News

Merenda al parco: come lavare le mani ai bimbi?

31 maggio 2017
salviettine bambino

31 maggio 2017

I bimbi giocano, le manine si sporcano e quando arriva il momento della merenda bisogna inventarsi un modo per pulirle al meglio. L'acqua non è sufficiente a eliminare tutti i batteri, mentre salviettine e gel possono causare problemi. La soluzione migliore, in realtà, è anche più semplice di quanto si possa pensare.

Il parco è sinonimo di gioco e merenda, ma quando arriva il momento di fare lo spuntino di metà pomeriggio, è inevitabile che le mani dei bimbi siano sporche e debbano essere lavate prima di magiare. Spesso oltre al sudore e ai batteri presi toccando l'erba o la terra, senza che ce ne accorgiamo potrebbero esserci contaminazioni da deiezioni. E anche se nell'area giochi è presente una fontanella, l'acqua non basta da sola a rimuovere sporco e batteri, nemmeno sfregando bene. Cosa fare dunque?

Salviettine o gel?

Tra i rimedi spesso più utilizzati in questi casi, ci sono le salviettine umidificate e i gel igienizzanti. Le salviettine possono rimuovere lo sporco, soprattutto se si sfrega bene, ma non rimuovono del tutto i batteri: insomma, l'azione meccanica unita all'azione delle sostanze lavanti non è sufficiente. I gel (l'amuchina ne è un esempio) invece non rimuovono lo sporco, ma disinfettano perché hanno un contenuto alcolico elevato. In entrambi i casi però parte delle sostanze chimiche usate nella pulizia restano sulle mani, perché non c’è risciacquo (al contrario di quando ci laviamo le mani con acqua e sapone). Il rischio quindi è che queste sostanze chimiche vengano ingerite insieme alla merenda o creino sensibilizzazione alla pelle dei bambini (soprattutto profumi e conservanti). Si tratta quindi di prodotti che si possono usare ma avendo la cautela anche di lavare le mani sotto l’acqua della fontanella per rimuovere le sostanze chimiche: beninteso che la soluzione migliore però resta quella di non toccare direttamente l’alimento con le mani. 

La soluzione sta nella merenda

Dato che spesso non è possibile lavare le mani con acqua e sapone e non si riesce nemmeno a fare merenda prima di andare al parco, la soluzione migliore sta nell'organizzare al meglio lo spuntino. Basta scegliere delle merendine confezionate singolarmente oppure ricordarsi di portare fazzolettini o tovagliolini: mettendo una barriera tra mani e cibo (che sia l'involucro della merenda, un tovagliolo di carta o un fazzoletto), si può evitare che i batteri contaminino l'alimento. Quindi anche la scelta della merenda è importante. Ad esempio, oltre ai motivi nutrizionali, le patatine sono una pessima scelta perché la mano sporca pesca direttamente nel sacchetto e poi a volte addirittura ci si lecca le dita. Così come per il gelato, è meglio scegliere la coppetta o il ghiacciolo con bastoncino in legno rispetto al cono, con cui sarebbe sempre meglio utilizzare un tovagliolo per evitare il contatto diretto con le mani.


Stampa Invia