News

Tim, attese costose per rinnovare la tariffa

29 luglio 2013

29 luglio 2013

Le promozioni internet per smartphone possono metterci fino a quattro ore per essere rinnovate: nel frattempo, senza saperlo, navighi al di fuori del tuo piano tariffario e quindi paghi in più. Dopo le denunce degli utenti dell'app Ora basta!, abbiamo segnalato la società di telecomunicazioni all'Autorità garante.

Fino a quattro ore per il rinnovo della tua promozione internet sul cellulare, nel frattempo non sei coperto dal tuo piano e se resti connesso - in quel lasso di tempo e senza accorgertene - paghi in più rispetto a quanto previsto dalla tua tariffa. È quanto sta accadendo a molti utenti della TIM che ci hanno segnalato questa fregatura tramite l'app Ora basta! E noi lo abbiamo segnalato all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

 

Trova la tariffa più conveniente

 

Addebiti nel sonno

Il problema lo hanno avuto i consumatori che hanno attivato promozioni TIM internet per smarphone sia settimanali che mensili. Per problemi tecnici della società, servono quattro ore per il rinnovo: un lasso di tempo, tra la mezzanotte e le quattro del giorno dopo, in cui non si è coperti dal proprio piano tariffario nè per il traffico telefonico nè per la navigazione. Ma gli smartphone restano connessi 24 ore su 24 ed evitare questi addebiti, soprattutto se non se ne sa niente e con le mille app spesso lasciate aperte, è difficile. I prelievi, intanto, vengono tranquillamente effettuati da Tim sul credito residuo, senza nessuna notifica. Solo in pochi se ne accorgono perché le singole somme sono esigue, ma se le moltiplichi per tanti mesi...

TIM riconosce, ma non fa nulla

Abbiamo più volte presentato domande di conciliazione a Tim per conto dei nostri soci e ogni volta la società ha riconosciuto il rimborso totale delle somme ingiustamente addebitate. Non solo, anche chiamando il centro assistenza si ha conferma che le spese ulteriori rispetto al proprio piano vengono addebitate per un loro problema. TIM, quindi, ne è consapevole, ma non fa nulla per risolvere la situazione, né tantomeno avverte i consumatori. A parte un avviso sul sito, ma ben nascosto.


Stampa Invia