Guida all'acquisto

Come scegliere il televisore

televosori

Televisori a schermo piatto a tecnologia LCD (TFT, IPS, LED) e con schermi OLED. Dai modelli base alle InternetTV, a funzioni più sofisticate. Ma come scegliere un televisore? Quali sono le differenze? Su cosa concentrarsi prima di comprare uno?

In molti casi, dal punto di vista esclusivamente tecnico, tra uno schermo grande e uno piccolo non ci sono grosse differenze qualitative. Sicuramente i modelli più grandi hanno prezzi in proporzione più favorevoli, per questa ragione, a parità di qualità, tra un 26" e un 32", in genere è più conveniente scegliere il secondo. Spesso, inoltre, i modelli più voluminosi sono in grado di riprodurre meglio l'audio semplicemente perché possono disporre di altoparlanti con una superficie più ampia.

Per venire incontro a tutte le esigenze, abbiamo portato in laboratorio tv di ogni grandezza: da 32" a oltre 60".

scopri i risultati del test sui televisori

LCD e LED

La maggior parte dei modelli in commercio oggi (soprattutto quelli che si trovano in offerta) sono LCD (i televisori con schermo a cristalli liquidi). Iniziano, però, a essere molto diffusi anche i modelli che, per retroilluminare lo schermo, utilizzano i LED (Light Emitting Diode) invece delle tradizionali lampade fluorescenti, permettendo così di avere schermi più sottili.

Full HD

Ormai quasi tutti i televisori sono Full-HD, ovvero hanno un'alta definizione con una risoluzione di 1920x1080 pixel. Nonostante l'ampia differenza di prezzi fra i modelli più economici e quelli più costosi, la differenza nella qualità dell'immagine non è così elevata. Questi televisori ad alta definizione brillano soprattutto se sono collegati ad apparecchi in grado di trasmettere immagini ad alta definizione (lettori bluray, console di ultima generazione, decoder satellitari hd e altro). La distanza ottimale per percepire al meglio i dettagli visualizzabili su un televisore Full HD è minore rispetto alla distanza a cui siamo stati abituati a tenere la tv.

Digitale terrestre

Tutti i nuovi modelli integrano un ricevitore per le trasmissioni digitali terrestri. Il nuovo sistema di trasmissione digitale dovrebbe consentire una qualità delle immagini migliore rispetto al sistema analogico, ma non sempre è così. Infatti l'emittente può variare la qualità del filmato a sua discrezione. Perdita di dettaglio e imperfezioni diventano molto più evidenti su schermi di grande formato: con l'aumentare della dimensione del pannello, diventano più grandi i punti (pixel) dell'immagine. Per non notare i difetti, bisogna allontanarsi dal televisore.

Le ultime novità

Cresce il numero di televisioni capaci di collegarsi a una rete digitale domestica o di accedere a servizi via web (le famose Smart tv), così come quelle in grado di registrare autonomamente un programma televisivo su una memoria di massa (come hard disk multimediali) connessa attraverso una porta usb. La tanto pubblicizzata funzione 3D è diventata una caratteristica comune anche sui televisori di fascia media. C'è anche da ricordare che, su un televisore di dimensioni standard, la spettacolarità di questo effetto è notevolmente condizionata dalla distanza alla quale si guarda.