News

Muoversi dopo l'emergenza sanitaria: cresce l'attenzione per le alternative green

Che impatto ha avuto l'emergenza sanitaria sulla nostra mobilità? Lo abbiamo chiesto a 1.000 lavoratori residenti a Milano e nell'hinterland. Aumenta la percentuale di chi sceglie alternative sostenibili, come muoversi a piedi o in bicicletta, a conferma di una ritrovata consapevolezza green.

16 giugno 2020
Indagine Altroconsumo sulla mobilità post Covid-19

È ancora presto per dire se dall'emergenza Covid-19 ne usciremo davvero "migliori", ma potremmo forse già dire di aver ritrovato una certa consapevolezza e una maggiore attenzione per l'ambiente. Tra i settori che potranno (e dovranno) trarre maggiori benefici dall'emergenza sanitaria c'è sicuramente la mobilità che, negli ultimi mesi, ha riscoperto la sua dimensione più sostenibile. Merito delle misure adottate in ambito nazionale per il contenimento dei contagi che hanno portato a un alleggerimento del trasporto pubblico per rispettare le norme sul distanziamento interpersonale. Ma anche di iniziative introdotte dal Governo per incentivare le alternative green per muoversì in città, come il bonus mobilità

Come ci muoveremo dopo l'emergenza?

Ma che impatto ha avuto l'emegenza sanitaria sulla mobilità? Tra il 20 e il 27 aprile abbiamo svolto un'indagine per sapere quali sono le intenzioni degli italiani sulla mobilità post Covid-19. Abbiamo chiesto a 1.000 cittadini lavoratori residenti a Milano e nell'hinterland come l'emergenza sanitaria ha influito sui loro spostamenti. È stato chiesto di fare una comparazione per capire quali fossero le abitudini nel periodo precedente all'emergenza e come prevedono potessero cambiare quando la situazione epidemiologica sarà completamente tornata alla normalità.

Trasporto pubblico e treni in era di Covid-19

Considerando sia i cittadini residenti a Milano città che quelli dell'hinterland, l'emergenza Covid-19 non sembra aver scalfito in maniera considerevole le convinzioni di chi utilizza i mezzi pubblici. Oltre metà dei rispondenti (il 53%) continuerà infatti a spostarsi grazie al trasporto pubblico come prima dell'emergenza. Il 34%, invece, ha già messo in conto di utilizzarlo meno. Un intervistato su quattro dichiara di poter valutare di ridurre l'utilizzo dell'auto a fronte di un trasporto pubblico meno costoso, il 19% lo farebbe, invece, in condizioni di maggiori interscambi tra i vari mezzi, aspetto che renderebbe funzionali mezzi leggeri come bici pieghevoli e monopattini, che rientrano nel bonus mobilità. La situazione risulta piuttosto simile anche per chi è abituato a viaggiare in treno: continuerà a utilizzarlo come prima il 56% dei rispondenti, ne ridurrà la frequenza il 34%.  

il 37% sceglierà più spesso la bicicletta

Cresce la consapevolezza e la voglia di scegliere alternative sostenibili per l'ambiente e che aiutino a tenersi in forma. In primis la bicicletta, mezzo che il 37% dei rispondenti pensa di utilizzare più spesso rispetto al periodo precedente l'allarme Covid-19. La frequenza sarà la stessa, invece, per quasi la metà degli intervistati. Aumenta anche la percentuale di chi preferirà spostarsi a piedi: tra i rispondenti, il 47% pensa che sceglierà di muoversi approfittando per fare una passeggiata più spesso rispetto al periodo pre-Covid-19, stessa percentuale (47%) di chi manterrà le stesse abitudini di prima in fatto di camminare.  

Riparti con "Mi muovo green"

Stai cercando una soluzione sostenibile per i tuoi spostamenti e vuoi risparmiare sull’acquisto di una bici elettrica? Grazie a Mi muovo green, la nuova campagna di Altroconsumo per ripartire con un occhio all’ambiente, puoi beneficiare degli sconti che siamo riusciti ad ottenere non solo per i nostri soci ma anche per i nostri FAN. Diventare FAN di Altroconsumo è gratuito: che cosa aspetti?

Vai a Mi muovo green