News

App per videochiamare: Google Duo & Co. alla prova

12 settembre 2016
Videochiamate sì, ma quale scegliere?

12 settembre 2016

Questa estate Google ha rilasciato la sua nuova app per fare videochiamate: Google Duo. L'abbiamo messa a confronto con le altre applicazioni in circolazione e si è rivelata un’ottima alternativa. Ecco vantaggi e svantaggi di questa e di tutte le altre concorrenti.

Google Hangouts non bastava. Dopo l'annuncio a inizio estate di due nuove app firmate Google, a metà agosto il colosso di Mountain View ha rilasciato negli Stati Uniti la prima delle due dedicata alle videochiamate. Ora disponibile anche in Italia, si tratta di Google Duo. Semplice, veloce e minimale, si candida a essere un competitor molto insidioso per le altre app già in circolazione, nonostante manchino alcune funzioni.

Le videochiamate

Le videochiamate sono l’ultima frontiera della comunicazione: ti bastano un computer con webcam o uno smartphone, una connessione internet o wifi e il gioco è fatto. Puoi metterti in contatto visivo con amici che abitano dall’altra parte del mondo, ma anche organizzare una riunione di lavoro visualizzando più persone contemporaneamente. Inoltre scaricare un software sul computer e/o una app sul telefono per attivare le videochiamate è gratuito. Lo è anche videochiamare da casa o dall’ufficio con un collegamento a tariffa flat (wifi o con cavo ethernet). Se però si fa o si riceve una videochiamata, ad esempio, mentre si è per strada, meglio fare attenzione ai costi, perché si rischia di consumare molti megabyte del traffico internet del proprio abbonamento. Questo se si usano app che sfruttano il sistema VoIP (Voice over IP, voce tramite protocollo internet). Se invece si vogliono fare videochiamate tradizionali tramite la normale rete telefonica mobile (sistema PSTN, Public switched telephone network), allora si consumerà traffico telefonico in base alla tariffa applicata: e anche questo può rivelarsi dispendioso. Per dare una valutazione non solo sui consumi, ma anche sui pro e contro, abbiamo portato in laboratorio sei software/app che usano il sistema VoIP.

Google Duo e le altre app: costi e funzioni a confronto 

Funzionalità, qualità video e consumi di megabyte per un minuto di videochiamata (se si usa il traffico internet non gratuito) sono i tre criteri che abbiamo utilizzato per confrontare in laboratorio queste sei app e relativi software per pc (quando disponibili): 

  • Google Duo
  • Skype
  • Messenger
  • Google Hangouts
  • Viber
  • FaceTime
 Le prove sono state condotte con sistema operativo iOS e Android,  con due diversi operatori telefonici. Il vero limite è che si possono chiamare solo persone con lo stesso software/app. Oltre che con i sistemi VoIP (cioè tramite internet) c’è la possibilità, se supportata dal proprio smartphone, di effettuare videochiamate tramite la normale rete di telefonia mobile. Abbiamo condotto alcune prove di videochiamata con questo sistema: la qualità non è la stessa. Prima di utilizzare questo sistema di videochiamate, però, è bene capire quanto vi costa in base al piano tariffario: si può arrivare anche a 1,50 euro al minuto, tariffa con la quale una videochiamata di 15 minuti costa circa 23 euro. Non poco.