News

Bonus acqua potabile: il credito d'imposta passa dal 50% al 30%

Approvato con la legge di bilancio 2021, il bonus acqua potabile prevedeva il riconoscimento di un credito d’imposta fino al 50% della spesa per l’acquisto di depuratori d’acqua nella propria abitazione con lo scopo di ridurre l’utilizzo di bottiglie di plastica destinate alle acque per uso potabile. L' Agenzia delle entrate però ha rifatto i conti e la percentuale di credito d'imposta in realtà scende al 30%. Ecco come funziona e come ottenerlo.

  • contributo tecnico di
  • Tatiana Oneta
  • di
  • Michela Di Mario
01 aprile 2022
  • contributo tecnico di
  • Tatiana Oneta
  • di
  • Michela Di Mario
bonus acqua potabile

Hai deciso di installare un depuratore per il trattamento dell’acqua di casa? Grazie al bonus acqua potabile, puoi ottenere un credito d'imposta su parte della spesa sostenuta per l’acquisto. Il bonus può essere utilizzato per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare E290.

Scopo del bonus è la riduzione dell’utilizzo di bottiglie di plastica destinate alle acque per uso potabile. L'Enea, l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, si occuperà di raccogliere i dati del reale impatto ambientale che questa misura comporterà nei prossimi due anni. Ma come funziona precisamente? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Che cos’è il bonus acqua potabile

Il bonus viene riconosciuto attraverso un credito d’imposta fino al 50% calcolato sulla spesa sostenuta dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2023 fino a un massimo di 1.000 euro a unità immobiliare per i cittadini e un massimo di 5.000 euro per le attività commerciali e istituzionali.

Il Governo ha stanziato 5 milioni di euro all’anno per questa misura, quindi l’Agenzia calcolerà la percentuale realmente riconosciuta come credito d’imposta dividendo questo importo al totale complessivo di tutte le comunicazioni che sono state inviate. In pratica, la percentuale del credito d’imposta massimo riconosciuto è del 50% che potrebbe aumentare o diminuire annualmente in base all’importo complessivo di richieste che vengono inviate all’Agenzia delle entrate (quindi non è detto che l'importo corrisponda a 500 euro su una spesa di 1.000 euro).

Per il 2021 l'Agenzia delle entrate ha fatto i conti sulla base degli oltre 16 milioni di euro di richieste a fronte dei 5 stanziati e ha stabilito che per le spese sostenute nel 2021 spetta un credito d'imposta pari al 30, 3745% da applicare al credito richiesto e indicato a colonna 4 del modulo utilizzato per presentare la domanda di riconoscimento del bonus. In pratica si parla di poco più del 30%, per sapere con precisione quanto credito si possegga è bene verificare sul sito dell'Agenzia delle entrate loggandosi al proprio cassetto fiscale. In questo modo sarà possibile utilizzarlo per la compilazione della dichiarazione dei redditi o in compensazione tramite modello F24. 

La buona notizia è che non esistono vincoli di spesa e di numero o tipologia di utilizzo delle abitazioni in cui mettere il depuratore: per esempio, se decidi di installare un depuratore in casa e uno nell’abitazione al mare, puoi ottenere il bonus per entrambi i casi. Il credito d’imposta non viene considerato nel calcolo del reddito imponibile e può essere richiesto da persone fisiche, imprese, professionisti ed enti che posseggono o detengono a qualsiasi titolo (proprietà, affitto, comodato...) immobili.

Come ottenere il credito d’imposta

La spesa deve essere documentata tramite fattura elettronica o documento commerciale in cui sia riportato il codice fiscale di chi richiederà il credito d’imposta. Ricordati che devi pagare con un mezzo tracciabile, non puoi utilizzare i contanti.

Per le spese sostenute fino al 16 giugno 2021 vengono considerati validi tutti i mezzi di pagamento e se la fattura o lo scontrino non riportano il tuo codice fiscale puoi annotarlo sul documento. Attenzione: questa modalità non è concessa a partire dai documenti emessi dal 17 giugno 2021.

Il bonus viene riconosciuto solo comunicando all’Agenzia delle entrate la spesa sostenuta entro il 28 febbraio dell’anno successivo. Quindi per i depuratori installati nel 2021 entro il 2022, mentre per le installazioni dell’anno prossimo avrai tempo fino al 28 febbraio 2023.

Il bonus potrà esser utilizzato in compensazione per pagare altre imposte tramite il modello F24, oppure può essere indicato nella dichiarazione dei redditi. In questo caso, richiedendo il bonus nel 2021 per l’installazione di depuratori, potrai inserire il credito d’imposta nella dichiarazione dei redditi che presenterai nel 2022 e ottenere così l’importo con i tempi del 730 e del modello Redditi.

Agenzia delle entrate: come richiedere il bonus

Tra il 1° e il 28 febbraio 2022 dovevi presentare all’Agenzia delle entrate il modulo di “comunicazione delle spese per il miglioramento dell’acqua potabile” per le spese sostenute nel 2021.

La comunicazione può essere inviata esclusivamente in via telematica tramite il sito dell’Agenzia delle entrate, direttamente dal contribuente o tramite un intermediario abilitato (commercialista, Caf). Una volta presentata la comunicazione, l’Agenzia entro 10 giorni rilascia una ricevuta che potrai trovare nella tua area riservata e che attesta la presa in carico o il rifiuto, con l’indicazione delle relative motivazioni.

Il nostro impegno per l'acqua pubblica e di qualità

Come Altroconsumo, siamo da sempre impegnati per promuovere l'acqua pubblica e di qualità. L'acqua è uno dei punti fondamentali del nostro Manifesto Green - A prova di futuro, attraverso cui abbiamo messo nero su bianco il nostro impegno per:

  • Promuovere l’accesso dei cittadini alle informazioni sulla qualità dell’acqua e a fornire loro una corretta informazione affinché possano compiere scelte consapevoli in merito a come risparmiare sul consumo di acqua in casa, come ottimizzare il proprio impianto, quale acqua consumare a tavola;
  • Promuovere lo strumento della Conciliazione per la risoluzione delle controversie con i gestori del servizio idrico;
  • Mettere a disposizione di tutti i cittadini il proprio servizio di analisi dell’acqua del rubinetto di casa.

Scarica il Documento con i nostri impegni a favore dell'acqua pubblica e di qualità

Scarica il nostro Manifesto Green - A prova di futuro

Finanziato dal MiSE. Legge 388/2000 - ANNO 2021