Come testiamo

Asili nido di Milano: il metodo dell'inchiesta

30 gennaio 2020
asili nido

Dai costi alla mensa fino alle attività extra: abbiamo visitato 155 strutture private di Milano per aiutarti a scegliere il nido privato più adatto alle tue esigenze.

Scopo dell’inchiesta è fornire al consumatore alcune informazioni di base per effettuare una scelta relativa all’asilo nido in cui iscrivere il proprio figlio. Lo scopo non è quindi quello di dare una valutazione esaustiva a ciascuna struttura: alcuni elementi importanti non possono essere rilevati a seguito di una visita (per esempio la qualità dell’insegnamento o le capacità delle educatrici di trasmettere affetto ed empatia ai bambini). Abbiamo rilevato solo le informazioni rilasciate telefonicamente e gli elementi visibili che un genitore può controllare con una semplice visita alla struttura.

Oggetto dell’indagine sono i nidi che ospitano almeno 11 bambini, anche di età inferiore ai due anni. Sono quindi esclusi i micronidi, in base alla definizione della Regione Lombardia, e le strutture che hanno solo la sezione primavera. 

Tutti i nidi di Milano con questi requisiti (e che ci hanno concesso di visitare la struttura) sono stati oggetto dell’inchiesta e valutati dai nostri collaboratori (l’inchiesta si è svolta tra il 23 settembre e metà novembre): i collaboratori – in forma anonima - hanno prima contattato i nidi telefonicamente, chiedendo informazioni per un eventuale inserimento tra gennaio e settembre di un bambino di un anno/un anno e mezzo (a seconda della situazione che realmente si presentava). Lo scenario prevedeva che il bambino fosse residente nel comune in cui veniva effettuata la ricerca. 

A seguito delle telefonate, tutte le strutture sono state visitate (sempre in modo anonimo) e – in queste occasioni – sono state rilevate le caratteristiche degli spazi interni ed esterni al nido. 

Le nostre valutazioni hanno riguardato:

  • Orari e tariffe
  • Cucina
  • Orientamento all'inglese
  • Attività specifiche più frequenti
  • Caratteristiche degli spazi interni
  • Caratteristiche degli spazi esterni
  • Manutenzione degli spazi
  • Disponibilità e trasparenza sui siti

I nidi della città di Milano sono stati divisi in base alla zona di appartenenza (in coerenza con la suddivisione fatta dal Comune in Municipi).

scopri i risultati del test

Va inoltre detto che alcune caratteristiche rilevate vanno considerate semplicemente come “descrittive”: non diamo una valutazione di merito, ma semplicemente informiamo il consumatore in modo tale che possa orientarsi nella propria scelta. Per esempio. Rilevare che la cucina è interna o esterna non è di per sé un elemento che ne definisce la qualità: la preferenza dipende dai genitori.

Per gli spazi interni abbiamo verificato in particolare la presenza di alcuni elementi, a nostro parere fondamentali per orientare alla scelta del nido: la presenza delle zone di accoglienza, mensa, riposo e lettura (specificando per la mensa e il riposo se si tratta di zone esclusive o ricavate da altre aule); l’adeguatezza di mobili, sedie, tavoli, wc e lavandini, verificando che siano a misura di bambino

Per spazi esterni si intendono cortili, giardini, prati o qualsiasi ambiente esterno accessibile, fruibile ed esclusivamente dedicato ai bambini del nido. L’inchiesta ha verificato sia l’esistenza dello spazio esterno, sia valutato il materiale di cui è fatto il calpestio (erba, cemento, materiale sintetico antiurto o diversi materiali). Abbiamo inoltre verificato la presenza di alberi e arbusti e di giochi fissi (altalene e/o scivoli).

L’orientamento all’inglese. Nell’inchiesta abbiamo consideratori sia i nidi interamente in inglese, cioè in cui le educatrici sono madrelingua e parlano ai bambini interamente in inglese, sia i bilingui e quelli che prevedono solo una o alcune attività in inglese. Non sempre la differenza tra queste ultime due categorie è netta e dipende dalla quantità, qualità e frequenza con cui vengono svolte le attività.

Per le attività extra, abbiamo rilevato le più frequenti: giochi d’acqua (tipo piscina estiva), espressivi (teatro, canto, burattini, musica…) e orto. 

La valutazione della disponibilità è stata attribuita in base all’atteggiamento tenuto dagli interlocutori del nido. I rilevatori hanno in particolare valutato la disponibilità e la cortesia attribuendo un giudizio per l’atteggiamento mostrato nel corso della telefonata e un giudizio per quello mostrato nel corso della visita.

 La valutazione di trasparenza considera la presenza di un sito relativo all’asilo nido. Il sito dovrebbe riportare in modo completo le informazioni rilevanti. Nella nostra valutazione abbiamo considerato che un sito ben fatto dovrebbe contenere almeno: tariffe, orari, attività e informazioni sulla ristorazione. Abbiamo infine verificato che le informazioni contenute nel sito fossero corrette e aggiornate, confrontandole con quelle raccolte nel corso della rilevazione.