ultimo aggiornamento: 07/06/2019

Recesso per modifica unilaterale Vodafone

Buongiorno,

Vodafone aumenta e io voglio recedere e cambiare operatore ma mi hanno detto che comunque mi addebiteranno l'ammontare residuo delle spese di attivazione che sto pagando mensilmente... possono? non avrei diritto a cambiare operatore senza dovergli alcunchè?

Grazie a chi vorrà rispondermi.

Giuseppe

Partecipa alla community!

  • Cerca chi ha avuto la tua stessa esperienza
  • Confrontati con chi ha il tuo stesso problema
  • Consiglia gli utenti che hanno bisogno di te
  • Condividi le soluzioni che hai adottato

Registrati gratuitamente al sito per partecipare

Entra o Registrati

Risposte

User name
EUGENIO LIBOTTE
26/05/2019

Il recesso si può effettuare prima dello scadere del contratto senza pagare penali se è stato effettuato un aumento della tariffa contrattuale ma bisogna far riferimento all'aumento subito e bisogna allegare copia di un documento d'identità altrimenti viene addebitata la penale come a me che non avevo inviato la copia del documento in quanto non lo sapevo in quanto sulla lettera di aumento la Vodafone faceva notare che era necessario citare la causa del recesso ma non del documento come poi invece me lo ha citato nella lettera di richiesta spese del recesso, facendo riferimento a ad una legge, ora non ricordo quale,

User name
NAZZARENO PANDOLFI
05/06/2019

Ho approfondito la questione perchè anch'io ho comunicato pochi giorni fa il recesso. Secondo alcune letture, anche di delibere Agcom, il recesso è senza spese. Nel recesso, che farei con PEC, è necessario indicare la causale per modifica unilaterale e per evitare intralci allegherei un documento di riconoscimento.
L'Agcom nella delibera 39/18/*** ha diffidato Vodafone su varie tematiche. Nella delibera l'autorità segnala che non devono essere recuperati i canoni non scaduti relativi a modem o ad attivazione. In particolare: "Eppure la questione non è di poco conto per l’utente, considerato che solo nel caso
in cui le rate siano conseguenti all’acquisto di un telefono o di un tablet l’utente è tenuto a continuare a pagarle. Sono da escludere, invece, le rate legate al pagamento di eventuali canoni connessi all’utilizzo di un modem o di altri apparecchi forniti dall’operatore per la fruizione dei servizi erogati, di sconti promozionali o di costi di attivazione. Diversamente, infatti, si avrebbe una illegittima compressione del diritto di recesso e si addosserebbero in capo all’utente i costi conseguenti a una scelta determinata unicamente dalla modifica unilaterale decisa dall’operatore."

User name Moderator
Vittoria | Moderatore
07/06/2019

Ciao Giuseppe! Anche noi pensiamo che non dovresti pagare anche perché questo rappresenta un ostacolo al passaggio a un nuovo operatore, pur in caso di modifica unilaterale. Purtroppo recentemente l’Autorità ha confermato la legittimità di questi addebiti, quindi non ci si può fare niente. L’unica cosa a cui hai diritto è che il costo rimanga rateizzato. Buona giornata