News

Multe notificate oltre i 90 giorni: il Comune di Milano obbligato a modificare i verbali

08 giugno 2017
multa

08 giugno 2017

Il Tar ha accolto il ricorso di Altroconsumo contro il Comune di Milano definendo illegittima la prassi di indicare nei verbali di accertamento una dicitura errata sui tempi di notifica, che per legge deve avvenire entro 90 giorni dalla data di infrazione e non dalla data di visione dei fotogrammi da parte degli agenti di Polizia.

Multe notificate dopo 90 giorni dalla data di infrazione e inviate dando informazioni scorrette ai cittadini. Dopo aver ricevuto tra l'ottobre 2014 e il settembre 2015 ben 12 mila segnalazioni di questo tipo, avevamo depositato un ricorso (introduttivo di una class action pubblica) contro il Comune di Milano chiedendo che il Tar ordinasse al Comune di correggere il comportamento illegittimo a danno dei cittadini che avevano segnalato multe notificate ben oltre i 90 giorni dalla data dell’infrazione e sottolineando l’interpretazione errata della norma da parte dell’amministrazione. Ora il Tar della Lombardia ci ha dato ragione e il Comune sarà obbligato a modificare la dicitura errata sui tempi di notifica dai suoi verbali.

Dubbi su una multa? Contattaci

Hai un dubbio su una multa ricevuta? Sono trascorsi 90 giorni dalla data di infrazione e ti hanno inviato un verbale? Affidati alla consulenza legale, uno dei nostri avvocati ti aiuterà passo passo a capire com'è meglio procedere e a trovare la situazione migliore. Chiamaci allo 02 6961550 dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Ora il comune si adegui alla legge

Accogliamo con soddisfazione la decisione del Tar, chiediamo che il Comune intervenga nei tempi previsti dalla sentenza a favore di coloro che hanno subito un’ingiustizia. Ora la legge deve essere interpretata correttamente. Vigileremo sul comportamento dell’amministrazione comunale e se necessario valuteremo ulteriori iniziative a favore degli automobilisti.

Perché queste multe sono illegittime?

L'interpretazione errata, indicata dal Comune, ora deve essere eliminata e modificato il testo contenuto nei verbali di accertamento. I 90 giorni previsti per la contestazione del verbale devono partire dalla data di infrazione e non da quella di visione dei fotogrammi da parte degli agenti di Polizia.


Stampa Invia