Speciali

La sicurezza in campeggio: ecco cosa non sottovalutare

28 luglio 2017
campeggio

28 luglio 2017

La sicurezza di un campeggio non è da sottavalutare e dipende da molti fattori. Ma come capire se un campeggio è sicuro per il nostro soggiorno? Ecco il nostro decalogo e i consigli per i campeggiatori.

I campeggi offrono svago e relax in mezzo alla natura, talvolta però possono nascondere pericoli: ti aiutiamo a conoscerli in modo da evitarli. Chi progetta di trascorrere le vacanze in un campeggio cerca divertimento e riposo in un ambiente a stretto contatto con la natura, senza rinunciare ad alcune comodità. Il soggiorno però non è completamente privo di pericoli: un campeggio è un'area recintata, con acqua e luce elettrica, spesso in mezzo a un bosco o a una pineta, dove convivono centinaia di persone e si accumulano moltissime attrezzature (tende, tendoni, mobili da giardino, bombole del gas, veicoli di ogni genere...). Inoltre, essendo un luogo di svago famigliare, sono molti i bambini, anche molto piccoli, che girano liberamente come se fossero a casa, ignari dei pericoli che li circondano.

Il decalogo per un campeggio sicuro

  1. Deve trovarsi in un ambiente sufficientemente sicuro (non vicino a un'autostrada o in un altro posto ugualmente pericoloso).
  2. All'arrivo, il campeggiatore deve essere fornito di una pianta completa dell'impianto e di tutte le informazioni particolareggiate e personalizzate che gli consentano di trovare velocemente una via di uscita dal campeggio.
  3. Deve disporre di uscite di emergenza, ben distribuite lungo tutto il perimetro e in numero adeguato alla quantità dei campeggiatori. Le uscite di emergenza devono poter essere aperte da chi si trova in quella determinata zona del campeggio e condurre a un luogo sicuro. È importante che siano ben illuminate.
  4. Vialetti, uscite di emergenza e aree comuni devono essere ben illuminati.
  5. Deve avere zone aperte per consentire un agevole deflusso delle persone (le aree destinate agli sport o ai giochi sono molto utili a questo proposito). È bene che siano ubicate vicino alle uscite in modo che, in caso di emergenza, la gente possa defluire senza creare pericolosi imbuti.
  6. Nella struttura non si devono depositare materiali facilmente infiammabili: tende, legno recinzioni, aghi di pino o foglie secche accumulate e non raccolte, immondizia, per esempio.
  7. Le bombole di gas vanno mantenute in posizione verticale, protette dal sole e da fonti di calore, fuori dalla portata dei bambini.
  8. Gli estintori e i tubi dell'acqua devono essere distribuiti in tutto il campeggio.
  9. Il campeggio deve essere dotato al suo interno di rallentatori di velocità. La velocità massima consentita non deve superare i 10 km all'ora.
  10. L'ideale è che, una volta sistemati, i campeggiatori lascino le auto fuori dal recinto. Se ciò non è possibile, è bene che un'area, lontano dalle tende e dalle altre installazioni, sia adibita a parcheggio e regolamentata da orari precisi per l'accesso.

Consigli per i campeggiatori

  • All'arrivo pianifica bene come e dove piantare la tenda. Dedica un po' di tempo a imparare i vari percorsi, controlla qual è l'uscita di emergenza più vicina e verifica che sia utilizzabile.
  • Se sei in compagnia di bambini, ispeziona il campeggio assieme a loro, insegnagli a orientarsi e a identificare i possibili pericoli.
  • Adopera tutte le precauzioni possibili nella vita quotidiana in campeggio, specialmente quando maneggi bombole e fornelli e così via.
  • Non accumulare oggetti ed elimina di frequente l'immondizia.
  • In caso di emergenza, agisci con rapidità, ma senza fretta. Non cedere alla tentazione di andare a vedere che cosa sta succedendo: è meglio allontanarsi dal pericolo. Rispetta le indicazioni per sgombrare e raggiungi l'uscita assieme ai tuoi familiari o ai tuoi amici. Un'ultima cosa, dimentica la macchina: prendi solo i documenti, i soldi e altri oggetti di valore, purché non siano pesanti. Una torcia elettrica e una coperta potrebbero essere utili.