Consigli

Come vendere l'usato online senza rischi

10 marzo 2015

10 marzo 2015

Vuoi sbarazzarti di oggetti ormai inutilizzati che intasano la soffitta e arrotondare le tue entrate? Ecco i nostri consigli su come trarre massimo vantaggio dalle vendite online, senza correre alcun rischio.

I figli crescono e i loro giochi riempiono ripostigli già straripanti? Vuoi cambiare i mobili di casa, ma ti piacerebbe guadagnare? I motivi possono essere tra i più disparati, ma il risultato è uno solo: trasformarsi in venditori occasionali online di oggetti che non ci servono più.

Domanda e offerta 

Il nostro speciale mostra come il risparmio e la lotta allo spreco siano alla base del successo dell’economia del riciclo, ormai diventata anche una moda. Tra chi compra online le principali motivazioni sono il risparmio e la velocità con cui si riesce a trovare e scegliere l’articolo che interessa. Chi vende, invece, lo fa sostanzialmente per liberarsi del superfluo e, magari, arrotondare le entrate. Il settore più frequentato è quello dell’elettronica, ma anche mobili da collezione, piccoli elettrodomestici sono tra gli oggetti più ricercati.

Quanto può valere? 

Per prima cosa è bene farsi un’idea realistica di quanto possa valere sul mercato dell’usato l’oggetto che vogliamo vendere. Il metodo più semplice consiste nel cercare online altri oggetti simili e stimarne il prezzo medio. Presta molta attenzione alle condizioni perché incidono moltissimo sul prezzo: negli articoli hi-tech, per esempio, la presenza degli accessori e dell’imballaggio originale aumentano il valore.

Scrivi un annuncio accattivante

Preparare l’annuncio è una procedura molto semplice su tutte le piattaforme: basta seguire le indicazioni fornite passo dopo passo. Comincia pensando a cosa vorresti leggere quando compri on line e mettendoti, così, nei panni dell’acquirente. E’ molto importante essere il più chiari e sinceri possibile e aggiungere all’annuncio delle foto, almeno una. La descrizione deve essere dettagliata in ogni suo aspetto e difetto, mettendo in evidenza la presenza di eventuali accessori o della confezione originale e soprattutto sottolineando i punti di forza. Anche il lessico è molto importante: basta pensare al termine "vintage" che ha un connotato assolutamente positivo, rispetto alla traduzione "usato" che può avere una sfumatura negativa.

Ebay o mercatini online?  

La scelta della piattaforma sulla quale vendere i propri oggetti dipende in larga misura da cosa state vendendo e dal tipo di pubblico che volete conquistare. Tramite eBay puoi rivolgerti a un pubblico internazionale e offre la possibilità di ricavare dalle vendite cifre potenzialmente più alte anche attraverso la modalità di vendita all’asta. Ci sono, però, delle pecche: solamente la prima foto è gratuita, ci sono costi aggiuntivi per l’opzione “Compralo subito” e, nel caso di un’asta, la possibilità di fissare un prezzo minimo al di sotto del quale non è possibile scendere. Se desideri un’audience vasta e se sei disposto a gestire l’intera vendita a distanza, eBay è la scelta migliore. Per oggetti molto grandi o se preferisci gestire la vendita faccia a faccia puoi rivolgerti a mercatini online come Subito.it, Kijiji o Bakeca, per metterti in contatto direttamente con persone vicine. Il vantaggio principale di questi ultimi è che non hanno spese di commissione, a differenza di eBay che chiede il 9% sul prezzo finale.

Le precauzioni da prendere  

Anche se sei un venditore e pensi di avere il coltello dalla parte del manico, ci sono alcuni fattori a cui devi prestare attenzione:

  • Specifica sempre se le spese di spedizione sono a carico tuo o dell’acquirente;
  • Imballa l’oggetto con cura, per evitare danneggiamenti o manomissioni. Per questo potrebbe essere utile inviare all'acquirente una foto dell'oggetto imballato in modo tale che capisca subito se c'è qualcosa che non va;
  • Spedisci l’oggetto solo dopo aver ricevuto il pagamento;
  • Scegli sistemi di pagamento che tutelano sia te sia l’acquirente, come PayPal;
  • Non accettare pagamenti di importo superiore al dovuto e accompagnati dalla richiesta di restituire la differenza: sono truffe;
  • Per le vendite che si concludono di persona utilizza alcune precauzioni: incontratevi in un luogo pubblico o, nel caso in cui il ritiro sia previsto a casa tua, fai in modo di non essere da solo. 

Stampa Invia