Speciali

L'associazionismo medico: che cos'è?

29 settembre 2016
L'associazionismo medico

29 settembre 2016

Medicina "in gruppo" e "in rete" sono le due espressioni dell'associazionismo medico: ma quali sono i vantaggi per i pazienti?

Cos'è l'associazionismo medico

I medici di famiglia possono lavorare individualmente o associarsi in modo libero e volontario tramite due diverse modalità:

Questi tipi di collaborazione hanno lo scopo di garantire al cittadino un servizio migliore e offrirgli la possibilità di rivolgersi a uno degli altri medici associati in caso di urgenza e in caso di assenza del proprio medico. È possibile consultare gli altri medici associati solo per prestazioni non rimandabili al giorno successivo (se si ha bisogno urgentemente di un certificato o della prescrizione di un farmaco) e nel rispetto degli orari e delle modalità organizzative dei singoli studi.


Spesa finanziata dal ministero dello Sviluppo economico ai sensi del Decreto 6 agosto 2015.
La medicina "in gruppo"

La medicina "in gruppo" è una forma di associazionismo e prevede che un gruppo di medici di famiglia svolga la propria attività in ambulatori collocati in una stessa sede. Ecco alcuni vantaggi:

  • la possibilità di avere risposte qualificate e tempestive nei casi di urgenza, anche quando il proprio medico di famiglia non è disponibile;
  • nell’ambulatorio sono spesso presenti un infermiere o un servizio di segreteria che offrono un miglior servizio di accoglienza, riduzione delle attese e possibilità per i medici di dedicare più tempo all’assistenza; 
  • l’infermiere, per esempio, può svolgere attività, come misurare la pressione o effettuare delle medicazioni, collaborando direttamente con il medico;
  • in molti ambulatori gli assistiti possono prenotare esami e visite specialistiche, ritirare alcune tipologie di farmaci, effettuare i prelievi di sangue.
La medicina "in rete"

La medicina "in rete" è una forma di associazionismo e prevede che i medici di famiglia, pur svolgendo la propria attività in sedi differenti, siano collegati tra loro in modo informatico, in rete, appunto. Ecco alcuni vantaggi:

  • ogni medico associato in rete ha l’accesso alla storia clinica dell’assistito contenuta nelle schede individuali e può, in caso di necessità, rilasciare una prescrizione farmaceutica o specialistica;
  • è assicurato un coordinamento degli orari di apertura degli studi medici, con almeno uno studio del gruppo aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì.