ultimo aggiornamento: 30/06/2019

Recesso dopo rimodulazione contrattuale non riconosciuto

Buonasera, in sintesi:

1) l'operatore di telefonia fissa TIM aumenta per l'ennesima volta il canone telefonico avvisando in bolletta del 4/09/18 che si poteva recedere senza costi e addebiti entro il 31/10/18

2) il 24/09/18 adesione all'offerta telefonica Wind, con passaggio al secondo operatore il 4/10/18.

3) il 5/11/18 TIM emette fattura di chiusura contrattuale con addebiti "impropri" per circa 132€ (distacco 35€+ 97,60€ annullo sconti di circa 18mesi per disattivazione), non riconoscendo il diritto di recesso perchè secondo la compagnia non gli è stato comunicato secondo quanto unilateralmente da Lei stabilito al punto 1)

4) A seguito di vari tentativi scritti di farsi riconoscere tale diritto, in quanto manifestato con evidenza dal distacco da TIM entro i termini stabiliti unilateralmente dalla compagnia, senza successo, è stato annullato l'addebito su cc e inviato un bonifico per i 3 giorni di Ottobre 2018. Pochi giorni fa comunicazione da parte di società di recupero crediti per insistere nel bonificare la differenza richiesta, a cui è stato risposto per scritto negativamente con giustificazione.

5) domande: quanto risulta lecito il comportamento della compagnia TIM? Sono 5 mesi che va avanti così. Aggiungo anche che sono quasi certo che non hanno nemmeno restituito l'addebito iniziale su anticipo conversazioni....

User name

Commenta il post

Risposte

User name Moderator
23/05/2019
Vittoria | Moderatore

Ciao Andrea,
hai già inviato un reclamo scritto a Tim?
Buona serata!

User name
28/05/2019
ANDREA CORGIATINI , ha risposto:

sia PEC (piu' di una) che dialogo su pagina facebook\telecom italia: non è servito a nulla, anzi TIM ha incaricato Euro Service di Roma per recupero crediti a cui è stato risposto per email mostrando la tempistica della comunicazione TIM del recesso da farsi entro il 31/10/18 e il passaggio al nuovo operatore avvenuto in data 4/10/18, anche qui senza successo, con lettera da parte loro di messa in mora (dopo molte telefonate di sollecito)

User name
28/05/2019
GIACINTO DAL PAN

Ho avuto lo stesso problema trascinatosi per 15 mesi e , forse concluso oggi. Il mio recesso esercitato a marzo 2018 per lo stesso motivo , dopo migrazione ad altro operatore con conservazione del numero, nei tempi e modi indicati in bolletta, è stato ignorato da TIM . Non è bastato un messaggio web lasciato in My Tim, né un fax mandato su indicazione del servizio legale Altroconsumo, e nemmeno il perfezionamento (7 mesi addietro) di una conciliazione che ha prodotto lo storno delle fatture emesse fino a quel momento, per interrompere il flusso inesorabile di indebite fatture e relativi solleciti. Finalmente oggi 28/05 il Conciliatore Altroconsumo mi scrive che TIM ha finalmente risposto di aver regolarizzato la posizione amministrativa con storno delle fatture. Speriamo che la persecuzione sia finita. Scandalizza lo strapotere e l' improntitudine di questi signori.

User name
30/06/2019
ANDREA CORGIATINI , ha risposto:

Poco prima di metà mese, abbiamo chiuso, per adesso, la nostra vicenda bonificando quanto richiesto da TIM attraverso la società di recupero crediti Euro service di Roma togliendo gli 8€ di anticipo conversazioni addebitato in fattura Marzo 2017 e mai restituito (nonostante richieste scritte). Nella causale del bonifico è stato scritto "Con riserva di richiesta danni"