Come scegliere il detersivo per delicati

Ci sono indumenti, in lana e delicati, che non possono essere lavati con il normale detersivo per lavatrice. Serve quindi un detersivo specifico per lana e seta, che rimuova lo sporco e rispetti i tessuti, o che ne eviti l'infeltrimento . Come scegliere il miglior detersivo per lana e delicati? Con i nostri consigli e scegliendo tra i prodotti del nostro test.

La guida passo passo

Tipi di detersivi per delicati

Un maglione infeltrito, una camicetta rovinata: è facile sbagliare un lavaggio degli indumenti delicati. Per evitare danni ai capi di lana e seta è importante utilizzare un detersivo specifico per questi tessuti. Come? Seguendo i nostri consigli e scegliendo il prodotto giusto.

Torna all'inizio

A mano o in lavatrice

Una volta gli indumenti delicati si lavavano solo a mano: mettere un maglione di lana o un foulard di seta in lavatrice voleva dire rovinarli per sempre. Oggi, invece, i detersivi per delicati che troviamo sul mercato sono adatti sia al lavaggio a mano che in lavatrice. Per lavarli in lavatrice, è importante che la macchina abbia un apposito programma per delicati o per lana e seta.
Torna all'inizio

Meglio a mano?

Sfatiamo subito in mito: lavare i capi delicati a mano non è sempre meglio del lavaggio a macchina. Se la nostra lavatrice ha un buon programma per lana e per delicati, il lavaggio a macchina è addirittura più delicato e adatto alla manutenzione dei capi in lana e seta. Lavando a mano le fibre delicate come lana e seta, bisogna fare attenzione a non usare una temperatura troppo elevata, a non sfregare con forza i tessuti e a non allungare e torcere eccessivamente i capi.
Torna all'inizio

In lavatrice: solo con il programma per delicati

Lavare i capi delicati di lana o di seta in lavatrice è una buona idea, solo se la macchina è dotata di un buon programma per delicati. Il programma principale per cotone o per indumenti sintetici non è adatto ai tessuti delicati di lana o di seta. Per lavare queste fibre è necessario che l’acqua di lavaggio non superi i 30°C di temperatura e che i movimenti del cestello siano lenti e poco frequenti. La quantità di acqua per lavaggio e risciacquo dei capi in lana è maggiore che per il cotone o i sintetici, ma soprattutto la velocità della centrifuga deve essere bassa. Per alcuni capi particolarmente delicati deve essere possibile escluderla del tutto.
Torna all'inizio

Il migliore detersivo per lana e seta

Lana e seta sono fibre naturali di origine animale e sono quindi diverse dalle fibre tessili vegetali come il cotone. Per rimuovere lo sporco dalle fibre di lana e seta è fondamentale utilizzare un detersivo neutro, che rispetti il pH delle fibre e ne eviti l’infeltrimento. Il processo di infeltrimento della lana è irreversibile: una volta infeltrito, un capo in lana non può più tornare alla sua forma originaria. È importante quindi usare un detersivo specifico per lana e capi delicati.
Torna all'inizio

Più delicati

A un detersivo per delicati chiediamo innanzitutto di rispettare le fibre, per mantenere in buono stato i nostri capi più preziosi e allungarne la vitadetersivi universali sono i migliori a rimuovere lo sporco dai tessuti, ma con il loro pH basico non sono adatti a lana e seta. I detersivi universali, inoltre, contengono enzimi, che sono molto efficaci nel rimuovere macchie specifiche, ma che possono danneggiare anche le fibre di origine animale, come lana e seta. Per questi tessuti bisogna cercare un detersivo specifico per delicati, che mantiene il pH del lavaggio più neutro, in torno a 7, è senza enzimi ed evita così di danneggiare i tessuti delicati.
Torna all'inizio

Efficaci sullo sporco

Pur rispettando le fibre, al detersivo dobbiamo chiedere anche una buona rimozione dello sporco. È vero che i capi delicati si sporcano meno e spesso è sufficiente rinfrescarli all’aria per poterli nuovamente indossare, ma ad un certo punto un lavaggio in lavatrice è necessario. Per questo ai detersivi per delicati richiediamo anche una buona capacità di rimuovere lo sporco e le macchie.
Torna all'inizio

Rispettosi anche dell’ambiente

I detersivi per lana e seta sono anche più delicati per l’ambiente? Non sempre: le sostanze dannose per l’ambiente e poco biodegradabili nei fiumi e nei mari si possono trovare anche in una formulazione per delicati, soprattutto quando è molto ricca di fragranze che sono aggiunte proprio per far rimanere profumati i capi anche una volta asciutti. Anche le sostanze schiumogene, che sono più abbondanti nei detersivi per delicati rispetto ai detersivi universali, sono piuttosto difficile da biodegradare negli ambienti acquatici.
Torna all'inizio

Altri consigli per una buona cura dei capi delicati

  • Macchie. Come per tutti i capi, è sempre meglio intervenire il prima possibile sulle macchie, per evitare che si asciughino e si fissino sui tessuti. Le fibre di lana sono naturalmente più refrattarie ad assorbire le macchie, un tessuto di seta, invece, con la sua trama fine è più soggetto ad assorbire e a fissare macchie e aloni. È importante non utilizzare uno smacchiatore generico su questi tessuti, perché può contenere enzimi e quindi danneggiare le fibre. Per rimuovere una macchia è meglio utilizzare qualche goccia di detersivo per delicati, oppure il classico sapone di marsiglia, strofinato direttamente sulla macchia.
  • Pallini. La formazione dei pallini nelle zone di sfregamento dei maglioni di lana è fastidiosa e inevitabile, ma esistono alcuni strumenti per rimuoverli e ridare un aspetto più nuovo e curato ai maglioni.
  • Ammorbidente. L’ammorbidente è utile nel lavaggio dei capi in lana? Li rende più morbidi? L’ammorbidente, in realtà, è più efficace sulle fibre di origine vegetale, come il cotone e il lino. Sulla lana il suo vantaggio è minore, perché le fibre di lana sono già rivestite da uno strato di lanolina che le rende soffici. Se proprio si vuole usare l’ammorbidente per rendere più lisci e profumati i capi in lana, consigliamo di usarne davvero poco, perché un eccesso di ammorbidente potrebbe favorire lo scorrimento delle fibre di lana una sull’altra e favorire la formazione degli antiestetici pallini.
  • Asciugatura. Non solo il lavaggio, ma anche l’asciugatura dei capi in lana e seta richiede molte accortezze. La centrifuga della lavatrice va tenuta al minimo o evitata del tutto. Anche se molte asciugatrici hanno un apposito programma per l’asciugatura della lana, il modo più sicuro per asciugare i capi delicati è all’aria. Se sono molto inzuppati, si possono stendere in orizzontale tra due asciugamani, in modo che l’eccesso di acqua venga assorbito dal tessuto di spugna. Una volta rimosso l’eccesso di acqua, senza strizzarli né torcerli, i capi di lana possono essere lasciati asciugare sullo stendino in orizzontale e lontano dalla luce diretta del sole.
  • Cambio di stagione. Anche in occasione del cambio di stagione, è importante che i capi che riponiamo siano sempre puliti e ben asciutti, perché le tarme sono molto attratte dalle fibre naturali, soprattutto se non perfettamente pulite. Meglio quindi riporre i capi sempre dopo un accurato lavaggio o una pulizia in tintoria.
Torna all'inizio

Come riconoscere un detersivo per la lana?

Potrebbe sembrare scontato, ma non lo è: per essere adatto al lavaggio di capi in lana e seta, un detersivo deve riportare questa indicazione in etichetta. Sempre più detersivi si presentano sugli scaffali in confezioni piuttosto anonime e con etichette minimali: talvolta non è facile capire se è un prodotto per il lavaggio a mano o in lavatrice, se è un ammorbidente o un additivo. Poiché un detersivo sbagliato potrebbe rovinare un capo delicato e restituirci un maglione infeltrito, è bene accertarsi che il detersivo per delicati sia adatto al lavaggio dei capi in lana, se è quello che cerchiamo.

Questa indicazione deve essere riportata in etichetta, se non sulla parte frontale della confezione, almeno sul retro. Attenzione anche alle avvertenze sui capi o parti di indumenti che è sconsigliato lavare con quel detersivo. Meglio leggere bene le etichette.

Il marchio Woolmark (Pura Lana Vergine) talvolta presente sulla confezione alcuni detersivi, testimonia che quel prodotto è stato certificato per la cura dei capi in lana.

Torna all'inizio