News

Superbonus: conviene cedere il credito alla banca?

Oltre a chi esegue i lavori, è possibile cedere il credito di imposta derivante dal Superbonus al 110% (o dagli altri bonus) anche alle banche. Gli istituti hanno messo a punto dettagli e condizioni differenziati, abbiamo analizzato quelli proposti ai consumatori da Intesa San Paolo, Carige e UniCredit. 

  • contributo tecnico di
  • Anna Vizzari
  • di
  • Roberto Usai
29 settembre 2020
  • contributo tecnico di
  • Anna Vizzari
  • di
  • Roberto Usai
cessione del credito Superbonus

Anche le banche rientrano tra i soggetti a cui, se esegui lavori in casa ammessi dal Superbonus al 110% (o agli altri bonus), è possibile cedere il credito di imposta. Da ormai qualche settimana sono diversi gli istituti di credito che pubblicizzano questa opportunità, applicando condizioni differenti. Al momento sono disponibili le proposte di Intesa san Paolo e UniCredit, mentre sono ancora in definizione quelle di Credit Agricole, BPER, Banco BPM, Banca Popolare di Sondrio, Creval, MPS, Poste Italiane e Credem. BNL Bnp Paribas concederà invece l’anticipo unicamente ai clienti non consumatori, dunque alle imprese a cui il privato ha ceduto il suo credito di imposta.

Foglietti informativi sotto la lente

Dati alla mano, abbiamo analizzato le condizioni proposte da alcuni istituti ai consumatori, secondo quanto dichiarato sui foglietti informativi, facendo anche alcune simulazioni di quanto potrebbe costare l'intera procedura. Le banche seguono due filoni distinti, a seconda che la cessione riguardi il Superbonus al 110% o gli altri bonus di riqualificazione energetica che prevedono - seppur con percentuali più basse -  la possibilità di cedere il credito alle banche o alle finanziarie. 

testo news