comunità europea
Questo progetto ha ricevuto finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea nell’ambito della convenzione di sovvenzione n. 749402