News

Treno cancellato o in ritardo: come chiedere il rimborso

08 maggio 2018
trenitalia e italo

08 maggio 2018

Se il treno è cancellato oppure se è in ritardo, in alcuni casi puoi chiedere il rimborso o l'indennizzo. Ecco nel dettaglio quali sono i tuoi diritti e come fare a farli valere.

I pendolari (ma anche i viaggiatori occasionali) lo sanno bene: cancellazioni e ritardi dei treni sono all'ordine del giorno. Sai che in alcuni casi hai diritto a rimborsi e indennizzi? Ecco quando e come puoi richiederli.

Trasporto nazionale di Trenitalia

(Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca e Intercity) 

Per tutte le categorie di treni, è prevista un’indennità in bonus o in denaro pari:

  • al 25% del biglietto per ritardi tra 60 e 119 minuti;
  • al 50% del biglietto per ritardi superiori a 120 minuti.

Per i treni Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca l’indennità pari al 25% del biglietto (solo bonus, non denaro) è riconosciuta anche per ritardi tra 30 e 59 minuti.

Hai diritto a un bonus: dopo 24 ore dall’effettuazione del viaggio, puoi richiedere (entro 12 mesi dalla data di effettuazione del viaggio) l’indennizzo tramite biglietterie in stazione, l’agenzia di viaggio presso cui è stato acquistato il biglietto, direttamente online tramite il form sul sito Trenitalia o al call center (solo per i biglietti acquistati con carta di credito tramite il call center o il sito www.trenitalia.com).

Puoi chiedere:

  • un indennizzo in denaro o mediante il riaccredito sulla carta di pagamento utilizzata per l’acquisto;
  • il rilascio di un bonus (utilizzabile entro 12 mesi dalla data del viaggio);
  • direttamente l’emissione di un nuovo biglietto per un importo pari al bonus spettante.

Ricordati che non vengono riconosciuti indennizzi di importo pari o inferiore a 4 euro.

Trasporto regionale di Trenitalia

(Tutti i treni regionali locali, tranne quelli della Lombardia dove opera Trenord) 

La richiesta di indennizzo, reperibile presso le biglietterie e sul sito internet di Trenitalia, deve essere inoltrata, per posta, entro un anno dall'effettuazione del viaggio, alla Direzione Regionale competente per la località di destinazione del viaggio, allegando il biglietto in originale obliterato alla partenza e all’arrivo o, in caso di biglietto elettronico, la stampa cartacea in pdf. Per il biglietto elettronico regionale è richiesta la validazione del biglietto a bordo del treno su cui si è viaggiato. La Direzione Regionale invierà, entro un mese dal ricevimento della richiesta, un documento per il ritiro dell’indennizzo in denaro. Non vengono riconosciuti indennizzi di importo pari o inferiore a 4 euro.

Trenord 

La richiesta di indennizzo può essere effettuata compilando gli appositi moduli reperibili sul sito Trenord, ai quali si dovrà allegare il biglietto in originale. La domanda può essere fatta:

  • rivolgendosi alle biglietterie Trenord;
  • presentandosi presso gli uffici Assistenza Clienti My Link Point di Milano Cadorna e Milano Porta Garibaldi;
  • inviando la documentazione tramite posta all'indirizzo Trenord - Ufficio Rimborsi - c/o Stazione Cadorna Pal. Movimento Piazzale Cadorna 20123 Milano (in questo caso si deve allegare anche copia di un documento d'identità);
  • direttamente online dal sito Trenord (solo per gli acquisti fatti su e-Store o su APP Trenord, riportando il numero d'ordine e il relativo PNR).

L’indennizzo è corrisposto entro un mese dalla presentazione della richiesta e anche in questo caso non vengono riconosciuti indennizzi di importo pari o inferiore a 4 euro.