Bonus barriere architettoniche 2022: cos'è e come ottenerlo
PRONTO TASSE

Bonus barriere architettoniche 2022: cos'è e come ottenerlo

04 aprile 2022
  • contributo tecnico di
  • Tatiana Oneta
  • di
  • Luca Cartapatti

04 aprile 2022
  • contributo tecnico di
  • Tatiana Oneta
  • di
  • Luca Cartapatti

Per gli interventi volti ad eliminare le barriere architettoniche spetta una detrazione del 75%.

Come funziona il Bonus barriere architettoniche

Per gli interventi volti ad eliminare le barriere architettoniche spetta una detrazione del 75%.

Quanto recuperi

È una detrazione, prevista per le spese sostenute nel 2022 per interventi finalizzati al superamento o alle'eliminazione delle barriere architettoniche. Recuperi il 75% della spesa sostenuta con limiti che variano a seconda della tipologia di edificio coinvolto nell'intervento. La detrazione è ripartita in 5 quote annuali di pari importo.

Dove le indichi

Nel quadro E a partire dal modello 730/2023.

Documenti da conservare

  • Fatture comprovanti la spesa, in cui risulta il codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • Ricevute di pagamento.

Le spese detraibili

Sono detraibili al 75% le spese sostenute nel 2022 per l'eliminazione o il superamento di barriere architettoniche e per interventi di automazione degli impianti funzionali all'eliminazione delle stesse.

Gli interventi devono esser fatti su edifici esistenti, non di nuova costruzione e la relativa detrazione spetta per una spesa massima di:

  • 50.000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano
    di uno o più accessi autonomi dall’esterno;
  • 40.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da due a otto unità immobiliari;
  • 30.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.

La detrazione viene ripartita in 5 quote annuali di pari importo, in alternativa è possibile accedere alla cessione del credito o allo sconto in fattura. Ricordiamo che è possibile utilizzare la detrazione meno conveniente del 50% che viene ripartita in 10 quote annuali di pari importo ma che per gli edifici singoli ha un limite di spesa maggiore.

I lavori ammessi alla detrazione sono quelli che rispondono ai criteri di progettazione individuati dal Decreto del Ministero dei lavori pubblici del 14 giugno 1989 n.236. 

 

 

 


Stampa Invia