News

Addio al roaming, ma non tutti gli operatori italiani si sono adeguati

02 agosto 2017
Roaming costi telefonate estero

02 agosto 2017

A distanza di un mese e mezzo dall'addio alle tariffe di roaming, abbiamo verificato i comportamenti degli operatori italiani. A oggi, i tre principali fornitori nazionali stanno violando la normativa che abolisce i costi extra all'interno dell'Unione europea. Stai avendo questo problema anche tu? Invia subito un reclamo.

La tanto agognata abolizione del roaming all'interno dell'Unione europea incontra i primi ostacoli. Sì, perché a distanza di un mese e mezzo da quel 15 giugno 2017, non tutti gli operatori nazionali si sono adeguati completamente a quanto previsto dalla normativa e cercano in tutti i modi di aggirarla. Per questo motivo l'Agcom ha recentemente richiamato formalmente Tim e Vodafone, perché provvedano a eliminare definitivamente i sovrapprezzi applicati ai clienti che viaggiano in uno dei paesi dell'Unione europea. 

Ma l'operatore può decidere di non applicare la tariffa nazionale?

Facciamo subito qualche precisazione: oltre a quelli geografici, esistono altri limiti al cosiddetto "roam like at home". Il regolamento prevede infatti deroghe all'applicazione della tariffa nazionale sostanzialmente in due casi: se si dispone di traffico internet illimitato oppure nel caso in cui l'utente abbia sottoscritto tariffe particolarmente convenienti (che però non sono ancora state definite), per le quali possono essere applicati i cosiddetti limiti di salvaguardia. Queste limitazioni, comunque, possono essere applicate al solo traffico dati e non a quello voce. In ogni caso, lo ricordiamo, l'operatore è tenuto a comunicare in anticipo al cliente i limiti di utilizzo previsti e ad avvisarlo qualora questi vengano superati e, quindi, si dovesse attivare la tariffa a consumo.

Tariffe e opzioni nazionali: regna ancora l'anarchia

Dopo diverse segnalazioni ricevute dai nostri soci, abbiamo provato a vederci chiaro: abbiamo analizzato le condizioni applicate dagli operatori nazionali. Sostanzialmente i tre principali operatori italiani (ma non solo loro) stanno aggirando la normativa in vigore che, lo ricordiamo, impone a tutti di applicare la stessa tariffa nazionale anche quando il cliente si trova in uno dei paesi dell'Unione europea. Vediamo nel dettaglio chi sta trovando un escamotage per aggirarla:

  • Fastweb
    L'offerta Mobile Freedom prevede minuti illimitati e fino a 6 GB di internet a 9,95 euro ogni 4 settimane. All'interno dell'Unione europea, però, Fastweb impone un freno all'utilizzo dei minuti (al massimo 500) e al traffico internet, che non può superare 1 GB. Il limite imposto al traffico voce è una palese violazione della normativa europea.
  • Kena Mobile
    Ache gli operatori virtuali non sono da meno. È il caso di Kena Mobile, ramo low cost di Tim. La tariffa Kena internet, che mette a disposizione 4 GB di internet a 3,99 euro, viene limitata a un solo GB in ambito UE. Anche per Kena Digital, il piano che con 9,99 euro offre 7 GB di traffico internet, esiste un limite di 2,2 GB utilizzabili quando si viaggia in uno dei paesi dell'Unione europea. Non trattandosi di offerte a traffico illimitato, è evidente che che l'operatore consideri la propria offerta particolarmente conveniente. Ma sulla base di quali presupposti?
  • Tim
    Le offerte di Tim a cui l'operatore sta attualmente applicando limitazioni sono due: SuperGiga & Music e Tim Special. Nel primo caso, la tariffa prevede a 9,99 euro per due mesi 10 GB di navigazione in 4G ma, all'interno dell'Unione europea, ne possiamo utilizzare soltanto 4. Per quanto riguarda le offerte della famiglia Tim Special, invece, sono previsti 2 GB di traffico internet in più per chi è cliente Tim anche sulla linea fissa. Nelle note scritte in piccolo sulla pagina della promozione, però, si legge che i GB promozionali sono validi solo su territorio nazionale. In entrambi i casi, si tratta di una violazione di quanto previsto dalla normativa europea.
  • Tre
    Se gli altri operatori introducono qualche limite qua e là, Tre riesce a fare le cose decisamente in grande. Infatti, violando la normativa europea, tutte le opzioni della famiglia Play e molte delle All-In sono dichiarate come valide solo sul territorio nazionale. 
  • Vodafone
    Tutte le offerte di Vodafone sono utilizzabili all'interno dell'Unione europea, con due eccezioni: Vodafone Pass e Vodafone Shake. Nel primo caso si tratta di un'opzione attivabile e che consente di navigare sui social network, ascoltare musica in streaming o guardare video senza consumare il traffico disponibile sul proprio piano. Si tratta perciò di una situazione un po' al limite, che consente un uso illimitato di internet, ma anche no. Qui Vodafone non impone dei limiti di salvaguardia, stabilisce che l'opzione è valida solo su territorio nazionale. Anche nel caso di Vodafone Shake, l'operatore stabilisce che in ambito UE il traffico di 5 GB previsto dal piano passi a 2,5 GB e, dopo, si paga a consumo. L'applicazione del limite di salvaguardia, anche in questo caso, è altamente discutibile.

Il tuo operatore non è corretto? Invia un reclamo 

Se anche il tuo operatore applica restrizioni al piano tariffario quando viaggi in uno dei paesi dell'Unione europea, fai sentire la tua voce. Invia subito un reclamo utilizzando il nostro servizio online. Puoi anche scegliere di farti aiutare da uno dei nostri avvocati.

Invia subito un reclamo

In quali Paesi è possibile utilizzare la propria tariffa nazionale?

Al momento la normativa prevede che sia possibile chiamare, inviare sms e navigare sfruttando la propria tariffa nazionale anche in Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Svezia, Regno Unito. Restano fuori da questo primo gruppo Islanda, Liechtenstein e Norvegia, a cui il roaming europeo dovrebbe essere esteso a breve. Per Svizzera, Principato di Monaco e Repubblica di San Marino, invece, non risultano essere previste inclusioni a breve termine.

Risparmiare si può, ti aiutiamo noi

Con una proposta sempre più diversificata, orientarsi nel mercato delle tariffe telefoniche può risultare complicato. Stai cercando un'offerta che ti aiuti a risparmiare sulla bolletta? Prova il nostro comparatore che mette a confronto centinaia di offerte per aiutarti a fare la scelta giusta.

Trova la tariffa più conveniente


Stampa Invia