News

Inchiesta pane a Milano costa di piu in centro

11 novembre 2011

11 novembre 2011

La nostra indagine ha rilevato la spesa differente tra il centro della città e le periferie. Scarsa è anche la trasparenza: in molte panetterie i prezzi non sono esposti.

Calo evidente. Rispetto ai primi del ‘900, il consumo di pane per individuo è vistosamente diminuito: da un chilo a circa 160 grammi al giorno, sebbene il 90% degli italiani continui a consumarne quotidianamente. Sui prezzi, invece, è un altro il dato che balza agli occhi: il pane artigianale costa più di quello industriale e nel centro di Milano abbiamo riscontrato costi maggiori rispetto ad altre zone più periferiche.    

I numeri
Dalla nostra indagine condotta nel capoluogo meneghino è emerso che i panini artigianali costano di più. Nelle panetterie abbiamo speso tra 3.30 e 5 euro per un chilo di michette o altro pane economico. Nei supermercati, invece, il prezzo medio è stato di 2.72 euro: il 45% in meno. Considerando i panini di grande formato, la situazione non è cambiata di molto: 2.30 euro per un chilo di pagnotte al supermercato contro 3.83 euro per la stessa quantità e tipologia acquistata in panetteria.

  PaninoPagnotta
Punto venditaIndirizzoPrezzo al kg (€)Tipo di panePrezzo al kg (€)Tipo di pane
PanettoViale Suzzani, 2483,5Michetta / Modenesi4Pugliese
GarbagnatiVia Veglia, 573,5Bocconcini1,9Altamura
Forno AmataVia Novara snc3,3Michetta / Modenesi3,3Pugliese
Ambroeus El PrestinéeVia Paolo Alessandro, 23,85Michetta3,9Pagnotta
Pane PaneVia Fatebenefratelli, 305Tutti i pani “normali”5Pagnotta
Panificio Pasticceria TicozziVia San Maurilio, 14,5Michetta4,9Pagnotta
EsselungaViale Zara, 1232,5Filoncino2,4Pugliese
SuperdìVia Ornato, 1483,08Pane3,08Pugliese
Coop MetropoliVia Amoretti, 12,6Bocconcini1Pagnotta
IperPiazza Portello2,7Pane 2,7Pugliese


Prezzi al rialzo e poca chiarezza
Le panetterie non sono tutte uguali. Ne abbiamo volutamente inserite alcune del centro storico per verificare se la posizione strategica potesse influenzare il prezzo. Così è stato: il pane è risultato più costoso e ha contribuito ad alzare i prezzi medi proposti sopra. Abbiamo scoperto che in centro il panino costa circa il 30% in più e la pagnotta è più cara del 50%. Tre le panetterie prese in esame nel cuore della città: “Ambreus”, “Pane Pane”, e “Ticozzi”.

Rilevante è anche un altro dato riscontrato: alcuni panettieri non rispettano l’obbligo di esporre i prezzi. Quando abbiamo espressamente richiesto il costo del pane più economico, siamo stati gentilmente invitati ad uscire dal negozio. Al punto vendita di “Princi” in via Speronari nessuna cifra era esposta in prossimità dei prodotti. Alla nostra richiesta esplicita, il personale ha risposto: “Non possiamo dare informazioni”. Stesse parole utilizzate anche nella panetteria “Dadà” di via Broletto. Bizzarra la risposta ricevuta presso “La Briciola”, Galleria del Corso: “I prezzi sono personali”. Risposta falsa: i prezzi devono essere esposti per legge.


Stampa Invia