News

Pensioni più basse a causa di un errore dell'Inps: tutto quello che c'è da sapere

A causa di un errore nel conteggio delle trattenute, circa 100.000 pensionati hanno ricevuto un assegno più basso del dovuto. L'Inps ha già assicurato che provvederà al riaccredito automatico di quanto sottratto nei prossimi mesi.

14 gennaio 2020
legge di stabilità

Dopo le ultime novità introdotte dalla Legge di bilancio, in questo inizio 2020 si torna a parlare di pensioni. Negli ultimi giorni, infatti, sono diverse le segnalazioni di pensionati che hanno ricevuto un assegno più basso rispetto al dovuto. Si parla in totale di circa 100.000 pensioni oggetto di errori nel calcolo della trattenuta da parte dell'Inps.

Quali pensioni sono state oggetto di errore

La maggior parte delle pensioni impattate da questi errori sono quelle di importi compresi tra 1.405 e i 2.010 euro lordi. Il problema, già ammesso anche dall'Inps, è stato causato dal cosiddetto bonus Poletti che era dovuto per il 2019 e avrebbe dovuto essere oggetto di conguaglio nel mese di gennaio 2020. Ricordiamo che il bonus Poletti era stato istituito per dare una sorta di rimborso per le rivalutazioni perse nel biennio 2012-2013 a causa del blocco imposto dalla cosiddetta legge Salva Italia. 

Cosa fare se hai riscontrato anomalie

Se sull'ultimo cedolino hai riscontrato un importo più basso, niente paura. Non è necessario fare alcuna richiesta di rimborso, perché l'Inps ha già comunicato che provvederà al riaccredito automatico di quanto sottratto erroneamente nei cedolini dei prossimi mesi. 

Calcola quando andrai in pensione

Vuoi sapere quanti anni ancora dovrai lavorare prima di goderti la pensione? Prova il nostro servizio che ti aiuta a calcolarlo: ti basta inserire pochi dati per sapere quando andrai in pensione e con quale cifra