News

App per videochiamare: Google Duo & Co. alla prova

12 settembre 2016
Videochiamate sì, ma quale scegliere?

12 settembre 2016

Questa estate Google ha rilasciato la sua nuova app per fare videochiamate: Google Duo. L'abbiamo messa a confronto con le altre applicazioni in circolazione e si è rivelata un’ottima alternativa. Ecco vantaggi e svantaggi di questa e di tutte le altre concorrenti.

Google Hangouts non bastava. Dopo l'annuncio a inizio estate di due nuove app firmate Google, a metà agosto il colosso di Mountain View ha rilasciato negli Stati Uniti la prima delle due dedicata alle videochiamate. Ora disponibile anche in Italia, si tratta di Google Duo. Semplice, veloce e minimale, si candida a essere un competitor molto insidioso per le altre app già in circolazione, nonostante manchino alcune funzioni.

Le videochiamate

Le videochiamate sono l’ultima frontiera della comunicazione: ti bastano un computer con webcam o uno smartphone, una connessione internet o wifi e il gioco è fatto. Puoi metterti in contatto visivo con amici che abitano dall’altra parte del mondo, ma anche organizzare una riunione di lavoro visualizzando più persone contemporaneamente. Inoltre scaricare un software sul computer e/o una app sul telefono per attivare le videochiamate è gratuito. Lo è anche videochiamare da casa o dall’ufficio con un collegamento a tariffa flat (wifi o con cavo ethernet). Se però si fa o si riceve una videochiamata, ad esempio, mentre si è per strada, meglio fare attenzione ai costi, perché si rischia di consumare molti megabyte del traffico internet del proprio abbonamento. Questo se si usano app che sfruttano il sistema VoIP (Voice over IP, voce tramite protocollo internet). Se invece si vogliono fare videochiamate tradizionali tramite la normale rete telefonica mobile (sistema PSTN, Public switched telephone network), allora si consumerà traffico telefonico in base alla tariffa applicata: e anche questo può rivelarsi dispendioso. Per dare una valutazione non solo sui consumi, ma anche sui pro e contro, abbiamo portato in laboratorio sei software/app che usano il sistema VoIP.

Google Duo e le altre app: costi e funzioni a confronto 

Funzionalità, qualità video e consumi di megabyte per un minuto di videochiamata (se si usa il traffico internet non gratuito) sono i tre criteri che abbiamo utilizzato per confrontare in laboratorio queste sei app e relativi software per pc (quando disponibili): 

  • Google Duo
  • Skype
  • Messenger
  • Google Hangouts
  • Viber
  • FaceTime
 Le prove sono state condotte con sistema operativo iOS e Android,  con due diversi operatori telefonici. Il vero limite è che si possono chiamare solo persone con lo stesso software/app. Oltre che con i sistemi VoIP (cioè tramite internet) c’è la possibilità, se supportata dal proprio smartphone, di effettuare videochiamate tramite la normale rete di telefonia mobile. Abbiamo condotto alcune prove di videochiamata con questo sistema: la qualità non è la stessa. Prima di utilizzare questo sistema di videochiamate, però, è bene capire quanto vi costa in base al piano tariffario: si può arrivare anche a 1,50 euro al minuto, tariffa con la quale una videochiamata di 15 minuti costa circa 23 euro. Non poco.
google duo

Come anticipa il nome stesso, Google Duo nasce per le videochiamate one-to-one. Compatibile sia con i sistemi iOS che Android, permette di videochiamare un utente con un altro sistema operativo, purchè questo abbia installato Duo. Per attivare l'applicazione basta inserire il proprio numero di telefono senza effettuare nessuna registrazione, nè fornire un indirizzo email: la lista dei contatti del telefono viene sincronizzata automaticamente con i contatti dell'appicazione. Ma la funzione che più di tutte distingue Google Duo da tutte le altre app per videochiamate è il "Knock Knock": chi riceve la chiamata può vedere il video di chi sta dall'altra parte non appena il telefono comincia a squillare. Dettaglio importante: la funzione è attiva solo per chi è già nella tua lista contatti e se non gradita può essere eliminata dal menù delle impostazioni. 

Pro

  • Occupa solo 30 MB di memoria
  • Semplice da usare, veloce e minimale
  • Qualità video molto buona
  • Interessante la funzione Knock Knock

Contro

  • Non si può effettuare una chiamata senza video
  • Non può essere utilizzata da computer
  • Non è possibile fare videochiamate di gruppo
  • Non c'è la chat

IL NOSTRO PARERE: nel complesso, Google Duo è una buona app che, grazie alle sue funzioni di base e a un layout minimale, risulta molto semplice da usare. Buono il consumo medio di traffico dati da mobile: 6,7 MB/minuto.

skype

É il mezzo più diffuso per chi fa videochiamate. Si può scaricare come app sullo smartphone oppure come software su pc. Oltre che per le videochiamate è possibile utilizzare Skype anche per effettuare normali telefonate a numeri fissi e cellulari alle tariffe indicate sul sito. Per verificare se i propri amici usano Skype e inserirli così nella propria rubrica, c’è un’apposita funzione di ricerca. Si possono importare anche i contatti su Facebook che utilizzano Skype.

Pro

  • Alta diffusione
  • Molte opzioni disponibili durante le videochiamate
  • Buona qualità dell’immagine
  • Molte funzioni extra

Contro

  • Gestire i contatti da Facebook è un’operazione che andrebbe resa più semplice
  • La lista dei contatti può creare confusione: non è facile capire quali persone siano online collegate a Skype
  • Alcune volte ci sono problemi con la versione iOS nel ricevere le chiamate se l’app sul telefonino non è aperta almeno in background

IL NOSTRO PARERE: è la più completa dal punto di vista delle opzioni e delle funzionalità disponibili. Inoltre la qualità video è buona ed è l’app che consuma meno megabyte durante le videochiamate da mobile (mediamente 2,5 MB al minuto).

messenger

É molto diffuso, anche perché è collegato a Facebook. Infatti lo si può usare solo se si ha un account sul social network. Dalla barra di ricerca si può cercare contatti in tutto il mondo, ma devono essere pur sempre persone iscritte a Facebook. La videochiamata può essere lanciata direttamente da Facebook con il quale Messenger è integrato molto bene. Durante le videochiamate sul computer, il layout è molto essenziale e non offre particolari funzionalità. La versione iOS consente di utilizzare la chat continuando a vedere l'interlocutore, grazie a un piccolo riquadro della videochiamata nella schermata della chat. Per computer non esiste una versione installabile di Messenger, ma una web version.

Pro

  • Homepage chiara e semplice
  • I contatti di Facebook si integrano perfettamente con Messanger

Contro

  • Si può videochiamare solo se si ha un account Facebook
  • Non ci sono funzioni extra
  • Non si può chattare o videochiamare in più persone
  • Per ricevere chiamate con la versione iOS l’applicazione deve essere aperta almeno in background

IL NOSTRO PARERE: l’integrazione con Facebook è il suo punto di forza, ma allo stesso tempo il suo limite, dal momento che si può usarla solo con chi ha un account Facebook. Layout minimale e poche funzioni, ma molto semplice da utilizzare. Buona qualità video. Consumi medi: 8,6 MB al minuto.

Google Hangouts

É di Google ed è integrato in Gmail e in Google+. Come per Messenger, non c’è una versione installabile per computer, ma bisogna utilizzare la web version. Per utilizzarla si deve installare un’estensione (plug-in) per browser: farlo è comunque molto facile. Le persone che volete videochiamare devono avere un account Google. Da computer, Hangouts offre un buon numero di opzioni, come la possibilità di mostrare in tempo reale ciò che abbiamo sullo schermo del computer ai nostri interlocutori.

Pro

  • É integrato in Gmail
  • Se hai spesso la pagina di posta elettronica aperta, è sicuramente comodo e utile
  • Qualità video buona sulla rete 4G

Contro

  • Si possono chiamare solo le persone con un account Google (che però sono numerose)
  • Con la versione per smartphone si consumano in media molti megabyte (19 al minuto)
  • Qualità bassa del video con l’adsl
  • Nessun collegamento con la rubrica Facebook

IL NOSTRO PARERE: è integrata in Gmail, quindi è molto comoda per chat e videochiamate fra utenti. Inoltre offre un discreto numero di funzioni ed è semplice da utilizzare. Da smartphone su reti mobili, il consumo di traffico dati è elevato.

viber

Insieme a Duo, è il prodotto maggiormente incentrato sull’utilizzo da mobile. Infatti, non solo richiede di inserire il proprio numero di telefono per registrarsi (come Duo, mentre per tutti gli altri è sufficiente l’email), ma deve anche essere installato sul proprio smartphone per poter essere utilizzato su computer. Il file di installazione di Viber per computer è piuttosto grande (105MB), se quindi avete una connessione lenta può servire parecchio tempo. Le versioni per mobile (sia iOS sia Android) si sincronizzano bene con la rubrica dello smartphone, mostrando in modo chiaro quali contatti hanno Viber. Una funzione interessante di Viber è la possibilità di “passare” la videochiamata da computer a smartphone e viceversa, tramite un apposito tasto.

Pro

  • Non è necessario avere un account di posta elettronica per registrarsi
  • Si può passare la videochiamata dal computer al telefono e viceversa
  • Buona integrazione con la rubrica del telefono

Contro

  • Per usare Viber da computer, si deve avere l’app sul telefono
  • Non è possibile fare videochiamate di gruppo
  • Da mobile, è migliorabile l’integrazione tra la chat e le videochiamate
  • Scarsa integrazione con i social network

IL NOSTRO PARERE: è l’unica che per essere utilizzata da computer richiede l’app installata sullo smartphone: non è comodo e non abbiamo capito per quale ragione. Il vantaggio è che non è richiesta una email per registrarsi, ma solo il numero di telefono. Discreta la qualità video. Consumi medi: 9,2 MB al minuto.

facetime

É disponibile solo per dispositivi Apple ed è facilissima da utilizzare su iPhone e iPad, essendo installata di default. “Utilizza dati cellulare” è fondamentale invece per usare il servizio anche su rete dati mobile per avere FaceTime in 3G /4G. L’attivazione di questa funzione ha un costo pari a circa 30 centesimi. Il limite di FaceTime è che si possono videochiamare solo persone con dispositivi Apple: questo lo rende meno universale degli altri. L’applicazione segnala se l’utente cui si telefona ha la stessa app e può ricevere la videochiamata.

Pro

  • La versione per smartphone consuma poco
  • Qualità video eccellente
  • Chiara e semplice la grafica sul telefono
  • Non c’è bisogno di registrarsi

Contro

  • Si può utilizzare solo con i dispositivi Apple
  • La versione per Mac costa 0,99 centesimi
  • Non è possibile né chattare né mandare file e non c’è integrazione con Facebook
  • Non si possono fare videochiamate di gruppo
  • Nessuna funzione extra

IL NOSTRO PARERE: la semplicità e la perfetta integrazione tra iPhone rendono FaceTime la migliore app per videochiamare fra persone che utilizzano lo smartphone Apple. Eccellente qualità video. Il rovescio della medaglia è la mancanza di opzioni e funzioni extra. Consumi medi: 3,3 MB al minuto.