Guida all'acquisto

Come scegliere il televisore

televosori

Televisori a schermo piatto a tecnologia LCD (TFT, IPS, LED) e con schermi OLED. Dai modelli base alle InternetTV, a funzioni più sofisticate. Ma come scegliere un televisore? Quali sono le differenze? Su cosa concentrarsi prima di comprare uno?

In molti casi, dal punto di vista esclusivamente tecnico, tra uno schermo grande e uno piccolo non ci sono grosse differenze qualitative. Sicuramente i modelli più grandi hanno prezzi in proporzione più favorevoli, per questa ragione, a parità di qualità, tra un 40" e un 55", in genere è più conveniente scegliere il secondo. Spesso, inoltre, i modelli più voluminosi sono in grado di riprodurre meglio l'audio semplicemente perché possono disporre di altoparlanti con una superficie più ampia.

Per venire incontro a tutte le esigenze, abbiamo portato in laboratorio tv di ogni grandezza: da 32" a 65".

scopri i risultati del test sui televisori

LCD e OLED

La maggior parte dei modelli in commercio oggi (soprattutto quelli che si trovano in offerta) sono LCD (i televisori con schermo a cristalli liquidi). Iniziano, però, a essere molto diffusi anche i modelli che utilizzano schermi OLED (Organic Light Emitting Diode) permettendo così di avere schermi più sottili, con un contrasto maggiore e un angolo di visione più ampio.

UltraHD HD

Ormai quasi tutti i televisori da salotto sono Ultra-HD, ovvero hanno un'alta definizione con una risoluzione di 3840x2160 pixel. Nonostante l'ampia differenza di prezzi fra i modelli più economici e quelli più costosi, la differenza nella qualità dell'immagine non è così elevata. Questi televisori ad alta definizione brillano soprattutto se sono collegati ad apparecchi in grado di trasmettere immagini ad alta definizione (lettori bluray, console di ultima generazione, decoder satellitari hd e altro) tutte sorgenti "ad alta definizione" anche se l'impianto del Ultra-HD è minore rispetto a quanto assistito al passaggio fra la risoluzione standard e l'alta definizione Full-HD. La distanza ottimale per percepire al meglio i dettagli visualizzabili su un televisore Ultra-HD è minore rispetto alla distanza a cui siamo stati abituati a tenere la tv.

Digitale terrestre di nuova generazione (2021 - 2022)

Tutti i nuovi modelli sono già predisposti per il nuovo sistema di trasmissione che progressivamente andrà a sostituire quello entrato in vigore nel 2012. Perciò, comperando un televisore oggi, si può stare certi che non serviranno decoder esterni e si potrà continuare ad utilizzarlo anche quanto il nuovo digitale terrestre (DVB-T2) andrà a sostituire quello attuale.

Le ultime novità

La quasi totalià dei televisori attuali sono “smart” cioè capaci di collegarsi a una rete digitale domestica o di accedere a servizi via web. La capcità di connettersi alla rete sta rivoluzionando il modo di vedere la TV: non solo via etere ma accedendo a servizi in abbonamento “on demand” (Netflix, Amazon Prime TV, Chili, Infinity, etc…) dove l’utente può scegliere cosa guardare in qualsiasi momento della giornata da un ampio catalogo. Infine, ricordiamo che spesso ai televisori con schermo UltraHD è abbinata la funzione HDR che sta indicare la capacità di riprodurre tinte con chiaroscuri più accentuati. Anche in questo caso, però, sono ancora poche le possibilità di sfruttarlo: con l’eccezione dei Bluray 4K e di alcune recenti produzioni disponibili su Netflix, la stragrande maggioranza dei contenuti disponibili sono, al massimo, in Full-HD.


Stampa Invia